Cerca nel blog

giovedì 19 dicembre 2013

VODAFONE RINNOVA L’OFFERTA PER LA CASA



 

 


VODAFONE RINNOVA L'OFFERTA PER LA CASA 

Con FIBRA e ADSL inclusi anche 2GB per navigare in mobilità 

Nasce Telefono Ovunque, la nuova offerta per chiamare da casa e con il cellulare 

I Clienti ADSL navigano fino a 20 Mega, mentre prosegue l'estensione della rete in FIBRA, ora disponibile in 34 città

Milano 19 dicembre 2013 – Vodafone Italia rinnova la propria offerta di linea fissa, per venire incontro alle esigenze di tutti i Clienti, sia quelli che cercano un servizio solo voce, sia coloro che vogliono un accesso a internet super veloce con ADSL fino a 20 Mbps o con rete in FIBRA di nuova generazione.  

Tutti i clienti che scelgono un'offerta Vodafone ADSL o FIBRA possono inoltre utilizzare la propria connessione anche mobilità, grazie ad una SIM dati con 2GB di traffico internet, inclusa in tutte le offerte. La SIM può essere utilizzata con tablet, PC, internet key e modem wi-fi compatibili e consente di navigare fino alla velocità di 43,2 Mbps.

I Clienti che desiderano invece utilizzare i servizi voce a casa e in mobilità, possono scegliere la nuova offerta Telefono Ovunque, che comprende chiamate illimitate verso tutti i numeri fissi nazionali e internazionali, 500 minuti verso i tutti i cellulari e il telefono di casa Vodafone Classic. Con Telefono Ovunque, al costo di 29 euro al mese, sono inoltre inclusi 500 minuti di traffico voce su SIM ricaricabile da utilizzare in mobilità con il proprio cellulare, con il vantaggio di avere un unico conto telefonico senza dover più ricaricare il cellulare e con un servizio clienti dedicato sia per il fisso che per il mobile.

Tutti i Clienti ADSL raggiunti dalla rete fissa Vodafone possono connettersi ora fino alla velocità di 20 Mbps, per godere appieno di film, musica e contenuti multimediali in streaming, scegliendo tra tre differenti offerte:

-   ADSL e Telefono Completo Limited Edition, che include internet illimitato da casa, chiamate verso i numeri fissi – in Italia e all'estero - e verso tutti i cellulari nazionali, 2GB di internet veloce in mobilità, al costo di 39 euro mensili.

 

-    ADSL e Telefono Start che include, al costo di 32 euro mensili, traffico internet illimitato da casa, chiamate verso i numeri fissi e i cellulari Vodafone a 19 cent a chiamata, 2GB di internet veloce in mobilità.

 

-    Solo ADSL, con internet illimitato da casa e 2GB di internet veloce in mobilità al costo di 30 euro mensili.

Per i clienti che desiderano sperimentare la velocità della FIBRA Vodafone sono disponibili le seguenti offerte, attive oggi in 34 città italiane: 

-   FIBRA e Telefono Senza Limiti: con Internet illimitato ad una velocità di 30 Mbps e chiamate verso tutti i numeri fissi - nazionali ed esteri – e i cellulari Vodafone. Le chiamate verso i numeri mobili nazionali sono tariffate 19 cent al minuto, con 16 cent di scatto alla risposta. Il costo è di 45 euro mensili, in offerta a 39 euro per i primi 6 mesi. I clienti residenti a Milano possono scegliere l'offerta FIBRA e Telefono 100 Mega che, alle stesse condizioni, permette di navigare alla velocità di 100 Mbps.

 

-   FIBRA e Telefono Start: l'offerta include Internet illimitato a 30 Mbps, chiamate verso i numeri mobili nazionali a 19 cent al minuto e 16 cent di scatto alla risposta. Il costo mensile è di 39 euro, in promozione a 32 euro per i primi 6 mesi.

Tutte le offerte Vodafone per la casa in ADSL e FIBRA prevedono l'attivazione del Pacchetto Casa, che comprende: il router wifi di ultima generazione Vodafone Station 2Rete Sicura (il primo servizio che protegge la navigazione Internet direttamente sulla rete Vodafone, senza la necessità di installare software né eseguire configurazioni), i Servizi Voce (segreteria telefonica, deviazione e identificazione delle chiamate) e la APP Vodafone Station 2 per utilizzare il proprio smartphone come cordless di casa. Il Pacchetto Casa è in abbinamento a tutti i piani Vodafone ADSL e FIBRA e prevede un contributo di attivazione di 3 euro al mese per 36 mesi. Per chi lo desidera, è inoltre possibile acquistare con un contributo aggiuntivo di un euro al mese per 36 mesi un modem wifi per connettere in mobilità fino a 5 diversi device contemporaneamente.

Per ulteriori informazioni e per verificare la copertura della propria abitazione è possibile consultare il sito www.vodafone.it.

 


BlackBerry - BBM: utilizzata dall'85% delle aziende che hanno scelto il BES 10


 

 

 

 

 

 

December 19, 2013

FOR IMMEDIATE RELEASE

Enterprises Choose BBM to Drive Mobile Collaboration and Communications, Improve Productivity

 

BBM on BlackBerry smartphones with BES offers organizations in regulated industries the ability to log, archive and audit BBM messages

 

WATERLOO, ON – BlackBerry® (NASDAQ: BBRY; TSX: BB) today announced that BBM™, a leading mobile messaging platform, is used by more than 85% of BlackBerry Enterprise Server (BES) enabled organizations running BlackBerry smartphones, an end-to-end solution that allows logging, archiving and auditing of BBM conversations and aids in meeting compliance requirements in regulated industries.

 

Administrators can ensure that data is secure, whether in-transit or at-rest. Data in transit can be encrypted end-to-end within the organization and only BlackBerry provides a root of trust with a security model that runs from the CPU through the OS, file system and the applications level, all built by BlackBerry. End-to-end encryption for BBM use within the organization is available today on BlackBerry OS and will become available this spring for BlackBerry 10 users in regulated environments.

 

"While BBM among business customers may have started organically, we know organizations choose BBM today to improve communications and collaboration. Employees get an amazing messaging experience that gives them immediate, active conversations with their peers, which helps drive better communications and collaboration, and improves mobile productivity," said Andrew Bocking, Executive Vice President of BBM at BlackBerry. "Organizations in regulated industries that need to meet compliance requirements can use BBM on BlackBerry smartphones with BES, which provides them with the ability to track and log BBM communications."

 

"Mobile instant messaging in the enterprise as a priority application has to be implemented with a view to meeting compliance, privacy and security standards," said IDC analyst John Jackson. "BBM for use in regulated environments on BlackBerry has been designed to meet these demands."

 

-more-

"We are an organization with confidential information that needs to be shared reliably, securely and immediately, and we rely on BBM to make this happen," said Bruce Bowser, President, AMJ Campbell Inc.

 

"Our teams need the ability to share important information through an instant and trusted channel. We choose BBM for our team mobile messaging communications," said Nigel Carpenter, CIO, Canadian Diabetes Association. "BBM is also our go to for emergency situations where email would be unreliable and is integrated into our business continuity plan."

 

Enterprise customers with BlackBerry smartphones can take advantage of key BBM and BlackBerry features to help drive collaboration and productivity, such as:

·         BBM Voice – High quality calling over Wi-Fi® that avoids long distance charges

·         BBM Video and Screen Sharing on BlackBerry 10 smartphones – Chat face-to-face, or collaborate by sharing docs or files from your display

·         BBM Groups – Up to 30 people can collaborate, share schedules, lists, calendars and photos

·         Private BBM Channels – Invite-only BBM Channels for chats, commenting and broadcasting information to a targeted community of employees

·         BlackBerry Keyboard – Enjoy the speed, accuracy and confidence that a BlackBerry keyboard brings while connecting with BBM Contacts

"Being able to communicate with our colleagues at the race track with the immediacy of BBM allows us to drive important decisions with the best information no matter where in the world we are," said Toto Wolff, Executive Director, Business at MERCEDES AMG PETRONAS Formula One Team.

 

"BBM plays an instrumental role in our sales team's ability to collaborate with one another regardless of location. We have used BBM for years to share documents, photos and instant chat with one another to help create efficiencies throughout our organization. But more importantly, it allows the sales team to communicate with customers and partners and answer their questions in near real-time, which go a long way in forging those important relationships," said Jeff Goldstein, VP and General Manager at NetApp Canada.

 

"I have been an avid user of BBM since the beginning. Being able to communicate with friends, family and clients across the globe allows me to keep on top of everything no matter where I am," said James Dodds, Vice President, TD Bank Group. 

 

"With BBM, the efficiency and reliability of communication with my executive team has significantly increased and we are able to make better decisions, faster," said Francois Boisvert, VP, Consulting Services at Macadamian.

 

Businesses see the benefits of choosing a trusted, secure solution like BES and BBM to ensure they have empowered employees and maintained a level of responsibility to the organization or industry.

-more-

Useful Links

 

About BBM

Introduced in 2005, BBM set the standard for mobile messaging and continues to drive innovation in messaging and private social networking. Today, BBM is one of the largest private social mobile networks, driving real, active conversations. Customers love BBM for its privacy, controls and immediacy with Delivered and Read statuses and message-in-progress notices.  

 

About BlackBerry

A global leader in wireless innovation, BlackBerry® revolutionized the mobile industry when it was introduced in 1999. Today, BlackBerry aims to inspire the success of our millions of customers around the world by continuously pushing the boundaries of mobile experiences. Founded in 1984 and based in Waterloo, Ontario, BlackBerry operates offices in North America, Europe, Asia Pacific and Latin America. BlackBerry is listed on the NASDAQ Stock Market (NASDAQ: BBRY) and the Toronto Stock Exchange (TSX: BB). For more information, visitwww.blackberry.com.

 

Media Contacts:

BlackBerry

Cinzia Liguori, Senior PR Manager South East Europe

Mobile: 3404531627

Email: cliguori@blackberry.com

 

APCO Worldwide (PR agency for BlackBerry)

Emilio Fabio Torsello

Mobile: +39.366.452.75.15

Email: etorsello@apcoworldwide.com

 

 

###

Forward-looking statements in this news release are made pursuant to the "safe harbor" provisions of the U.S. Private Securities Litigation Reform Act of 1995 and applicable Canadian securities laws. When used herein, words such as "expect", "anticipate", "estimate", "may", "will", "should", "intend", "believe", and similar expressions, are intended to identify forward-looking statements. Forward-looking statements are based on estimates and assumptions made by BlackBerry Limited in light of its experience and its perception of historical trends, current conditions and expected future developments, as well as other factors that BlackBerry believes are appropriate in the circumstances. Many factors could cause BlackBerry's actual results, performance or achievements to differ materially from those expressed or implied by the forward-looking statements, including those described in the "Risk Factors" section of BlackBerry's Annual Information Form, which is included in its Annual Report on Form 40-F (copies of which filings may be obtained at www.sedar.com or www.sec.gov). These factors should be considered carefully, and readers should not place undue reliance on BlackBerry's forward-looking statements. BlackBerry has no intention and undertakes no obligation to update or revise any forward-looking statements, whether as a result of new information, future events or otherwise, except as required by law.

 

BlackBerry and related trademarks, names and logos are the property of BlackBerry Limited and are registered and/or used in the U.S. and countries around the world. All other marks are the property of their respective owners. BlackBerry is not responsible for any third-party products or services.

 

 

Avnet e SanDisk annunciano un accordo di distribuzione mondiale

Avnet e SanDisk insieme per fornire a livello mondiale soluzioni storage innovative basate su memoria flash


Cinisello Balsamo, 19 dicembre 2013 - SanDisk Corporation (NASDAQ: SNDK), leader globale nelle soluzioni basate su memoria flash e Avnet, Inc. (NYSE: AVT), leader mondiale nella distribuzione tecnologica, annunciano un accordo per la distribuzione di una vasta gamma di soluzioni hardware e software con tecnologia flash di SanDisk per tutti i clienti in America del Nord, Europa, Medio Oriente e Africa (EMEA), Asia-Pacifico e America Latina attraverso i gruppi operativi Avnet Electronics Marketing e Avnet Technology Solutions. Questa partnership mondiale consente a SanDisk di sfruttare la dimensione globale, la portata e il modello di distribuzione di soluzioni uniche di Avnet rendendo ancora più facile a CIO, leader IT e decisori d'acquisto l'implementazione delle soluzioni storage solid-state innovative di SanDisk basate su memoria flash.

Grazie a questo accordo, Avnet diventerà uno dei maggiori distributori per il canale di vendita in espansione di SanDisk (SanDisk Commercial Business Channel), con l'offerta di dischi allo stato solido (SSD) e prodotti flash integrati per aziende, che verranno supportati da un ampio portafoglio di soluzioni business per i propri partner, quali VAR, sviluppatori OEM (produttori di apparecchiature originali) integrati, Integratori di Sistema (SI), System Builder e Direct Market Reseller.

"Proprio come le memorie flash hanno trasformato il mercato dell'elettronica di consumo, ora le stesse garantiscono performance significative e risparmi anche in ambito aziendale, trasformando l'economia dei data center e client computing. Esse stanno inoltre portando miglioramenti senza precedenti alle funzionalità di molte applicazioni del settore industriale, come attrezzature produttive, dispositivi medicali e infotainment automobilistico", ha dichiarato Henri Richard, senior vice president, Worldwide Commercial Sales and Support, SanDisk. "La profonda conoscenza di Avnet riguardo i prodotti storage e il suo approccio incentrato sul cliente, lo rende un partner distributivo ideale per i prodotti basati sulla tecnologia flash di SanDisk che ci consente di espandere ulteriormente la nostra leadership in questo mercato in crescita."

A partire da oggi, i prodotti disponibili attraverso Avnet comprendono:
- Soluzioni solide per migliorare la performance dei data center (inclusi: Lightning® e Optimus® SAS Enterprise SSDs, CloudSpeed SATA Enterprise SSDs, Lightning® PCIe Enterprise Solid State Accelerators, e FlashSoft® programma accelerazione server di SanDisk);
- SSD Client per incrementare la velocità di PC e notebook, reattività e tempi di avvio (inclusi SanDisk® X210 SSD e SanDisk® X110 SSD in vari form factor);
- Soluzioni basate su memoria flash SanDisk per uso commerciale in prodotti tecnologici di una vasta gamma di settori industriali, dall'automobilistico alla produzione fino alla comunicazione.

I prodotti SanDisk acquistati attraverso Avnet possono essere combinati con altri prodotti complementari offerti, in modo da creare soluzioni aziendali complete per i clienti finali. Avnet fornisce ai propri partner anche un'ampia gamma di strumenti per la formazione, risorse e servizi al fine di accelerare la crescita profittevole del loro storage business, come il Marketing personalizzato volto a identificare le opportunità di vendita, nonchè la creazione di kit di design e la partecipazione a programmi di valutazione per aiutare i clienti a sviluppare soluzioni attraverso la tecnologia SanDisk.

"La collaborazione con SanDisk arricchisce il nostro portfolio tecnologico mondiale con prodotti di uno dei migliori e più riconosciuti brand nelle memorie flash", ha commentato Phil Gallagher, Presidente mondiale di Avnet Technology Solutions. "La combinazione tra l'esperienza tecnica e le sofisticate capacita integrative di Avnet con i prodotti flash consolidati di SanDisk, permetterà ai nostri partner non solo di far fronte alla crescente domanda di prodotti per l'archiviazione basati su memoria flash nel mercato business, ma anche di creare soluzioni complete che forniscano un vantaggio competitivo nei mercati che coprono in tutto il mondo."

"I nostri clienti hanno bisogno di migliorare la performance e l'efficienza dei loro data center contenendone i costi", ha dichiarato Mike Thompson, Presidente e Direttore Esecutivo di Groupware Technology. "La nuova collaborazione mondiale di Avnet con SanDisk apre le porte a nuove opportunità e ci aiuta a creare soluzioni eccezionali che soddisfino le esigenze dei nostri clienti."

SanDisk Corporation (NASDAQ: SNDK), inclusa nella classifica Fortune 500 e nell'indice S&P 500, è leader globale nelle soluzioni per l'archiviazione su memoria flash. Per più di 25 anni, le idee e i prodotti innovativi di SanDisk hanno trasformato l'industria elettronica. Oggi, le soluzioni all'avanguardia di SanDisk sono al centro di molti dei più grandi data center del mondo e integrati nei più avanzati smartphone, tablet e PC. I prodotti SanDisk per i consumatori sono disponibili in centinaia di migliaia di punti vendita presenti in tutto il mondo. Per ulteriori informazioni, visitare il sito www.sandisk.com.

Avnet Technology Solutions
In qualità di distributore di soluzioni IT a livello globale, Avnet Technology Solutions collabora con i business partner e fornitori per creare e fornire servizi, soluzioni software e hardware d'eccellenza, in grado di soddisfare le esigenze IT dei clienti finali a livello locale e in tutto il mondo. Il gruppo è presente in North America, Latin America and Caribbean, Asia Pacific, and Europe, Middle East and Africa. Nell'esercizio fiscale 2013 ha generato un fatturato di 10.36 miliardi di dollari. Avnet Technology Solutions è un gruppo operativo di Avnet, Inc. Per maggiori informazioni: http://www.ts.avnet.com/it

Avnet Electronics Marketing è un gruppo operativo di Avnet, Inc., con sede a Phoenix, che si occupa di forniture per produttori di apparecchiature elettroniche originali (EOEM) e fornitori di servizi di produzione elettronica (EMS) in più di 80 paesi, mediante la distribuzione di componenti elettronici e sistemi integrati delle principali case produttrici e fornendo servizi di design-in e nell'ottimizzazione della supply chain. Il sito web del gruppo è www.em.avnet.com.
Avnet

Avnet, Inc.(NYSE:AVT), inclusa nell'elenco delle aziende Fortune 500, è uno dei principali distributori di componenti elettronici, prodotti per computer e tecnologia incorporata che serve clienti su scala globale. Avnet accelera il successo dei propri partner collegando i maggiori fornitori mondiali di tecnologia con un'ampia fascia di clienti, offrendo servizi e soluzioni economicamente vantaggiosi, con un valore aggiunto. Nell'anno fiscale terminato il 29 giugno 2013, Avnet ha prodotto ricavi pari a 25,5 miliardi di dollari. Per ulteriori informazioni: http://www.avnet.com

Waze e Lumata : il geomarketing protagonista nella distribuzione dei carburanti con la nuova campagna IP


Waze e Lumata : il geomarketing protagonista nella distribuzione dei carburanti con la nuova campagna IP

Il mobile marketing offre al mondo del petrol strumenti di comunicazione e "call to action" di grande efficacia. Un esempio concreto è fornito dalla campagna IP veicolata da Lumata attraverso l'app di social navigation Waze.

Milano, 19 Dicembre 2013 – La rete di distribuzione carburanti italiana è una delle più grandi d'Europa e conta migliaia di punti vendita. Per i brand di riferimento del settore diventa indispensabile diversificare e promuovere i propri distributori e non c'è dubbio che il geomarketing, ovvero le azioni che vengono poste in essere in funzione della posizione in tempo reale del cliente sul territorio, offre un'ampia gamma di opportunità.

Lumata, leader mondiale del mobile marketing e advertising, ha lanciato in questi giorni per IP una campagna di geolocalizzazione dei distributori attraverso Waze, l'app di social navigation. Gli utenti di Waze vedranno visualizzate all'interno delle mappe le stazioni di servizio più vicine rispetto alla loro posizione in real time e cliccando sul Pin geolocalizzato gli automobilisti potranno approfittare subito della vicinanza per fare rifornimento seguendo le indicazioni stradali fornite direttamente dall'applicazione.
Waze rappresenta uno strumento di enorme potenzialità in quanto è in grado di raggiungere quotidianamente un'audience di utenti assolutamente in target con gli obiettivi di comunicazione di IP, dato che si rivolge direttamente agli automobilisti che sono alla guida.

"La campagna che abbiamo realizzato per IP mette ancora una volta in risalto le enormi potenzialità che il geomarketing mette a disposizione dei retailer di qualsiasi tipologia merceologica" - sottolinea Filippo Arroni, Head of Advertising di Lumata - "Oltre alla fondamentale informazione chiave, che è la prossimità al punto vendita, è possibile poi innestare anche eventuali specifiche call to action come il click to call o click to download oltre che attività di couponing."

"L'operazione portata a termine con Lumata su Waze rientra in un nostro ampio progetto che guarda con molta attenzione a tutte le innovazioni che possono ampliare e favorire uno sviluppo dei servizi offerti sulla nostra rete" - sottolinea Mario Di Maria, direttore commerciale di IP - "Siamo fortemente convinti, infatti, che per essere ancor più competitivi nel nostro settore sia sempre più importante l'interazione con le nuove tecnologie ed in particolar modo con quelle rivolte alle nuove generazioni dei cosiddetti nativi digitali."

L'app di social navigation Waze si differenzia dai tradizionali programmi di navigazione GPS in quanto, grazie alle informazioni fornite dagli utilizzatori, offre, aggiornamenti sul traffico o altri avvenimenti significativi in tempo reale e permette agli utilizzatori stessi di modificare e aggiornare le mappe attraverso il map editor messo a disposizione nel sito.

In Italia l'applicazione ha di recente superato 4 milioni di Utenti.


About Lumata
Lumata è una azienda leader nel settore dei servizi software e marketing, totalmente focalizzata sul mondo del mobile marketing. Il nostro obbiettivo è fornire a operatori, brand e advertiser gli strumenti con cui gestire efficacemente l'interazione tra brand e consumatori attraverso device mobili, ovvero ciò che definiamo Mobile Relationship Management. I nostri 10 anni di esperienza e di successi sono fondati sulla solida base di una tecnologia vincente, una profonda conoscenza del settore e il focus su trasparenza e misurazione. Lumata è nata nel Novembre del 2011 grazie a uno spin-off ed è sostenuta da Francisco Partners, un fondo di investimento privato leader nel settore delle tecnologie, che gestisce oggi partecipazioni per oltre 7 miliardi di dollari.

 



--
Redazione del CorrieredelWeb.it


Una rete SDN in ambiente Wi-Fi: cinque criteri chiave per aver successo nell’implementazione



Gianluca De Risi
Pre-Sales Center South Italy
Enterasys, now part of Extreme Networks

La maggior parte dei dibattiti sul software per le reti SDN sono principalmente incentrati sulle infrastrutture cablate. Tuttavia, a nostro avviso, tutti i vantaggi assicurati dalle reti SDN si acquisiscono solo se si adotta un approccio a livello di architettura, implementando un’infrastruttura SDN che parte dal data center sino ai singoli apparecchi connessi agli uffici periferici, come i dispositivi mobili.

Questo approccio fornisce chiari benefici rispetto ad altri metodi presenti sul mercato, estendendo tutti i vantaggi di una SDN anche alla rete wireless, che diventa a tutti gli effetti una rete definita via software. In sintesi, nella fase di selezione di una soluzione per la rete SDN occorre considerare cinque criteri fondamentali, quali:

1. Gestione unificata delle reti cablate e wireless, al fine di centralizzare il processo decisionale e la distribuzione del traffico stesso. Nel complesso, la rete SDN separa il  traffico di controllo di rete da quello dei dati, al di fine di centralizzare le decisioni su dove e quali infrastrutture utilizzare per le varie trasmissioni. Un sistema di gestione ben integrato deve poter supportare questa separazione per sistemi wireless e cablati per reti SDN, sfruttando tutti i vantaggi ed evitando duplicazioni e sistemi di gestione differenti.

Diventa quindi importante assicurarsi che la soluzione SDN che abbiamo scelto possa fornire un sistema di gestione unificato per entrambi le reti e che garantisca il controllo   della rete dal data center sino ai dispositivi connessi agli uffici periferici. E’ indispensabile inoltre poter prendere decisioni a livello centrale sul traffico di rete e disporre di API aperte che facilitano l'integrazione con le soluzioni di terze parti. Infine, si raccomanda vivamente che il vendor prescelto per la soluzione SDN abbia già selezionato una serie di partner che utilizzano le API aperte.

2. Programmabilità. In ambito SDN, una API è l’interfaccia di collegamento all’interno del sistema di  rete che fornisce gli strumenti ai servizi indispensabili per consentire alle applicazioni di terze parti, come le applicazioni MDM, web filtering, analisi ecc.,  di interagire con il sistema di gestione. In questo modo è possibile centralizzare tutti gli strumenti e le applicazioni di rete e quindi, ridurre la complessità e i costi operativi. Riteniamo che le API dovrebbero essere estese anche alla rete Wi-FI.

Scegliere una soluzione SDN con un approccio modulare consente di integrare applicazioni di terze parti e di poter visualizzare gli specifici servizi di rete, come MDM,  confidando nello sviluppo di produttori specializzati. Alcuni aspetti da considerare in merito alla programmabilità sono anche legati a verificare se la soluzione scelta utilizza API basate su standard (XML, SOAP, REST), se il produttore fornisce kit con codice di esempio, di documentazione e di sviluppo che facilitano le modalità di programmazione e, soprattutto, se è disponibile una API unica per la rete cablata e quella Wi-Fi.

3. Dispositivi mobili e BYOD. I dispositivi mobili sono costantemente in movimento negli ambienti aziendali e gli utenti chiedono di poter beneficiare di una User Experience sempre adeguata alle aspettative in rete. Infatti, quando l’utente si sposta da un luogo all’altro, le regole e le policy devono potersi adattare in modo dinamico e trasparente per l’utente.

Quando valutiamo una soluzione SDN che si integra nella rete mobile, dobbiamo considerare una serie di elementi, come ad esempio la possibilità di impostare regole e policy a livello centrale, impostazioni che vengono distribuite da un’unica console attraverso la rete, sia cablata sia wireless. Tali regole dovrebbero essere applicate in modalità dinamica, non solo nel caso in cui l’utente si sposti di ubicazione ma anche se cambia il dispositivo o le modalità di accesso alla rete.

4. Dinamiche e modelli di traffico Wi-Fi. SDN Extender permette alla rete wireless di decidere il percorso migliore per modelli di traffico che cambiano costantemente, migliorando al tempo stesso le prestazioni di sicurezza e conformità alla rete. Occorre infatti poter bilanciare i diversi modelli di traffico tra una gestione locale e una centrale, utilizzando caratteristiche di dinamicità e modalità automatica, secondo le condizioni del traffico della rete e sulla base di criteri e regole precedentemente configurate, mantenendo un unico SSID per la rete Wi-Fi.

5. SDN per reti cablate e wireless. Il servizio Wi-Fi è diventato fondamentale per le imprese e sta assumendo un ruolo sempre più da protagonista. Per essere produttivi in una rete SDN è indispensabile poter includere la rete wireless all’interno dell’architettura SDN globale. Il nodo da sciogliere è capire se la soluzione SDN proposta sia stata realmente sviluppata per supportare il servizio Wi-Fi a livello di architettura e se lo contempla con un approccio strategico alla rete SDN.

Proseguono gli investimenti di IKS in ambito mobile, con il rafforzamento dei servizi per il settore finanziario

IKS, azienda di consulenza specializzata nello sviluppo di soluzioni in ambito IT Governance e Security, continua nello sviluppo del servizio 4Mobile, creato per offrire ai Clienti un supporto a 360° sullo sviluppo, gestione e delivery in sicurezza delle mobile app, in ambiente Android o iOS.
Per rispondere alle esigenze di un mercato in notevole espansione come quello delle applicazioni per dispositivi mobili, IKS prosegue ad investire in questo segmento e si pone come punto di riferimento per la verifica della qualità delle applicazioni, sia dal punto di vista funzionale sia da quello della sicurezza. Le aziende possono affidarsi alle competenze di IKS, che prende in carico le app del Cliente e, utilizzando tool innovativi e processi consolidati, restituisce un report con un’analisi dal punto di vista funzionale, della user experience, della compatibilità e della sicurezza. Al termine della fase di test e dopo la validazione del Cliente, IKS può farsi carico della pubblicazione dell’app negli store concordati, sgravando il Cliente da tutte le attività operative che richiedono tempo e conoscenze tecniche molto verticali e specifiche.
L’esperienza acquisita da IKS in questo settore, insieme al know-how di Kleis, società del gruppo specializzata sulla sicurezza in ambito finanziario, ha dato vita ad una nuova iniziativa utile sia ai Clienti sia ai diversi attori del processo di sviluppo delle app mobili per il mondo finance. Si tratta di un report che analizza il livello di sicurezza delle app per il Mobile Banking sul mercato italiano. Il documento è il risultato di un’intensa attività di assessment effettuata su un campione di applicazioni rilasciate da istituti e società di servizi bancari italiani. Dalle analisi condotte, emerge come in poco tempo il numero di “mobile banking user” supererà quello degli “internet banking user”, con la conseguenza di un aumento della probabilità di rischio di attacchi fraudolenti. Infatti, linguaggi di programmazione diversi, sistemi operativi e architetture eterogenee non garantiscono la possibilità di avere un livello di sicurezza comune e, spesso, si tende a sottostimare i rischi legati al canale mobile.
Nello specifico, l’indagine svolta da IKS e Kleis ha coinvolto dieci applicazioni di mobile banking, rilasciate da altrettanti importanti istituti bancari italiani, e disponibili nell’App Store di Apple nel periodo di settembre 2013. I principali criteri di analisi utilizzati riguardano la sicurezza run-time, la sicurezza dell’architettura, la Network Communication Security e la persistenza di file-system. Il report evidenzia come il livello di attenzione verso l’aspetto della sicurezza run-time e verso gli elementi architetturali a rischio sia ancora piuttosto basso. Per quanto riguarda la robustezza delle comunicazioni verso il back-end, invece, nove applicazioni su dieci verificano l’origine del certificato SSL utilizzato, così come quasi tutte le app evitano la generazione di cache, tranne quella di sistema legata alle classi per gestire la connessione.
“Il report sulla sicurezza delle applicazioni di mobile banking è stato creato con l’intento di sensibilizzare maggiormente sia gli utenti finali, sia gli istituti bancari, sulla questione sicurezza in ambito mobile – sottolinea Guido Ronchetti, Team Leader 4Mobile in IKS -. Riteniamo sia fondamentale correggere innanzitutto le situazioni di rischio, perché, man mano che il tempo passa, crescono le possibilità che le vulnerabilità attuali siano oggetto di attacco da parte dei cyber criminali. Inoltre, occorre utilizzare linee guida di sviluppo mobile, verificare, in fase di pre-rilascio, il livello di sicurezza dell’app con un assessment di sicurezza completo, considerando nell’analisi anche l’ambiente di esecuzione. Da non dimenticare, infine, l’importanza di mettere in atto processi di monitoraggio e contromisure in grado di garantire una user experience ottimale e, al tempo stesso, di intercettare e gestire correttamente situazioni pericolose per i servizi esposti. Il nostro ruolo, con il nostro servizio 4Mobile, è proprio quello di supportare le aziende e gli istituti bancari in tutte le fasi di questo complesso processo.”

mercoledì 18 dicembre 2013

RETE SICURA: BLOCCATE 3 MILIONI DI MINACCE E 130 MILA VIRUS SU SMARTPHONE E TABLET




 


VODAFONE RETE SICURA

 

BLOCCATE 3 MILIONI DI MINACCE SU WEB E PIU' DI 130 MILA VIRUS SU SMARTPHONE  E TABLET

 

In 6 mesi la piattaforma "intelligente" di Vodafone Italia adottata da oltre 500 mila clienti, di cui 50 mila aziende

 

Milano, 18 dicembre 2013 - Vodafone Italia annuncia i primi risultati di Rete Sicura, il servizio ideato per proteggere la navigazione internet direttamente sulla rete. In meno di 6 mesi, la piattaforma "intelligente" di Vodafone filtra 16,7 Terabyte al giorno di traffico dati prodotto dagli oltre 500 mila utenti attivi in Italia su rete mobile.

 

Grazie ai database delle minacce informatiche forniti da Kaspersky Lab e Symantec, Rete Sicura ha permesso fino ad oggi di intercettare oltre 130 mila virus e programmi indesiderati su smartphone e tablet. Tra questi: Trojan (53%) e virus da Adware su sistema operativo Android (14%) e Windows (10%). Con il Parental Control, il servizio a tutela della navigazione dei propri figli, è stato possibile bloccare l'accesso a oltre 3 milioni di siti e contenuti web a rischio, social network (71%), loghi e suonerie (7%), contenuti pornografici (6%).

 

I risultati, riferiti ai primi 6 mesi di attività, mostrano anche il generale apprezzamento dei Clienti verso Rete Sicura, con il 75% degli utenti attivi che ha dichiarato di apprezzare il servizio. Rispetto alle funzionalità del prodotto, i Clienti dichiarano di preferire la navigazione protetta (85%) e il Parental Control (70%). Il dato complessivo è riconducibile all'immediatezza e alla semplicità di utilizzo del servizio: compatibile con tutti i principali sistemi operativi in commercio, Rete Sicura agisce in completa autonomia e, dunque, senza la necessità di installare software o di eseguire configurazioni. Inoltre, non influisce sulla durata delle batterie e sull'utilizzo di smartphone, tablet e PC.

 

Come nasce

Il vertiginoso aumento del traffico dati - stimato in Italia per oltre 250 milioni di terabyte di traffico prodotto - è causa di una crescente esposizione ai rischi presenti sulla rete. Lo dimostrano i numeri: 40 su 100 sono gli utenti di internet vittime di crimini informatici. Si assiste così ad una crescita significativa dei tentativi di furto di beni economici: il 90% dei furti d'identità riscontrati dalla Polizia Postale e delle Comunicazioni riguarda infatti i dati di pagamento elettronico e l'home banking. Tra le piattaforme più a rischio si trovano quelle dei social network, dove si nasconde il 97% dei malware presenti in rete. Si tratta, in tutti i casi, di fenomeni in deciso aumento. Soprattutto sul versante del mobile, dove il numero di minacce per smartphone e tablet è cresciuto di 50 volte nell'ultimo anno.

 

Per andare incontro alla crescente esigenza di navigare in sicurezza, e a conferma dell'impegno ad offrire la miglior esperienza di utilizzo della rete, Vodafone ha ideato Rete Sicura. L'investimento per realizzare la piattaforma si integra nel piano da 900 milioni di euro sostenuto ogni anno da Vodafone per lo sviluppo di tecnologie, reti, infrastrutture e piattaforme evolute.

 

Per ulteriori informazioni sul servizio, visitare il sito web www.vodafone.it


martedì 17 dicembre 2013

Accordo tra BlackBerry e Peugeot Citroën


Deployment of 10,000 BlackBerry 10 Smartphones

and Migration to BES10 at PSA Peugeot Citroën

 

 

PARIS, FRANCE and WATERLOO, CANADA – December 18, 2013 – BlackBerry® (NASDAQ: BBRY; TSX: BB) announced that PSA Peugeot Citroën will deploy 10,000 BlackBerry® Z10 smartphones for its operations in France and Spain, and is migrating to BlackBerry's award-winning Enterprise Mobility Management (EMM) solution – BlackBerry® Enterprise Service 10 (BES10).

 

BlackBerry® 10 is the platform of choice for France-headquartered PSA Peugeot Citroën, the second largest car manufacturer in Europe. "BlackBerry 10 is the best mobility platform for us in terms of integration, security, connectivity and price," said Eric Marchand, Head of Telecom at PSA Peugeot Citroën. "Every day, our employees need to share and access confidential information so it's critical that we have the most secure and user friendly smartphones. With BES10, we are assured that the confidentiality of our information is maintained while also ensuring that Peugeot's employees can enjoy the best experience for personal as well as professional use."

 

According to Hervé Liboureau, Managing Director for Western Europe and Central Europe at BlackBerry, "This significant investment by PSA Peugeot Citroën demonstrates the value and benefits that BES10 with BlackBerry 10 smartphones brings to enterprise customers. BES10 was chosen for its complete end-to-end security, simplified integration with existing IT systems, and numerous enterprise applications."

 

To date, customers have installed nearly 30,000 BES10 commercial and test servers around the world. In France, more than 60 percent of the CAC 40 companies (the 40 companies with the most significant values among the 100 highest market caps on the Paris Bourse) have ordered, downloaded or installed BES10. Organizations continue to choose BlackBerry because it is the most proven and trusted enterprise mobility management (EMM) solution, supporting iOS®, Android™ and BlackBerry smartphones.

 

To get the facts on BlackBerry Enterprise Service 10, please visit here.

 

 

About BlackBerry

A global leader in wireless innovation, BlackBerry® revolutionized the mobile industry when it was introduced in 1999. Today, BlackBerry aims to inspire the success of our millions of customers around the world by continuously pushing the boundaries of mobile experiences. Founded in 1984 and based in Waterloo, Ontario, BlackBerry operates offices in North America, Europe, Asia Pacific and Latin America. BlackBerry is listed on the NASDAQ Stock Market (NASDAQ: BBRY) and the Toronto Stock Exchange (TSX: BB). For more information, visit www.blackberry.com.

 



sabato 14 dicembre 2013

Éspria, la semplicità in uno stile compatto


Bialetti
Éspria, la semplicità in uno stile compatto
 
La gamma macchine A Modo Mio di Lavazza si arricchisce di un nuovo sistema espresso

Si chiama Éspria l'ultimo modello della gamma A Modo Mio, realizzata in  partnership con Electrolux, leader internazionale degli elettrodomestici. Il sistema espresso casa di Lavazza si arricchisce di una nuova macchina che fa di semplicità e compattezza i suoi imperativi, per un consumatore che ama l'espresso e cerca prestazioni al top. Contenuta nelle dimensioni e semplice da usare, Éspria è studiata per adattarsi agli spazi e alle abitudini dei consumatori italiani, con una particolare attenzione all'eleganza. Il suo design moderno ed essenziale rende ancora più piacevole una pausa all'insegna del gusto.Lavazza prosegue, così, nel suo percorso di ricerca e innovazione, continuando a investire nel mercato del caffè "porzionato" e ampliando la gamma del sistema espresso casa A Modo Mio, al fine di garantire un vasto assortimento e la copertura di tutte le fasce di prezzo. Éspria va ad aggiungersi così alle altre macchine Favola, Favola Plus e Favola Cappuccino, oltre all'esclusiva Espressgo, il sistema che permette di preparare l'espresso A Modo Mio in automobile, in camper, in barca o in qualsiasi altro mezzo che disponga di un attacco di alimentazione a 12 V. 

La nuova macchina Éspria può contare su un design moderno ed essenziale, che ha la sua carta vincente nelle dimensioni ultra-compatte.  Disponibile in tre colori, Ebony Black, Off White e Love Red, è profonda solo 32 cm e larga 12,8 cm: piccole dimensioni per grandi performance, un piccolo concentrato di tecnologia per garantire un espresso a regola d'arte.
Le modalità di utilizzo di Éspria sono semplici ed intuitive. La temperatura del caffè erogato viene controllata elettronicamente grazie alla tecnologia della caldaia "Thermoblock" perché sia sempre ottimale (79-83 °C). La quantità di espresso è quella che preferite, grazie al tasto "Stop & Go" e alla griglia di acciaio inox regolabile su tre diverse altezze, per tazze di tutte le taglie.

La qualità dell'espresso è garantita Lavazza. Éspria funziona, infatti, con le capsule dell'ampia gamma Lavazza A Modo Mio, in cui sono racchiusi oltre cento anni di passione ed esperienza dell'azienda torinese, per portare nelle case degli italiani il piacere di un espresso sempre perfetto. Qualità superiore e gusto autentico che rendono ogni tazzina un'esperienza unica e indimenticabile.
A modo Mio offre una varietà di pregiate miscele che soddisfa tutte le sfumature di gusto: Intensamente, Deliziosamente, CremosamenteDek, Appassionatamente, Divinamente, Magicamente, ¡Tierra! Intenso, Caffè Crema Lungo Dolcemente, Soavemente e la più recente Vigorosamente.
Le miscele A Modo Mio sono apprezzate anche dai grandi chef italiani, come Davide Oldani, Massimo Bottura e Antonino Cannavacciuolo. Un'affinità elettiva costruita intorno a un unico snodo: la passione per la qualità. Differenti per stile, per filosofia e per approccio con la cucina d'autore, i tre chef trovano nell'eccellenza delle capsule Lavazza A Modo Mio la perfetta pausa da gustare personalmente.

Maggiori informazioni su:http://espria.lavazzamodomio.it/

venerdì 13 dicembre 2013

CENX lancia la soluzione Ethernet Lifecycle Manager

Il software per l'orchestrazione dei servizi Ethernet accelera la realizzazione delle dorsali per la telefonia mobile 4G

CENX firma un contratto multimilionario con un importante Service Provider

Ottawa/Milano, 13 dicembre 2013 - CENX lancia la soluzione Ethernet Lifecycle Manager per mezzo di un contratto multimilionario con un importante service provider. Il software di nuova generazione gestisce l'orchestrazione dei servizi di trasporto Carrier Ethernet, migliora l'integrità dell'infrastruttura Ethernet e automatizza ordini e provisioning. Inoltre, fornisce un'ampia reportistica insieme a una visualizzazione intuitiva dei servizi di trasporto Ethernet end-to-end attraverso la dorsale mobile dei service provider 4G.

Un importante service provider nordamericano sfrutta la soluzione CENX per creare un inventario Ethernet, e accelerare la gestione degli ordini e l'erogazione dei servizi. La soluzione offre un pannello di controllo comune che visualizza lo status e le prestazioni dell'infrastruttura Ethernet attraverso la rete, compresi i servizi forniti da access provider alternativi.
Ethernet Lifecycle Manager di CENX è l'unica soluzione per l'automazione dell'orchestrazione dei servizi di trasporto Carrier Ethernet sulle dorsali mobili, i data center cloud degli Ethernet exchange, e gli access provider Ethernet, sia nelle reti odierne che in quelle software defined del futuro.
Al centro della soluzione CENX c'è un modello di informazioni centrate sui servizi che raccoglie i dati dai sistemi di supporto operativo, dagli elementi della rete e da altre fonti. La soluzione CENX analizza i dati in modo automatizzato, unifica e mette in relazione gli input frammentati per ottenere una serie di informazioni in base alle quali passare all'azione. Inoltre, fornisce una visualizzazione end-to-end dei servizi Ethernet, compresi quelli di accesso off-net forniti dalle terze parti.
Ethernet Lifecycle Manager offre moduli per il software e i servizi che portano a risultati tangibili, tra cui un aumento dell'accuratezza dell'inventario del 70%, una riduzione dei tempi di erogazione dei servizi dell'80% e una riduzione dei costi operativi stimata nel 20%.

Caroline Chappell
Senior Analyst, Heavy Reading
"I service provider devono accelerare la fornitura di servizi Ethernet per rispondere alle aspettative crescenti dei clienti. Per farlo, e per migliorare la gestione nel corso del loro ciclo di vita, hanno bisogno di avere una visione end-to-end coerente della topologia della rete, la possibilità di configurare in modo programmatico la rete e i livelli di automazione", commenta Caroline Chappell, Senior Analyst di Heavy Reading. "Le nuove soluzioni software per l'orchestrazione come quella CENX forniscono quel livello critico di astrazione della rete e di automazione che risponde a queste esigenze, sfrutta le fonti esistenti di informazioni in modo non-disruptive way e rendono la rete più agile e software-defined".

Ed Ogonek
CENX President e CEO
"L'approccio di CENX all'orchestrazione dei servizi Carrier Ethernet è unico per l'applicazione della potenza di analisi dei big data e del web 2.0 alla visualizzazione dei servizi di trasporto, e perché assicura le prestazioni attraverso le reti inter-carrier. I nostri clienti ottengono risultati tangibili modernizzando i flussi operativi chiave, con una migliore qualità degli inventari e una maggiore rapidità nell'erogazione dei servizi. La soluzione CENX fornisce una piattaforma a prova di futuro, che potrà scalare per supportare le nuove topologie come le microcelle e la prossima generazione di reti software-defined".

About Cenx
CENX fornisce soluzioni di orchestrazione dei servizi Ethernet per le reti IP di oggi e per quelle software-defined del futuro. L'azienda porta la potenza del web 2.0, dell'automazione e dell'analisi big data per la visualizzazione dei servizi di trasporto Ethernet, e l'orchestrazione dei servizi attraverso le reti di più operatori. Con CENX, i service e i cloud exchange provider possono ridurre i tempi del ritorno economico e assicurare le prestazioni inter-carrier attraverso l'intero ciclo di vita di Ethernet. http://www.cenx.com

giovedì 12 dicembre 2013

Migrare alla tecnologia 802.11ac: tre considerazioni importanti



Massimiliano Macrì
Pre-Sales North Italy & Security Solutions Pre-sales Manager Southern EMEA
Enterasys Networks, now part of Extreme Networks

L’innovativa tecnologia 802.11ac rappresenta una significativa evoluzione nel settore Wi-Fi, assicurando maggiore velocità e capacità di trasmissione rispetto alle precedenti generazioni tecnologiche. Come vendor siamo entusiasti  e in attesa dei nuovi sviluppi, con particolare attenzione ai progressi tecnologici previsti, per molti aspetti rivoluzionari, come ad esempio la disponibilità della Multi User Access MU-MIMO (Wave2). Vorrei sottolineare comunque, che la strada per beneficiare in concreto di tutti i progressi, è ancora lunga.

I dispositivi mobili, e la crescita esponenziale nell'uso delle relative applicazioni, continuano ad esercitare un'enorme pressione sulla tecnologia 802.11, portandone ai limiti le capacità. C’è una diffusa regola tra gli amministratori della rete, che evidenzia che la larghezza di banda sarà  consumata alla stessa velocità con cui questa viene resa disponibile. Aggiungere più larghezza di banda non risolve i problemi, ma certamente la tentazione di usarla è forte nel momento in cui l’avremo a disposizione. I suggerimenti dal marketing che ruotano attorno alla tecnologia 11ac Wave1 parlano di velocità di trasmissione di Giga che, rispetto ai precedenti protocolli in ambiente Wi-Fi, prevedono di raggiungere una velocità fino a 2,5 volte superiore rispetto all’attuale.

Allora, mediante quali meccanismi si ottiene questo aumento di prestazioni delle reti wireless, soprattutto se in confronto alla prima generazione di reti 802.11ac? La risposta è che si ottiene grazie alla combinazione di due potenziamenti rispetto alla tecnologia attuale: canali più ampi e meccanismi di modulazione a maggiore densità. E’ come se avessimo ampliato la strada inizialmente a due corsie, in una autostrada Wi-Fi a quattro corsie, agevolando l’ingresso di un maggior numero di automobili. In sintesi, la tecnologia 802.11ac utilizza canali a 80Mhz (rispetto ai canali a 40Mhz della 11ac) e modulazioni a 256 QAM, raddoppiando il numero di bit trasmessi per unità di segnale.

Fatta questa premessa, e senza voler minimizzare l’importanza offerta da questa innovazione tecnologica, vorrei evidenziare che ci sono una serie di quesiti sulla 802.11ac che a mio avviso, non sono stati ancora sufficientemente discussi. In pratica, occorre fare 3 considerazioni a mio avviso fondamentali, affinchè la nuova tecnologia risponda alle promesso e sono relative a:

1.    Le capacità dei dispositivi mobili. Questo è probabilmente uno degli aspetti delle reti wireless che viene più spesso trascurato. Le reti Wi-Fi offrono una strada a doppio senso e, un punto di accesso più rapido non può fare molto se, il dispositivo mobile non dispone di funzionalità in grado di supportare la nuova velocità. Non si tratta solo di attrarre i vendor, ma la realtà è che non tutti i dispositivi mobili sono progettati allo stesso modo. Un iPad mini, per esempio, non ottiene le stesse performance del nuovo MacAir, se messi a confronto nelle caratteristiche WI-FI. Il consiglio è di valutare con attenzione quale tipo di dispositivo è meglio utilizzare, se vogliamo garantire che le aspettative siano in linea con i risultati ottenuti.

2.    Le interferenze tra i canali. La disponibilità di canali a 80MHz  non soddisfa un aspetto importante: è possibile utilizzarli in ambienti aziendali? La prima preoccupazione arriva dall'interferenza del nuovo canale a 80Mhz con i canali utilizzati dai vecchi computer (che utilizzano canali a 20/40Mhz), con i quali dovranno convivere. Tali interferenze si verificheranno più probabilmente in ambienti con installati Access Point ad alta densità, che consentono comunque l’accesso ai dispositivi di tipo legacy, e tutto questo influirà sul rendimento complessivo della rete. Il modo in cui si progetterà la rete (ad esempio, per non sovrapporre canali tra i punti di accesso legacy e i nuovi 802.11ac) potrà essere quello, eventualmente, di sacrificare parte del rendimento potenziale atteso dalla nuova tecnologia, ricordandosi sempre che una implementazione in ambito 802.11ac richiede una attenta pianificazione dei canali e non può limitarsi ad un semplice plug and play, come alcuni suggeriscono.

3.    La modulazione a 256 QAM. La nuova tecnica di modulazione ha specifici requisiti che sono relativamente facili da rispettare perché funzioni: linea a portata e vicinanza tra gli Access Point. Ma se queste condizioni non sono rispettate, la velocità di trasmissione viene dimezzata e diventa equivalente agli schemi di modulazione a 64 QAM, così come fornita dalla precedente generazione di tecnologia Wi-Fi. Inoltre, occorre evidenziare che la modulazione a 256 QAM richiede  un ambiente relativamente pulito dalle interferenze da radio frequenze e un ottimo segnale di SNR (relazione segnale /rumore) per poter operare al meglio. Questo comporta un’implicazione diretta sulla progettazione di una rete con tecnologia 802.11ac,  con  segnale target -55dB e posizionamento verso gli AP più vicini. Se confrontiamo il tutto con i requisiti della tecnologia 11n (-65dBm), ci rendiamo subito conto che in realtà abbiamo bisogno di molti più Access Point per uno specifico ambiente. A loro volta, i dispositivi dovranno essere più vicini agli AP per ottenere un segnale più forte e chiederanno di raggiungere la massima velocità di trasmissione.

La differenza tra la capacità o la funzionalità reale e teorica è sempre un punto focale in ogni dibattito sulla tecnologia, e temo che sarà difficile rispettare tutte le promesse dell’innovativa 802.11ac, almeno nella prima fase di implementazione. Suggerisco di tenere sempre in considerazione i fattori che abbiamo precedentemente analizzato prima di progettare la nostra rete, assicurandoci di adottare l'approccio adeguato a soddisfare le prestazioni promesse dal nuovo standard tecnologico.

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI