Cerca nel blog

martedì 30 settembre 2014

Partecipa all' EMC Forum


EMC FORUM 2014

| Registrati ora!
Sei pronto a cogliere una grande sfida e accelerare il passaggio alla Terza Piattaforma?
EMC Forum è l'occasione da non perdere per confrontarsi con le best practice del mercato ed interagire con i migliori esperti della Community IT.



Registrati Ora >>


Social, Mobile e Big Data, stanno profondamente trasformando il ruolo dell'IT ed aprendo la via ad una nuova era: la Terza Piattaforma.

Le numerose opportunità di approfondimento e discussione sui temi tecnologici più importanti del 2014 rendono questo evento unico e da non perdere.
Partecipa per condividere il percorso di trasformazione della tua organizzazione verso una realtà "software-defined".

track tour Quest'anno, l'EMC Forum diventa itinerante e ancora più vicino ai clienti. Oltre alla tappa di Milano del 18 Novembre, infatti, EMC Forum andrà in tour nelle seguenti città:

NAPOLI 4 Novembre 2014
ROMA 10 Novembre 2014
FIRENZE 13 Novembre 2014


Scopri di più >>
Pan EMEA Diamond Sponsor
lenovo
vmware
Stay Connected
Twitter #EMCForum
#RedefineIt
Facebook Clicca "Mi Piace"
diventa nostro Fan
Blog GEEK EMC GEEK
Blog di tecnologia EMC
EMC Partner Forum
Milano, 18 novembre 2014
Partecipa all'EMC PARTNER FORUM 2014 >>
 
EMEA Platinum Sponsors
accenture cisco    
Gold Sponsors
brocade ctera dedagroup
Dimension Data ian intel lutec
schneider electric sinergy VCE Virtual
Facebook Twitter Linkedin YouTube Blog
italy.emc.com  |  Contatti  |  Entra a far parte di EMC Community  |

EMC2, EMC, RSA e i loro rispettivi logo sono marchi o marchi registrati di EMC Corporation negli Stati Uniti e in altri paesi. Tutti gli altri marchi appartengono ai rispettivi proprietari.
© Copyright 2014 EMC Corporation. Tutti i diritti riservati.

VODAFONE LANCIA IN ITALIA LA FIBRA A 300 MEGA


Si parte da Milano, copertura del capoluogo all'80% entro dicembre 2015.

Con Vodafone Station Revolution wi-fi più veloce e segnale potenziato in ogni angolo della casa


Milano, 30 settembre 2014 –Vodafone porta a Milano l'offerta in fibra ottica più veloce d'Italia, con la possibilità di navigare fino a 300 Mbps in download e 20 Mbps in upload. Dal 1 ottobre, tutti i Clienti che sottoscriveranno un'offerta in fibra a Milano* potranno sperimentare le performance della rete di nuova generazione attraverso il modem wi-fi Vodafone Station Revolution.

Sono oltre 300 mila le unità abitative a Milano già raggiunte dall'offerta in fibra Vodafone, pari ad una copertura di circa il 40% della popolazione, sia Clienti privati che aziende. L'obiettivo è quello di raggiungere l'80% dei cittadini milanesi entro dicembre 2015, ovvero 600 mila abitazioni. Il lancio dell'offerta in fibra ottica a 300 mega è parte integrante del piano biennale di investimenti da 3,6 miliardi di euro messo in campo da Vodafone per lo sviluppo delle reti in banda ultralarga fissa e mobile.

Oltre alla massima velocità della fibra ottica, Vodafone Station Revolution permette di sfruttare al meglio tutti i dispositivi connessi in casa. Il nuovo modem wi-fi dual band (standard 82.11ac) offre infatti performance di navigazione quattro volte superiori a quelle di un modem tradizionale. La funzionalità "beamforming" consente di direzionare e concentrare il segnale wi-fi solo sui device in funzione, aumentando così la stabilità e la potenza del segnale in ogni angolo della casa. Inoltre, grazie alla App dedicata è possibile gestire e avere sempre sotto controllo la rete domestica, anche fuori dalla propria abitazione attraverso smartphone e tablet.

La connessione in fibra a 300 mega è oggi disponibile a Milano nelle zone raggiunte dal servizio. E' possibile verificare la copertura sul sito web www.vodafone.it.


L'offerta
I Clienti interessati possono attivare una delle nuove offerte fibra e telefono:

- Super Fibra: internet illimitato alla velocità di 30, 100 o 300 Mega a seconda del tipo di copertura*, telefonate verso i numeri nazionali fissi e mobili di tutti gli operatori a 19 cent a chiamata, insieme ad una micro SIM dati con 1GB di traffico mensile per navigare su internet in mobilità con PC o tablet. Il costo di attivazione è di 29 euro al mese per i primi 6 mesi. Successivamente il costo è di 36 euro al mese.

- Super Fibra Family: internet illimitato alla velocità di 30, 100 o 300 Mega a seconda del tipo di copertura*, chiamate illimitate verso i telefoni nazionali fissi e mobili di tutti gli operatori e verso i numeri fissi internazionali, insieme ad una micro SIM dati con 1GB di traffico mensile per navigare su internet in mobilità con PC o tablet. Il costo di attivazione è di 37 euro al mese per i primi 6 mesi. Successivamente il costo è di 44 euro al mese.

Tutte le offerte in fibra Vodafone hanno un costo di attivazione di 3 euro al mese per 36 mesi, che comprende: il modem wi-fi Vodafone Station Revolution, i Servizi Voce (segreteria telefonica, deviazione e identificazione delle chiamate) e la App Vodafone Station per trasformare il proprio smartphone nel cordless di casa, avere sotto controllo le chiamate perse e la segreteria telefonica anche in mobilità, gestire da remoto i propri contenuti multimediali.


* La velocità della connessione in Fibra varia a seconda del tipo di tecnologia utilizzata. Per verificare copertura e prestazioni, visitare il sito www.vodafone.it 


Openjobmetis sceglie Veeam Backup Management Suite per l'infrastruttura IT


Openjobmetis consolida l'infrastruttura tecnologica con Veeam Backup Management Suite



Milano, 30 settembre 2014 - Avnet Technology Solutions, distributore globale di soluzioni IT e gruppo operativo di Avnet, Inc. (NYSE: AVT), presenta il caso applicativo riguardante il progetto di consolidamento e virtualizzazione basato sulla soluzione Veeam® Backup Management SuiteT di Openjobmetis, Agenzia per il Lavoro specializzata nella ricerca, selezione, formazione e gestione delle risorse umane, portato a termine con successo dal partner SI.EL.CO, system integrator specializzato nella vendita e assistenza di hardware e software, con un'offerta di servizi informatici on demand completa e a valore aggiunto.

"L'infrastruttura tecnologica supporta in modo significativo il nostro core business in quanto siamo una società basata essenzialmente sull'offerta di servizi rivolti ad aziende e a enti pubblici" dichiara Michele Solari, IT Manager di Openjobmetis. "Veeam Backup Management Suite ci ha aiutato a migliorare l'efficienza operativa dandoci una visione più chiara dell'intera infrastruttura, permettendoci nello stesso tempo una migliore allocazione delle risorse e una pianificazione più strategica della nostra crescita. Questa soluzione è inoltre ideale per gestire gli ambienti virtuali anche su architetture distribuite su più data center come la nostra."

L'esigenza tecnologica principale di Openjobmetis era quella di effettuare la migrazione del data center dalla sede interna principale all'esterno, senza causare nessun tipo di disservizio agli utenti. La virtualizzazione del data center aveva l'obiettivo di risolvere la difficoltà di gestione, la mole dei dati, il ripristino lento e difficile delle applicazioni e superare la vecchia concezione del backup a ciclo continuo su tape caratterizzato da tempi molto lunghi. Openjobmetis era inoltre alla ricerca di un prodotto facile da usare, che offrisse funzionalità di reportistica e monitoraggio avanzati e che fosse perfettamente integrabile con Vmware.

Il sistema informativo di Openjobmetis attualmente si compone di 150 server virtuali Windows, 180 virtual desktop , 2 data center, 13 host VMware e viene utilizzato da circa 500 utenti interni.

SI.EL.CO è il partner al quale si è rivolta Openjobmetis per il progetto di virtualizzazione, il quale dopo la valutazione del sistema precedente ha consigliato la soluzione ritenendola perfettamente in linea con le esigenze espresse dal cliente, richieste che riguardavano un ripristino rapido e flessibile di tutte le applicazioni virtualizzate, anche quelle mission critical, il monitoraggio in tempo reale, la gestione della reportistica e, in generale la protezione e la gestione dell'ambiente virtuale. Avnet Technology Solutions, distributore a valore di Veeam, ha collaborato con SI.EL.CO nella parte consulenziale che ha consentito di determinare la soluzione migliore e più competitiva per Openjobmetis.

"Abbiamo proposto a Openjobmetis due soluzioni in grado di risolvere le problematiche avanzate, ma il cliente ha scelto Veeam Backup Management Suite perché più conforme alle necessità emerse, più economica e, non ultimo, perchè integra gli strumenti di gestione (Operations Manager) nella soluzione di backup", precisa Luca Ercoli, PM & R&S Infrastructure Solutions di SI.E.LCO. "Openjobmetis ha così potuto realizzare la migrazione di tutto il data center da un sito all'altro, senza nessun downtime per gli utenti e, rispetto alla soluzione precedentemente adottata è molto più semplice da usare, più veloce, permette il monitoraggio agentless, e usa backup e replica insieme in continuità per una maggiore protezione dei dati aziendali, soddisfacendo in modo completo le richieste del cliente."

In termine di gestione della virtualizzazione, Openjobmetis ha potuto beneficiare anche dei vantaggi apportati da Veeam ONE" , sia per quanto riguarda il monitoraggio in tempo reale 24x7, sia per la reportistica automatizzata che consente di mantenere aggiornata la documentazione dell'infrastruttura virtuale, sia nell'utilizzo di informazioni chiare e puntuali sulle risorse. Tra le funzioni dedicate alla risoluzione dei problemi è molto utile ad esempio, l'alert dashboard sul controllo dei carichi di lavoro anomali, permettendo ai responsabili IT di Openjometis un intervento mirato ed efficiente.

"Abbiamo chiesto a SI.EL.CO una soluzione che ci garantisse la migrazione del data center senza nessun tipo di disagio o malfunzionamento per i nostri utenti" continua Solari. "Nonostante l'operazione complessa, in meno di 40 giorni, Veeam Backup Management Suite ha consentito lo spostamento di 150 server senza mai interrompere il flusso informativo, ottenendo come risultato un ambiente più scalabile e controllato, una maggiore ottimizzazione delle risorse e, cosa molto importante, ci ha permesso di risparmiare sull'hardware.

Openjobmetis è un'Agenzia per il Lavoro specializzata nella ricerca, selezione, formazione e gestione delle risorse umane, che si concentra soprattutto sulla somministrazione di lavoro a tempo determinato e sul payroll, ossia la gestione di tutte le procedure amministrative dei lavoratori. E' presente sul territorio in modo capillare con 120 filiali dislocate in quasi tutte le regioni italiane, tutte certificate UNI EN ISO 9001:2008. Una divisione ad hoc, inoltre, si occupa della gerenza di specifiche categorie di lavoratori: soggetti appartenenti alle categorie protette, personale in mobilità, cassa integrazione e over 45, giovani alla ricerca del primo impiego. Fiore all'occhiello di Openjobmetis sono le divisioni specializzate, nate per rispondere alle esigenze di specifici settori che richiedono una gestione particolarmente complessa e mirata delle Risorse Umane: Industria, Sanità, GDO, Banca e Finanza, Information & Communication Technology e Horeca.

"Con Veeam Backup & Replication il ripristino dei file non solo è estremamente più veloce, ma grazie alla deduplica e alla compressione ci ha permesso una riduzione dello spazio dell'80% circa", conclude Solari. "Anche il ripristino delle VM è molto più rapido: prima dovevamo reinstallarle e ripristinare i dati impiegando qualche ora di tempo, oggi siamo in grado di effettuarlo in soli pochi minuti. Inoltre, la soluzione si è rilevata più competitiva anche dal punto di vista dei costi: solo per la gestione del backup ad esempio, possiamo quantificare un risparmio in circa due giorni di lavoro mensili a persona."

**********************
SI.EL.CO
System integrator presente sul territorio lombardo da oltre 35 anni, specializzato nella vendita e assistenza di hardware e software, con un'offerta di servizi informatici on demand completa e a valore aggiunto, indirizzati alle piccole e medie aziende. E' Business Partner IBM e HP. Con un organico composto di circa sessanta esperti e professionisti del settore ICT, SI.EL.CO. ha come mission quella di diventare il partner di riferimento per i suoi clienti nella gestione dei sistemi informatici, modellando la propria offerta sulle reali esigenze del cliente.
http://www.sielco.it/   

Avnet Technology SolutionsIn qualità di distributore di soluzioni IT a livello globale, Avnet Technology Solutions collabora con i business partner e fornitori per creare e fornire servizi, soluzioni software e hardware d'eccellenza, in grado di soddisfare le esigenze IT dei clienti finali a livello locale e in tutto il mondo. Il gruppo è presente nelle Americhe, Asia e Pacifico e in Europa, Medio Oriente e Africa. Avnet Technology Solutions è un gruppo operativo di Avnet, Inc. Nell'esercizio fiscale 2013 ha generato un fatturato di 10.36 miliardi di dollari. http://www.ts.avnet.com/it/  

VEEAM SOFTWARE
Veeam® Software è sinonimo di Modern Data ProtectionT ovvero fornisce soluzioni potenti, facili da usare e accessibili, progettate per la virtualizzazione (Built for VirtualizationT) e l'ambiente cloud. Veeam Backup & ReplicationT offre il backup degli ambienti VMware, il backup degli ambienti Hyper-V, ripristini e repliche. La soluzione #1 VM BackupT aiuta le aziende a raggiungere gli obiettivi di RPO e RTO, a risparmiare tempo, a eliminare i rischi e a ridurre notevolmente i costi di capitale e i costi operativi. Veeam Backup Management SuiteT offre tutte le funzionalità e i vantaggi di Veeam Backup & Replication, nonché monitoraggio avanzato, reportistica e capacity planning per l'infrastruttura di backup. Veeam Management PackT (MP) estende il monitoraggio enterprise all'ambiente VMware tramite Microsoft System Center e offre inoltre il monitoraggio e la reportistica per l'infrastruttura Veeam Backup & Replication. Veeam offre inoltre strumenti gratuiti per la comunità della virtualizzazione. Fondata nel 2006, Veeam è una società a capitale privato, in attivo dal 2009. Veeam vanta attualmente 20.000 ProPartner e oltre 80.000 clienti. La sede centrale di Veeam si trova a Baar, Svizzera, e la società dispone di uffici in tutto il mondo. Per maggiori informazioni, visitare
http://www.veeam.com  
Follow Avnet on Twitter
https://twitter.com/Avnet_TS_IT  
Connect with Avnet on Facebook at
https://www.facebook.com/pages/Avnet-Italia/561843510502164  


--
Redazione del CorrieredelWeb.it

WD presenta una nuova linea di hard disk per lo storage a freddo ottimizzati per i datacenter moderni

Capacità progressiva, efficienza energetica, i dischi WD Ae consentono di creare un livello storage ottimizzato per infrastrutture 'cold data' di grandi dimensioni e per il Web



Milano, 30 settembre 2014WD®, azienda di Western Digital (NASDAQ: WDC) e leader mondiale nello storage per i datacenter moderni, ha presentato l'innovativa linea di hard disk WD Ae™ progettati per le caratteristiche operative specifiche del livello di archiviazione all'interno di data center di grandi dimensioni e per il Web. 

Costruiti su una piattaforma pensata per ottenere un TCO (total cost of ownership) ottimale, gli hard disk WD Ae riducono al minimo possibile il consumo energetico e sfruttano un modello di Progressive Capacity™ per rendere possibile un nuovo livello di storage per infrastrutture cloud su larga scala.   

"La necessità tipica di chi realizza datacenter è quella di una soluzione HDD progettata specificamente per l'archiviazione di dati a freddo, un livello oggi in espansione più che mai," ha affermato Matt Rutledge, senior vice president e general manager, storage technology, WD. "Ora, alla sua terza generazione con oltre 700 petabyte già implementati, WD porta i dischi WD Ae ad un mercato più vasto, andando così a creare un'altra componente importante del portfolio di capacità storage di WD, che fornisce funzionalità e caratteristiche di prodotto ottimizzate per il mercato storage in rapida evoluzione."

La velocità sempre maggiore con cui i dati vengono creati, e la conseguente necessità di conservare, preservare ed estrarre valore da questi dati crea una sfida nuova e unica per chi realizza ed offre data center su larga scala. La gestione affidabile dei dati nel lungo termine per uno storage di dimensioni massive sta diventando ancor più critica. Gli strumenti e le tecnologie convenzionalmente usati per lo storage a basso costo non sono efficaci nei data center di grandi dimensioni, e questo fa emergere approcci completamente nuovi rispetto alle architetture di storage ed alle relative tecnologie.

"I fornitori di servizi cloud hanno fatto crescere rapidamente i volumi di dati generalmente inattivi per l'archiviazione e la gestione, fornendo allo stesso tempo ai clienti la possibilità di accedere ai dati pressoché in qualsiasi momento," secondo John Rydning, vice president di IDC per la ricerca nel comparto hard disk.  "La nuova linea di HDD WD Ae è indirizzata espressamente a questi casi di utilizzo storage, e sta aiutando a definire un nuovo sottosegmento di archiviazione storage enterprise, aprendo così nuove opportunità per il mercato degli HDD."

Con un forte focus sulle caratteristiche tipiche dei cold data, WD ha guidato il mercato cold/archive con diverse generazioni di storage per archiviazione, evolvere attivamente verso una formula di prodotto in grado di fornire la combinazione ottimale tra costo/efficacia, efficienza energetica, densità storage e intensità applicativa. I dischi WD Ae sono pensati appositamente per l'archiviazione HDD con una densità areale eccezionale su una piattaforma meccanica ad ampio volume, che offre maggiore efficienza energetica e un modello di Progressive Capacity.

Alcune delle caratteristiche uniche della famiglia di hard disk WD Ae includono: una piattaforma densa a 5 platter, che offre un mix ottimale di potenza, prestazioni, capacità e costi; capacità superiori a 6TB; interfaccia SATA 6 Gb/s; e un carico di lavoro e tasso di affidabilità pari al workload di 60 TB e un Mean Time Before Failure (MTBF) di 500 Khrs.  

La capacità progressiva di WD Ae
Man mano che la tecnologia e i processi produttivi maturano nel tempo, la capacità incrementale aumenta. L'innovativo modello di capacità progressiva di WD consente la distribuzione di questi modelli di capacità incrementale superiore per sfruttare la loro piena capacità disponibile: 6.1 TB, 6.2 TB, o 6.3 TB, per esempio. Questi incrementi di capacità più specifici consentono di ottenere una capacità molto maggiore nel ciclo di vita di una piattaforma di prodotto. Con le dimensioni particolarmente estese delle applicazioni moderne, la disponibilità di incrementare la capacità ogni trimestre rappresenta un valore eccezionale per i data center, che possono migliorare in tema di capacità per drive, capacità per spazio volumetrico ed ottenere  una riduzione del carico complessivo delle infrastrutture.

Hot Data e Cold Data – il continuum della temperatura dell'archiviazione dati  
Se sulla maggior parte delle reti circa il 20-30 per cento dei dati è attivo, ed è comunemente indicato come "hot", la maggior parte dei dati - il 70-80 per cento -  è inattivo o "cold", ovvero vi si accede raramente e viene modificato ancora meno spesso. Vista la problematica di memorizzazione di dati sulla scala di petabyte o exabyte, gli ecosistemi di cloud pubblico e privato ​​sono incentrati alla creazione di livelli del tutto nuovi di storage per gestire differenti gradi di "temperatura dati." Il livello di dati "cold" sta emergendo in maniera molto simile al modo in cui il livello "Tier 0" è emerso nel corso degli ultimi dieci anni per far fronte alle richieste di prestazioni critiche. Ora, il mercato sta aggiungendo un nuovo livello sul lato opposto dello spettro di temperatura dei dati, spesso definito come archiviazione, o "Tier 3".

Lo storage a freddo nasce dalla pratica di creare un nuovo livello di informazioni a cui non si accede frequentemente per lunghi periodi di tempo, e può includere dati strutturati, non strutturati, o semi-strutturati che hanno un valore senza tempo, e per cui non si ha un programma preciso di recupero. Di conseguenza, i tempi di recupero dei dati possono essere meno serrati, rispetto alla velocità con cui si ha bisogno di recuperare i dati "caldi".

In definitiva, con un'infrastruttura storage appositamente costruita e costi ottimizzati per i cold data, i dipartimenti IT sono in grado di fornire tempi di archiviazione e recupero dei dati a freddo/archiviati notevolmente migliori che superano le capacità di archiviazione a nastro obsolete, utilizzando al contempo soluzioni storage standard su disco che vengono abbondantemente utilizzate e comprese per realizzare valore applicativo ottimale e notevoli risparmi sui costi di archiviazione.

Disponibilità
Gli hard disk WD Ae saranno venduti in pacchetti da 20 unità e disponibili presso i distributori e gli integratori selezionati dalla fine del 2014. I dischi WD Ae sono coperti da una garanzia limitata di 3 anni. Per ulteriori informazioni  sugli hard disk per data center  WD Ae è possibile visitare il sito dell'azienda a questo indirizzo www.wdc.com/it/products/products.aspx?id=1340.

WD
WD, azienda di Western Digital, è da sempre all'avanguardia e leader del mercato dell'archiviazione. Punto di riferimento nel mondo storage, l'azienda produce hard disk e dischi allo stato solido a elevate prestazioni. Questi dischi vengono utilizzati da OEM e integratori di computer desktop e mobili, sistemi informativi enterprise, sistemi integrati e applicazioni di elettronica di consumo, così come dall'azienda stessa, che fornisce i suoi prodotti storage. I dispositivi e i sistemi storage leader di WD, i prodotti di rete, i lettori multimediali e le soluzioni software consentono agli utenti in tutto il mondo di salvare, archiviare, proteggere e condividere in maniera semplice i loro contenuti su molteplici dispositivi. WD è stata fondata nel 1970 con quartier generale a Irvine, California. Per ulteriori informazioni, visitate il sito dell'azienda www.wd.com.

Western Digital Corp. (NASDAQ: WDC), Irvine, Calif., è un fornitore globale di prodotti e servizi che consentono alle persone e alle organizzazioni di raccogliere, gestire, fruire e preservare i contenuti digitali. Le sue aziende progettano e producono dispositivi storage, sistemi di rete e prodotti di home entertainment sotto i marchi WD, HGST e G-Technology. Visitate la sezione dedicata agli investitori sul sito dell'azienda (www.westerndigital.com) per accedere a una serie di informazioni finanziarie dedicate.

lunedì 29 settembre 2014

Evento AUSED “Connected Life”


Avrà luogo a Torino, presso l’auditorium TILab di Telecom Italia il prossimo evento AUSED, nato dalla segnalazione dalla Survey Soci per il calendario 2014

logo_aused_rossoIl prossimo 16 ottobre, dalle ore 14,00, si svolgerà a Torino, presso l’auditorium TILab di Telecom Italia di via Arrigo Olivetti 6, l’evento AUSED dal titolo “Connected Life – La vita connessa nell’impresa, nel sociale e nel privato.”

Si tratta di un evento segnalato dalla Survey Soci AUSED per il calendario 2014, particolarmente interessante per tutti coloro che vogliono approfondire l’evoluzione tecnologica in atto nella “communication”.

Nel corso degli ultimi vent’anni abbiamo avuto modo di assistere a un passaggio epocale, da una società spesso basata sull’uso della carta, ad una società digitalizzata e interconnessa, nel privato come nel pubblico e nel sociale.

Ciò che sembrava fantascienza è oggi una realtà in continua evoluzione, che ci sorprenderà ulteriormente con le prossime accelerazioni evolutive nelle tecnologie e nelle comunicazioni.

E’ passato il tempo delle relazioni one-to-one tecnologiche o fisiche che fossero, sia in campo lavorativo che in quello privato, il tempo dei meeting, delle mail e delle connessioni dirette ed anche delle code agli sportelli si sta esaurendo.

Oggi le possibilità tecnologiche che la rete (il web) e le comunicazioni ci forniscono hanno scombussolato ogni assetto sociale e produttivo preesistente, la vita è sempre più connessa ed interattivamente integrata a tutte le funzionalità quotidiane, lavorative e non. Un nuovo modello sociale che mette il mondo dell’imprenditoria nelle condizioni di doversi necessariamente adeguare a questo trend, fornendo ai propri clienti e/o consumatori servizi sempre più digitalmente integrati, fruibili e scalabili per le nuove e future esigenze.

Relazionarsi oggi con i propri amici, la sanità, i comuni, l’azienda, come anche con i propri elettrodomestici è diventato sempre più semplice ed immediato, indistintamente dall’ubicazione ed il numero degli stessi.

Una vita connessa, proviamo oggi a dare uno sguardo a questo mondo dal punto di vista dell’impresa, del sociale e del privato.

Di seguito l’agenda dell’evento del 16 ottobre:

14:00 – 14:30         Registrazione Partecipanti

14:30 – 14:40         Apertura dei lavori: Benvenuto AUSED e CDI -Introduzione: Luigi Pignatelli, Consigliere AUSED – Membro dell’Osservatorio Tecnologie di Aused.

14:40 – 15:40         Visita ai laboratori Telecom Italia Future Labs

15:40 – 16:00         Coffee break ed inizio lavori

16:00 – 16:25         Connected Life: abbiamo appena cominciato – Roberto Saracco, EIT ICT LABS Italy

16:25 – 16:50         IoT and the industrial ecosystem: a game changer – Roberto Minerva, Telecom Italia e IEE IoT Inititative Chairman

16:50 – 17:15         Tutti smart nella città – Marco Mezzalama. Vice Rettore Politecnico di Torino

17:15 – 17:40         Internet of Things per la Smart Home, nuove logiche di canale – Davide Zanzi, Business developer manager building system Gruppo Legrand – Bticino

17:40 – 18:30         Q &A e Chiusura lavori

18:30                      Aperitivo

L’evento è stato organizzato da Luigi Pignatelli di Carl Zeiss Vision, Consigliere AUSED, e Claudio Saluta di Consoft Sistemi, Consigliere e Socio Sostenitore. Con il patrocinio di: CDI Torino.

Per ulteriori informazioni: Segreteria Aused tel. 02-5464747

Per maggiori informazioni e adesioni: Segreteria Aused, tel. 02-5464747 – e-mail: aused@aused.org.

È possibile aderire tramite questo link: http://bit.ly/JFCVPl

Cosa cambia per il posizionamento in Google, seo e conversioni


Oggi il posizionamento in Google ed in generale la Seo, fondamentale per la visibilità sul web e per ottenere le necessarie conversioni, sta cambiando faccia.
Descrizione: http://blog-web-marketing.insem.it/wp-includes/js/tinymce/plugins/wordpress/img/trans.gifLe strategie seo conosciute finora, un mix tra accorgimenti tecnici orientati alla svolta semantica del web non è in disuso ma è in trasformazione. Il concetto di seo posizionamento sui motori di ricerca funzionante per parole chiave targettizzate, link building, comprendente  altre strategie orientate alla seo finora utilizzate, si sta evolvendo sempre di più verso la qualità.
Il discorso sulla qualità porrebbe essere molto ampio, in questo caso lo restringiamo  a due semplici concetti, relativi all’aumento della visibilità dei siti e dei brand su Internet: la costruzione di una visione d’insieme attraverso la qualità dei contenuti
Il concetto è preso in prestito da note tecniche pubblicitarie, che prevedono per ogni marchio la costruzione di un’immagine coordinata che ne rafforzi e ne comunichi il concept e la reason why. La comunicazione di un brand e quello che vende ai consumatori deve essere chiara e forte, puntare ad un target preciso, calarsi in un dato segmento di mercato e studiarne l’andamento con appositi strumenti di marketing.
Google con i suoi algoritmi e l'odierna seo, partecipano al cambiamento e lo affrontano con espedienti e tecniche che mettono al centro tre elementi su cui costruire strategie di comunicazione sul web:

Questi tre concetti e strategie di implementazione di contenuti e siti web, intesi ormai come “progetti”, lavorano per traghettare utenza e traffico verso i siti,  facendolo senza aggirare gli algoritmi di Google, ma mirando ad una fidelizzazione della clientela, attraverso la creazione di community intorno ai marchi e a prodotti, mediante tecniche che risultano essere un mix tra vecchio e nuovo.
In queste strategie seo si utilizzano espedienti come lo storytelling, il marketing virale, la creazione  e gestione di website, pagine facebook, Google plus, Twitter, linkedin dove condividere e veicolare contenuti interessanti e di qualità per gli utenti, in perfetta sinergia tra loro.
Allo stesso tempo, su siti e blog si pubblicano contenuti sempre più mirati e targettizzati che devono porre al centro della loro genesi una  realtà da non ignorare: lavorare da un lato come se Google non esistesse, quindi senza l’ossessione della seo a tutti i costi, dall’altra studiando bene il target dì utenza, e producendo contenuti( immagini, testi, video, info grafiche) di attissima qualità, interessanti ed utili.
In questo contesto l’uso di parole chiave, primarie e secondarie, dalla coda lunga e localizzate, è ancora valido e pertinente se non si cerca di farlo pensando di convincere Google ad interessarsi in maniera forzata al nostro blog/sito.
Se oggi, come si dice, i “like hanno sostituito i link”, sono i contenuti che attraggono utenza e potenziale clientela,  ma anche il social networking, ovvero la capacità di lavorare su un progetto web creando una comunità interessata.
Le strategie di pubblicità online come il PPC( pay per click, campagne adwords, pubblicità online), le tecniche seo finalizzate a rendere i contenuti più pertinenti abbinata alla qualità degli stessi, il social media marketing e il community management lavorano per comunicare a Google e agli altri motori di ricerca non solo la loro presenza sul web ma il fatto di rappresentare una realtà concreta che dialoga con la sua clientela tramite tecniche online ed offline in sinergia tra loro.

In questo “dialogo” viene veicolata una visione d’insieme sempre più forte ed attenta alle tendenze del mercato, ai gusti, alle esigenze, ma anche ai cambiamenti tecnologici in costante evoluzione che i motori di ricerca, Google in testa, mettono in campo giorno dopo giorno.

venerdì 26 settembre 2014

Webinar - I nuovi verbi dell'IT - 14 ottobre


Abbiamo il piacere di invitarvi al Live Webinar "I nuovi verbi dell'IT".
Quello del cloud è un fenomeno dirompente con numeri ormai concreti e "presenti".
Nel 2014 il mercato ICT as a Service nel nostro Paese crescerà del 31%. 320 milioni di euro saranno spesi per servizi di Public Cloud, e altri 860 saranno investiti in infrastrutture, architetture applicative e gestione dei device per costruire sistemi informativi aziendali Cloud Enabling.
Tra parco installato, infrastrutture esistenti e necessità di gestire le applicazioni proprietarie il modello che sembra ora raccogliere i maggiori consensi è sicuramente quello del Cloud Ibrido. Un modello vantaggioso e flessibile che va però conosciuto e applicato seguendo indicazioni molto precise. Non si tratta infatti di una semplice tecnologia, ma di un nuovo modello di concepire e soprattutto consumare l'IT.
Come e attraverso quali strumenti bisogna imboccare la strada del cloud ibrido?
Cosa "ne faccio" dell'infrastruttura esistente? Come si evita il vendor lock-in?
Quali servizi è opportuno realizzare all'interno e quali invece è meglio comprare da un partner esterno? Come si crea un catalogo di servizi?
Quali partner esterni scegliere e perché? Quali risultati concreti offrono i loro servizi? Come funzionano? (Esperienze e casi concreti)
L'evento sarà moderato da Marco Maria Lorusso, Direttore di ICT4Trade, e vedrà la partecipazione di Stefano Mainetti, Responsabile Scientifico dell'Osservatorio Cloud & ICT as a Service presso il Politecnico di Milano, Roberto Uboldi, Channel Sales Manager Cloud Solutions at Hewlett-Packard ed Enrico Boselli, Managed Infrastructure Services Manager di Elmec.

Il Webinar si terrà il 14 ottobre dalle ore 12.00 alle 13.00.
Registrati
Per ulteriori informazioni contattare la segreteria organizzativa - email: webinar@ict4executive.it

Easa: via libera a cellulari e tablet accesi durante volo. Non sarete più invitati a spegnere i vostri dispositivi


Grande novità per i passeggeri degli aerei.Via libera dell'agenzia europea per la sicurezza aerea (Easa) all'utilizzo di apparecchi elettronici, dagli smartphone ai tablet, dai computer portatili ai lettori mp3, durante il volo. Con le nove regole, le compagnie aeree potranno permettere ai passeggeri di restare connessi, senza l'obbligo di inserire la "modalità in volo" e quindi potranno tenere accesi i propri dispositivi elettronici accesi durante il volo, anche in fase di decollo e atterraggio. Ma ci vorrà del tempo prima di concretizzare questa novità.

ANSYS CONSENTE LA PROTOTIPAZIONE VIRTUALE DI SISTEMA

ANSYS rivoluziona la progettazione model-based combinando modelli e librerie Modelica con VHDL-AMS, software embedded e multifisica 3-D dettagliata.



Milano – 26 settembre 2014 - ANSYS (Nasdaq: ANSS) e Modelon hanno stretto un accordo per rivoluzionare il processo di sviluppo prodotto, riducendo errori di integrazione in fase avanzata, costi di sviluppo e accelerando il time to market.

La combinazione di strumenti e soluzioni di modellazione comportamentale dei sistemi Modelon - basati sul linguaggio di modellazione open standard Modelica® - con la piattaforma di simulazione di sistema e l'ampia gamma di solutori multifisici 3-D di ANSYS, consente agli utenti di analizzare i progetti dal sistema completo fino ai dettagli, includendo anche la generazione ed il testing del software di controllo.

Questo approccio multidisciplinare e integrato aiuterà le aziende a realizzare progetti migliori, a ridurre la dipendenza da costosi prototipi fisici e ad eliminare i potenziali problemi di integrazione di sistema.

giovedì 25 settembre 2014

I 4 giorni della Rete Routes Towards Sustainability

Dal 29 settembre al 2 ottobre quattro giorni nel segno di Unife International e di Routes Towards Sustainability, la rete internazionale promossa e finanziata dall'Università per ampliare ed approfondire le relazioni internazionali dell'Ateneo ferrarese nel vasto settore degli studi e delle ricerche sulla sostenibilità.

 

Nata nel 2012 con la partecipazione di 10 università di tutti i continenti, dopo due anni di rodaggio, Routes oggi sta raddoppiando le università partner, grazie alla qualità delle proprie iniziative, coordinate dalla Prof.a Paola Spinozzi, anglista del Dipartimento di Studi Umanistici e dal Prof. Gianfranco Franz, del Dipartimento di Economia e Management, attività che, giova ricordarlo, sono aperte non solo a docenti e studenti, ma a tutta la città.

 

Si comincia il 29 e il 30 settembre, dalle ore 9 di mattina, al Ridotto del Teatro Comunale 'Claudio Abbado', con il convegno Multi-Hazard Mitigation: A Challenge for Sustainability and Safety, organizzato insieme alla Regione Emilia-Romagna sui temi dei rischi territoriali (sismi, inondazioni, frane) e che vede la partecipazione di esperti di fama nazionale ed internazionale, provenienti da università di Giappone, Cile, Cina, Vietnam, Thailandia, Germania, Brasile, Argentina, oltreché italiane.

 

Si prosegue poi, il 2 e 3 ottobre, nella splendida cornice di Palazzo Tassoni Estense, ora Dipartimento di Architettura, con il secondo simposio internazionale della Rete Routes, dal titolo Sustainable Development towards a Culture of Wellbeing. Il simposio vede la partecipazione di università di tutti i continenti, comprese università italiane ed europee, ed è finalizzato ad ampliare il dialogo e le riflessioni sulla sostenibilità e il benessere, nell'economia e nell'ambiente, nella politica e nella cultura. Durante le numerose e ricche sessioni tematiche del simposio sarà affrontata una molteplicità di temi rilevanti, dalla produzione al consumo di risorse, dallo smaltimento e riciclaggio dei rifiuti alla conservazione degli habitat, energia, acqua e aria, diritto internazionale, giustizia e uguaglianza di genere, cittadinanza ed educazione, salute e riduzione dei rischi, fino ai temi della cultura, dell'identità e della memoria, incrociandoli con i valori dell'interculturalità, della creatività, della resilienza e della creolizzazione. Proprio per l'ampiezza dei temi affrontati sono rappresentate gran parte delle discipline e dei saperi, dalla chimica alla fisica, dall'ingegneria alla geologia alle bioscienze, dalla farmacia all'architettura, dalla pianificazione all'economia ambientale, fino alle scienze politiche, il diritto, l'antropologia culturale e la teoria e la storia della letteratura.

 

Il pomeriggio del 30 settembre, nell'aula magna del Dipartimento di Economia e Management, tutti i partecipanti alle due iniziative ricordate si riuniranno per il secondo incontro generale della Rete Routes, che ha due obiettivi di grande importanza: ampliare il numero di università associate alla rete, con l'ingresso di nuove sedi da Polonia, Germania, Portogallo, Regno Unito e Vietnam e avanzare fin dal 2015 con progetti di ricerca finanziabili con i fondi europei del programma Horizon 2020.

 

Come già ricordato, tutte le iniziative sono gratuite ed aperte a tutti i cittadini interessati.

 

 

Tecnologie Mobile a supporto delle imprese | 30 settembre - Politecnico di Milano - Osservatorio Mobile Enterprise

Osservatorio Mobile Enterprise

The Mobile Enterprise Factor:
tecnologie Mobile a supporto del Business

Presentazione dei risultati della ricerca
 

Martedì 30 Settembre 2014
Ore 9.00 – 13.00
Aula Carlo de Carli - Politecnico di Milano
(Campus Bovisa) Via Durando 10 

 

    Su iPRESSlive, NewsSocialPlatform per giornalisti, blogger e uffici stampa, a questo LINK è possibile effettuare l'accredito stampa all'evento.

   
Programma del convegno: 

9.00

Registrazione e Welcome Coffe

   con visita all'area espositiva

10.00

Introduce e presiede

Andrea Rangone

   Responsabile Scienti­co
   Osservatorio Mobile Enterprise

10.15

The Mobile Enterprise Factor
nelle imprese del nostro Paese

Paolo A. Catti

   Responsabile della Ricerca
   Osservatorio Mobile Enterprise

10.35

Discutono i risultati della Ricerca

Alberto Veronese

  Team Leader Web&Mobile 4words

Gabriele Mutarelli

   Mobility Senior Manager Accenture

Maurizio Esposito

   Business Unit Manager Aeonvis

Diego Ghidini

   Director Business Sales BlackBerry Italy

Giuseppe Capoferri

   Amministratore Delegato Gulliver

Andrea Greggia

   Direttore Tecnico ICT Nazca Ricerca

Andrea Del Monte

   CIO-Senior Partner Praxi

Matteo Tellaroli

   Business Development Manager Seltris

Alessandro Canzian

   Corporate Marketing Director Vodafone

12.00

The Mobile Enterprise Factor
per innovare il Business

Christian Mondini

   Senior Research Analyst
   Osservatorio Mobile Enterprise

12.15

Esperienze "dal campo"

Andrea Carau

   Responsabile Sistemi Informativi
   Cooperativa Latte Arborea

Marco Altigieri

   Project Manager Enel Global ICT

Massimo Ma­eis

   Responsible of the Development of Work
   Force Management Enel Distribuzione

Paolo Ballabene

   IT Director TNT Global Express

13.00

Chiusura del Convegno


Durante il welcome coffee sarà possibile visitare
l'area espositiva predisposta grazie alla collaborazione
dei Partner e Sponsor dell'Osservatorio, toccando
con mano le soluzioni applicative sviluppate
a supporto dei processi di Business

 

La partecipazione al Convegno è gratuita

Tutti gli abbonati al sito Osservatori.net potranno seguire il Convegno in diretta Web.

L'edizione 2014 dell'Osservatorio Mobile Enterprise è realizzata con il supporto di 4words, Accenture, Aeonvis, Blackberry, Compuware, Gulliver, Nazca, Praxi, Seltris, Vodafone; Canon, DS Group, GLS Mobile, TESISQUARE® e weAR.

Smart Domotics vincitrice del premio nazionale UniCredit Start Lab 2014




La startup Smart domotics vince il premio nazionale Unicredit Start Lab
La startup innovativa nel campo della domotica ospitata nell'incubatore del Parco Scientifico e Tecnologico Torricelli di Faenza si è aggiudicata il primo posto al Premio Nazionale Unicredit Start Lab 2014 nella categoria Clean Tech, uno dei riconoscimenti più ambiti per l'innovazione tecnologica in Italia.

Venerdì 26 Settembre 2014 - La Commissione di Valutazione, composta da professionisti provenienti dai nomi tra i più noti del CleanTech, ha selezionato, su quasi 1000 startup, 11 finalisti che potranno accedere al programma di Accelerazione di UniCredit Start Lab. 


Tutte le iniziative hanno raccolto l'interesse e l'apprezzamento della Commissione, che ha tuttavia individuato come primo classificato, per "innovatività, potenzialità economiche e completezza", il progetto Smart Domotics, sviluppato all'interno dell'Incubatore di Faenza con il supporto di Centuria Agenzia per l'Innovazione della Romagna.


La startup sviluppa, realizza e commercializza un sistema di domotica Made in Italy per il risparmio energetico e il monitoraggio degli edifici in ogni ambito: riscaldamento, illuminazione, energia rinnovabile, elettricità. Gli elementi distintivi della soluzione sono la semplicità di utilizzo – si installa nel quadro elettrico – il prezzo competitivo e la vastità degli utilizzi potenziali: edifici nuovi ed esistenti, residenziale, imprese e terziario, fino a pubblica amministrazione, scuole, uffici.

"L'idea centrale su cui abbiamo lavorato nello sviluppo del prodotto - afferma Raffaele Borginisocio di capitali, amministratore e responsabile rapporti istituzionali - è di coniugare il comfort e la tecnologia tipici della domotica, si pensi ad esempio alla possibilità di comandare a chilometri di distanza illuminazione e climatizzazione, con gli aspetti sempre più decisivi nel contesto edilizio, urbano e sociale, di risparmio energetico, efficienza e rinnovabili


Un mercato potenziale enorme, che stiamo affrontando anche attraverso un preciso piano d'internazionalizzazione, Messico, Brasile e a seguire Turchia e Regno Unito, mantenendo la produzione rigorosamente in Italia".

Il programma di Accelerazione di UniCredit Start Lab cui Smart Domotics avrà accesso include:
>      possibilità di ricevere un co-investimento in equity da UniCredit insieme a uno dei partner
>      attivazione di business meeting e contatti con clienti Corporate del network di UniCredit
>      partecipazione all'Investor Day organizzato all'interno del programma di accelerazione
>      grant di 10.000€ come prima classificata



Tecnologia Datalogic per Coop Estonia con il Self-shopping e il Joya X1

Bologna, 25 Settembre 2014Datalogic leader mondiale nei settori dell'acquisizione automatica dei dati e dell'automazione industriale, nonché produttore di lettori di codici a barre, mobile computer, sensori, sistemi di visione e marcatura laser, è orgogliosa di annunciare che il Joya™ X1 device per il Self-shopping è stato scelto da Harju Consumer Society, un membro di Coop Estonia, per migliorare la shopping experience dei propri clienti.

Coop Estonia è la più grande e storica cooperativa che opera nel settore retail in Estonia. E' presente nel territorio dal 1917, possiede 353 punti di vendita in tutto lo Stato e ha più di 4.400 dipendenti. Lo scorso giugno, presso il nuovissimo supermercato Harju di Miiduranna Konsum, è stato implementata la soluzione Self-shopping di Datalogic che comprende il dispositivo Joya X1 per la raccolta dati e il middleware Shopevolution™ 6.0.

L'obiettivo del supermercato era quello di far provare ai propri clienti una più veloce e divertente esperienza di acquisto. La direzione ha da subito notato il grande interesse delle persone sia per il nuovo punto vendita che per l'innovativo servizio offerto. Merli Sirp, Marketing Manager presso Harju commenta, "Uno dei motivi di così tanto interesse è che il Joya X1 ha un design accattivante, è colorato e non appena lo si utilizza, ci si rende conto che è davvero veloce fare la spesa e per nulla complicato il suo utilizzo."

Il Joya X1 è un device tecnologicamente innovativo e dal design ergonomico, appositamente studiato per essere usato nel punto vendita in maniera molto intuitiva. "Situato in posizione strategica, in quanto locato in una zona residenziale costituita per lo più da giovani famiglie, il nuovo supermercato Harju si è dimostrato essere la location ideale per procedere con la prima installazione del servizio di Self-shopping" continua Sirp. "Avere optato per la soluzione Datalogic ci permette di distinguerci dai nostri competitor perché possiamo garantire ai nostri clienti una spesa divertente, facile e veloce, con in più la possibilità di visualizzare in real time quanto si sta spendendo e soprattutto di evitare infinite attese in cassa."

Con il device Joya X1 si evita di dover svuotare il carrello per posizionare i prodotti sul nastro, riducendo così i tempi d'attesa dei clienti in cassa. Il device di Datalogic è leggero, robusto e veloce in fase di acquisizione ed elaborazione dei dati. I clienti hanno la possibilità di tenere sotto controllo, in tempo reale, il totale della spesa e visualizzare i prezzi netti dei prodotti. L'affidabile batteria di lunga durata, garantisce inoltre di portare a termine qualsiasi operazione, anche una lunga spesa, senza alcuna interruzione del servizio.

Francesco Montanari, Vice President & General Manager della Business Unit Mobile Computing di Datalogic ADC, commenta "Le soluzioni Self-shopping di Datalogic continuano ad essere scelte dai top Retailer di tutto il mondo grazie alla combinazione vincente tra il middleware Shopevolution 6.0 e alle caratteristiche distintive del device Joya X 1. Il loro connubio fornisce ai retailer tutte quelle funzionalità di cui hanno bisogno per garantire ai loro clienti la migliore shopping experience possibile."

Grazie alla tecnologia di lettura linear imaging, il Joya X1 garantisce una maggior sicurezza ed affidabilità di lettura di ogni tipo di codice a barre e permette di acquisire i coupon anche su display di smartphone o i codici delle etichette elettroniche (ESL).

Ergonomia, ottime performance e caratteristiche uniche per il nuovo device Joya X1 che, insieme al middleware Shopevolution 6.0, può essere usato fin da subito per veicolare contenuti multimediali e promozioni dedicate, per gestire applicazioni di queue-busting e per le operazioni di inventario.



Il Gruppo Datalogic, leader mondiale nei settori dell'acquisizione automatica dei dati e dell'automazione industriale, è uno dei principali produttori di lettori di codici a barre, mobile computer, sensori, sistemi di visione e marcatura laser. Datalogic offre soluzioni innovative per una vasta gamma di applicazioni rivolte ai settori retail, trasporti e logistica, all'industria manifatturiera e alla sanità. Con prodotti utilizzati in oltre un terzo dei supermercati e dei punti vendita, degli aeroporti, dei servizi postali e di spedizione di tutto il mondo, Datalogic è una realtà unica in grado di offrire soluzioni che semplificano e migliorano la vita quotidiana. Datalogic S.p.A. è quotata nel segmento STAR della Borsa italiana dal 2001 con il simbolo DAL.MI e ha sede a Lippo di Calderara di Reno (Bologna). Il Gruppo Datalogic, che ha circa 2.400 dipendenti distribuiti in 30 paesi del mondo, nel 2013 ha registrato vendite per 450,7 milioni di euro e ha investito oltre 35 milioni di euro nel settore Ricerca e Sviluppo, con un patrimonio di oltre 1.000 brevetti in tutto il mondo. Maggiori informazioni su Datalogic sul sito www.datalogic.com.
Datalogic e il logo Datalogic sono marchi registrati di Datalogic S.p.A., registrati in molti Paesi fra cui gli Stati Uniti e l'Unione Europea. Datalogic ADC  è trademark di Datalogic S.p.A. Il logo Joya è marchio registrato di Datalogic ADC Srl negli Stati Uniti e Shopevolution è marchio registrato di Datalogic ADC Srl nell'Unione Europea. Tutti gli altri band e nomi di prodotto sono trademark dei rispettivi proprietari.

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI