Cerca nel blog

sabato 22 ottobre 2016

EnOcean annuncia il brand Dolphin e gli interruttori Bluetooth autoalimentati

EnOcean presenta il nuovo marchio "Dolphin" e amplia la sua gamma di prodotti

EnOcean crea il marchio "Dolphin" per commercializzare la gamma completa di moduli radio senza batterie e prodotti white label con sistema radio EnOcean nella banda di frequenza sub 1 GHz e, per l'impiego in sistemi ZigBee e BLE, in quella dei 2,4 GHz.

Insieme a IBM, element14 e Digital Concepts, EnOcean ha introdotto sul mercato il kit certificato "Intelligent Building - Self-powered IoT Solution" per collegare in rete e gestire in modo sicuro gli apparecchi, nonché per analizzare i dati e utilizzare i servizi cognitivi.

L'azienda tedesca intende rafforzare la sua posizione di fornitore leader di radiotecnologia senza batterie per le applicazioni esenti da manutenzione nell'ambito di Internet degli oggetti (IoT).

Nuovo modulo interruttore PTM 215B senza batterie con funzionalità NFC per sistemi Bluetooth Low Energy (BLE) 2,4 GHz consente lo sviluppo di funzioni di commutazione per sistemi di illuminazione BLE. A partire dal 2017 verranno offerti anche sensori BLE.

Oberhaching (Germania), 22 ottobre 2016 - EnOcean, l'azienda leader mondiale nello sviluppo della tecnologia wireless "energy harvesting", offrirà i suoi moduli radio senza batterie e i suoi prodotti white label sotto il nuovo marchio "Dolphin - Self-powered IoT by EnOcean". 
La gamma di prodotti comprende moduli radio senza batterie per l'uso nell'ambito dell'automazione degli edifici e degli impianti smart home con radio EnOcean nella frequenza sub 1 GHz: "868 KHz EnOcean" per l'Europa, "902 MHz EnOcean" per il Nordamerica e "928 MHz EnOcean" per il Giappone.
L'azienda tedesca, inoltre, ha recentemente introdotto una importante innovazione nella gamma di prodotti: i moduli radio autoalimentati per sistemi BLE 2,4 GHz. 
I nuovi moduli complementano la tecnologia wireless EnOcean nella banda inferiore a 1 GHz e i prodotti ZigBee wireless a 2,4 GHz.
Internet delle cose senza batterie: vantaggi per l'ambiente e semplicità di installazione.
I moduli Dolphin sfruttano il principio dell'energy harvesting, che consente di produrre energia dall'ambiente circostante per l'alimentazione di reti di sensori radio autoalimentati. 
Una peculiarità di questa tecnologia sono i trasformatori di energia miniaturizzati, che per l'appunto trasformano il movimento, la luce o le differenze di temperatura in energia elettrica. 
In abbinamento a un sistema efficiente di gestione dell'energia, la tecnologia energy harvesting rende possibile la comunicazione fra gli apparecchi IoT sulla base di diversi standard radio come EnOcean, ZigBee e BLE. 
Queste soluzioni vengono impiegate nell'ambito dell'automazione degli edifici, negli impianti di domotica, nei sistemi di comando delle luci a LED e nelle applicazioni industriali.
"La base di Internet degli oggetti è costituita dagli apparecchi collegati in rete, che elaborano grandi quantità di dati forniti dai sensori per configurare la nostra quotidianità in modo più semplice, sicuro e confortevole", spiega Wald Siskens, amministratore delegato di EnOcean. 
"I nostri moduli Dolphin offrono un fondamento importante per questo collegamento in rete complessivo: sensori autoalimentati su base radio che forniscono i dati ai sistemi IoT."
Da oltre 15 anni fornitore leader a livello mondiale di soluzioni con sensori radio autoalimentati
Le soluzioni senza batterie, con sensori radio basati sullo standard EnOcean nella frequenza sub 1 GHz (ISO/IEC 14543-3-1x) sono in uso da 15 anni. 
In tutto il mondo sono già stati allestiti con la tecnologia EnOcean oltre 400.000 edifici. 
Come partner commerciale della EnOcean Alliance, che opera con più di 400 membri nell'ambito dell'automazione degli edifici, EnOcean offre ai suoi clienti i vantaggi di un sistema ecologico realizzato mediante soluzioni interoperabili autoalimentate. 
Grazie al perfezionamento continuo, il sistema ecologico complessivo EnOcean contribuisce a rendere gli edifici più flessibili, più efficienti dal punto di vista energetico e più vantaggiosi in termini economici.
Con IBM e altri partner ecco una soluzione intelligente per l'Internet degli oggetti
Un esempio della riuscita collaborazione fra aziende concernente il sistema ecologico EnOcean che puntano sull'omonimo standard radio è lo sviluppo di una soluzione per l'ambito IoT.
Insieme ai partner commerciali IBM, element14 e Digital Concepts, EnOcean ha introdotto sul mercato il kit certificato "Intelligent Building - Self-powered IoT Solution" con sensori autoalimentati basati sulla tecnologia EnOcean. 
Nella Enterprise Edition per il mercato immobiliare, il kit offre un semplice collegamento alla piattaforma IoT IBM Watson, ai servizi Bluemix e al software di gestione delle infrastrutture TRIRIGA di IBM, per collegare in rete e gestire in modo sicuro gli apparecchi, nonché per analizzare i dati e utilizzare i servizi cognitivi.

L'azienda
La EnOcean GmbH è l'azienda che ha sviluppato e brevettato la radiotecnologia autoalimentata (senza batterie) che viene distribuita sotto il marchio Dolphin. 
Con sede a Oberhaching, nei pressi di Monaco di Baviera, EnOcean produce e distribuisce soluzioni con sensori radio esenti da manutenzione per applicazioni nell'ambito di Internet degli oggetti utilizzabili per l'automazione industriale e degli edifici, negli impianti di domotica e nei sistemi di comando delle luci a LED. 
I prodotti EnOcean si basano su trasformatori di energia miniaturizzati, su componenti elettronici a risparmio energetico e su un'affidabile radiotecnologia per diversi standard. 
Per le loro soluzioni di sistema, molti costruttori si affidano da 15 anni ai moduli radio di EnOcean e hanno già allestito in tutto il mondo diverse centinaia di migliaia di edifici.
Ulteriori informazioni sono reperibili al sito www.enocean.com.



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI