Cerca nel blog

venerdì 16 dicembre 2016

Autodesk spiega come il "Connected BIM" influenzerà il modo di lavorare nel settore AEC


I professionisti dell'AEC che hanno partecipato all'Autodesk University hanno sperimentato la prossima evoluzione del BIM

Milano, dicembre 2016 – Da ciò che è emerso dall'ultima edizione dell'Autodesk University, una cosa è certamente chiara: il Building Information Modeling (BIM) è il nesso tra progettazione, costruzione e operatività. 

Scelto e utilizzato da governi e aziende del settore AEC (architecture, engineering and construction) di tutto il mondo per la sua capacità di ridurre i costi e migliorare la qualità, oggi il BIM è ciò che Andy Grove di Intel definirebbe "un punto di inflessione strategica."

Ma che cosa significa BIM in un'era in cui la connettività è onnipresente? 
Cosa si intende con Connected BIM?

Clicca qui per vedere il video "The Future of Making Things: Construction".
Le tecnologie odierne che supportano processi BIM avanzati stanno rivoluzionando il modo in cui le infrastrutture e gli edifici vengono progettati, creati e utilizzati. 

Tuttavia, per alcuni architetti, ingegneri, appaltatori e proprietari/operatori, l'adozione di nuove tecnologie e processi continua a spaventare poiché richiede:
  • Riqualificazione professionale dei team;
  • "Affidarsi" al cloud e alla mobility;
  • Fare la transizione necessaria dalla "comfort zone" del 2D al mondo di modelli 3D e BIM. 
Nel corso dell'ultima edizione dell'Autodesk University, i nostri partner e lo staff Autodesk hanno dimostrato come i workflow BIM connessi possano semplificare, oggi più che mai, il lavoro nonché innovare e trarre profitto dalle nuove opportunità. Come? 

Connecting Insights – Acquisire, creare e elaborare enormi quantità di dati e valutare alternative in un contesto reale. 

Avere una visione dettagliata sin dalle fasi iniziali di un progetto fa si che tutto avvenga "nel miglior modo possibile" invece che "nel modo più pratico". 

Abilitato dal cloud, dalla mobility dal generative design, e dalle tecnologie di realtà aumentata e virtuale, il software sta diventando un "consulente" nel processo di progettazione e ingegnerizzazione, ottimizzando i progetti e permettendo ai team di prendere decisioni consapevoli in pochissimo tempo.

Clicca qui per vedere il video: Project Fractal, lo strumento di progettazione generativa di Autodesk, è un esempio di come coniughiamo la conoscenza.  Guarda come viene utilizzato Project Fractal per elaborare un involucro edilizio e una facciata.

Connecting Delivery – Integrare maggiormente la progettazione nel processo di fabbricazione e costruzione. 

Estendere la digitalizzazione al cantiere tramite sensori, droni, macchine intelligenti e dispositivi mobile abilitati da piattaforme cloud connesse al BIM.  

La piena integrazione dei processi di progettazione-creazione traduce l'intenzione in esecuzione, facendo risparmiare tempo e denaro.  

     
Connecting Delivery: la digitalizzazione della Hines Market Square, Houston, TX, utilizzando SiteScan di 3D Robotics e Autodesk ReCap 360. Immagine per gentile concessione di Autodesk, Austin Commercial e 3D Robotics.

Connecting Assets – Enormi quantità di dati sono oggi disponibili e le tecnologie connesse permettono di rendere utili tali dati in tutto il ciclo di vita di un progetto. 

Imparare dai dati raccolti in tutto il ciclo di vita per migliorare continuamente il processo decisionale. 

Raccogliere i dati tramite i sensori e i dispositivi connessi (IoT) per attività più efficienti e adattive, nonché per miglioramenti futuri alla progettazione ai processi.

Connecting Assets: Autodesk Building Ops è una soluzione mobile per la gestione degli asset e delle attività di mantenimento che permette ai general contractor e ai proprietari di immobili di beneficiare del valore del BIM nelle operazioni edili. Immagine gentilmente concessa da Autodesk..

Connecting Teams – Mettere il progetto al centro di tutto sin dall'inizio. Essere aggiornato in ufficio e in cantiere, utilizzando il cloud, i dati e i sistemi connessi per poter condividere e collaborare durante tutte le fasi del progetto, in tempo reale e senza ostacoli. 

E siccome le joint venture sono sempre più comuni nel mercato, Autodesk permette ai team dislocati in posti differenti di connettersi e comunicare.

Clicca qui per vedere il video Connecting Teams: Gli Studi di architettura Hennebery Eddy e Fentress hanno usato Autodesk Collaboration for Revit e BIM 360 Team per collaborare su un progetto di un aeroporto particolarmente complesso.

E' tempo di adottare il BIM. Questo è il messaggio che abbiamo voluto portare ai partecipanti dell'Autodesk University e ai professionisti dell'AEC di tutto il mondo. 

La scelta non è mai stata così chiara: adottare questi cambiamenti, migliorare la prevedibilità, l'efficienza, la qualità e favorire l'innovazione, o restare nel passato mentre i tuoi concorrenti vanno verso il futuro.

Autodesk realizza software per persone che fanno cose. 

Se hai guidato una vettura ad alte prestazioni, ammirato un grattacielo imponente, usato uno smartphone, o visto un grande film, è probabile che hai sperimentato ciò che milioni di clienti Autodesk stanno facendo con il nostro software. 

Autodesk ti dà la possibilità di fare qualsiasi cosa. 

Per ulteriori informazioni su Autodesk, visita il sito www.autodesk.it o seguici su Facebook Autodesk Italia oppure Twitter @AutodeskItalia.




--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI