Cerca nel blog

giovedì 2 febbraio 2017

Case automobilistiche europee: Le tecnologie per la guida assistita e autonoma offrono nuove opportunità di crescita


I futuri modelli di business devono basarsi sull'individualità ora che i veicoli diventano il nuovo spazio vitale, secondo Frost & Sullivan

MILANO – 2 febbraio 2016 – I miglioramenti nei sensori per i sistemi avanzati di assistenza al conducente (ADAS, Advanced Driver Assistance System) danno slancio alle funzioni di automazione nei veicoli degli OEM automobilistici. Collaborando con i principali fornitori tecnologici nello spazio della guida autonoma, le case automobilistiche hanno l'opportunità di trasformarsi in fornitori di servizi di mobilità e di introdurre automobili autonome di livello 4 e 5 prima del previsto. Con diversi fornitori già al lavoro sugli aggiornamenti over-the-air, l'adozione di questa funzionalità è prevista prima del 2025, anche per le automobili convenzionali.

"I veicoli diventeranno uno spazio vitale per l'intrattenimento, il lavoro e le comunicazioni, offrendo così un ambito d'azione per nuovi modelli di business basati sull'individualità", afferma Anirudh Venkitaraman, analista di Frost & Sullivan. "L'obiettivo delle case automobilistiche di diventare leader di mercato in termini di introduzione e adozione di nuove tecnologie sarà raggiunto con l'introduzione di veicoli altamente autonomi."

La nuova ricerca di Frost & Sullivan, intitolata "Market Analysis of Premium European OEMs ADAS and Automated Driving Strategies" fa parte del programma Autonomous Driving & Connected Mobility Growth Partnership Service, che include argomenti come: sistemi di in-vehicle infotainment (IVI), interfacce applicative e app store automobilistici, opzioni di interfaccia uomo-macchina, sicurezza, servizi telematici per la gestione delle relazioni con i veicoli (VRM, Vehicle Relationship Management), tecnologie wireless, comunicazioni basate su sistemi cooperativi (V2X), e automazione e sicurezza attiva/passiva dei veicoli.

Per accedere gratuitamente a maggiori informazioni su questo studio e registrarsi per un Growth Strategy Dialogue, un rapporto interattivo gratuito con gli esperti di Frost & Sullivan, si prega di visitare: https://goo.gl/YIEMh2

Il mercato europeo dei sistemi ADAS è ostacolato dalle legislazioni che ritardano l'introduzione di nuove tecnologie, dai requisiti di sicurezza che devono rispettare gli OEM e dall'elevato costo di tali sistemi – tutti motivi che limitano le applicazioni ai veicoli di fascia più alta. Tuttavia, man mano che i sensori e gli algoritmi diventano più ampiamente disponibili, i costi dei sistemi diminuiranno. I legislatori in tutto il Nord America e in Europa stanno inoltre lavorando attivamente per l'introduzione di normative favorevoli.

"Una sfida importante per le case automobilistiche sarà una più ampia accettazione del mercato in termini di fiducia dei clienti nella tecnologia, affrontando allo stesso tempo altre questioni tecniche, legali e di responsabilità nella corsa verso l'automazione di livello 5", osserva Venkitaraman. "Le legislazioni in Nord America e in Europa relative alle tecnologie dei veicoli autonomi sono diverse, pertanto gli OEM in Europa potrebbero dover limitare alcune funzioni per soddisfare specifici standard in Nord America."

Chi siamo
Frost & Sullivan, la Growth Partnership Company, collabora con i propri clienti per potenziare una visione innovativa che risponda alle sfide globali e alle opportunità di crescita correlate che faranno la differenza per gli operatori del mercato di oggi. Per oltre 50 anni abbiamo sviluppato strategie di crescita per le 1000 aziende più importanti a livello globale, le realtà emergenti, il settore pubblico e la comunità degli investitori. La vostra azienda è pronta per la prossima ondata di convergenza industriale, tecnologie dirompenti, crescente competizione, macro tendenze, best practice innovative, clienti in continua evoluzione e mercati emergenti?



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI