Cerca nel blog

giovedì 15 giugno 2017

Sicurezza informatica. Ricerca OnePoll sul comportamento dei lavoratori dipendenti in ambito sicurezza dei dati

Una ricerca commissionata da Kingston Technology rivela la consapevolezza dei dipendenti del proprio ruolo nella tutela della informazioni

Milano, 15 giugno 2017 A poco meno di un anno dall'entrata in vigore in tutti i Paesi membri dell'Unione Europea del Regolamento Generale sulla protezione dei dati – GDPR (25 maggio 2018) che impone obblighi stringenti sul trattamento e la gestione dei dati dei cittadini europei, Kingston Technology Company, Inc., - il principale produttore indipendente di memorie del mondo, da sempre impegnato nella tutela dei dati - presenta i risultati di una ricerca commissionata all'istituto di ricerca One Poll, per indagare sull'atteggiamento dei dipendenti delle aziende in Italia nei confronti della sicurezza dei dati[1].

Tra le questioni più discusse e rischiose in termini di furti di dati, sicuramente la scelta della password riveste un ruolo cruciale. 

Quasi la metà degli intervistati (49%) si dimostra molto attenta scegliendo una password diversa per ogni dispositivo utilizzato (sia a livello personale che lavorativo), mentre il 32% - pensando erroneamente di tutelarsi - sceglie solo due password differenti: una per tutto ciò che concerne il lavoro e l'altra per device e applicazioni personali.

Il lavoro da remoto, "on the go" e lo smart working rappresentano un'agevolazione per chi lavora ma al tempo stesso un rischio ulteriore per la sicurezza dei dati. 

Sempre più spesso ci troviamo a lavorare da casa, sui mezzi, presso luoghi diversi dal nostro ufficio, mettendo a rischio le informazioni che portiamo con noi in dispositivi come PC, tablet, smartphone e chiavette USB. 

Il 59% dei dipendenti in Italia ritiene molto grave la perdita dei device aziendali, mentre il 37% lo reputa abbastanza grave.

Secondo il 41%, il metodo più sicuro di trasferire i dati, è rappresentato da drive USB crittografati (protetti da password), mentre il 29% si affida con certezza ai servizi Cloud. 

Poca la fiducia che invece viene accordata ai servizi online di trasferimento dati (11%) e alle normali chiavette USB immediatamente accessibili a chiunque (9%)

Sempre riguardo ai drive USB che appartengono all'azienda, il 41% dichiara di non utilizzarli mai per salvare i dati personali, mentre il 37% lo fa ma solo in casi di emergenza – mettendo comunque a rischio l'integrità del dispositivo. 

Vi è ancora un buon 22% che utilizza le chiavette aziendali per scopi personali senza porsi alcun problema.

Come ci si comporta invece con i dispositivi personali? Vengono utilizzati per questioni lavorative? 

Stessa percentuale (36%) per chi dichiara di utilizzarli solo in caso di emergenze e per chi li usa senza farsi scrupoli. Solo il 15% ha capito pienamente che questo comportamento può mettere a serio rischio l'integrità dei dati aziendali e non cade in questo errore.

Ma non è solo un problema di hardware. E' importante, infatti, anche aggiornare sempre i propri dispositivi per garantire una piena protezione delle informazioni salvate. Il 51% dichiara che – a meno che non stia facendo qualcosa di urgente – procede con l'aggiornamento non appena riceve la notifica

Il 23% lancia l'update indipendentemente da cosa stia facendo, considerando questo come la massima priorità. Il 10% rimanda continuamente l'avviso fino a quando sarà più libero, mentre esiste ancora un 4% che non li esegue mai!

Kingston, che da anni propone una gamma di drive USB sicuri e protetti da crittografia, vuole anche capire se i dipendenti ritengono sufficienti gli strumenti di sicurezza informatica messi a disposizione dall'azienda (consulenza IT, training, toll sicuri per il trasferimento e lo storage di dati, etc..). 

Il 62% è soddisfatto dell'impegno della propria azienda in questa direzione, e rimanda poi ai dipendenti la responsabilità dell'utilizzo o meno di queste misure di sicurezza. Il 25% invece pensa che a livello centrale ci siano ancora molti passi da fare a favore della tutela dei dati.

Una volta offerti questi strumenti, sta poi alla coscienza dei dipendenti decidere se e come sfruttarli. Il 48% segue pedissequamente tutte le procedure IT richieste dall'azienda, il 36% ammette di osservarle quasi tutte, mentre il 9% non sa nemmeno quali siano queste direttive – non si sa se la mancanza sia dovuta all'azienda o al dipendente.

"È stato molto interessante per noi realizzare questa ricerca in un momento di transizione che porterà a una nuova era di governance dei dati nonché a requisiti avanzati in materia di sicurezza dei dati personali dettati dall'entrata in vigore del GDPR", ha dichiarato Stefania Prando, Business Development Manager di Kingston in Italia. "Siamo rimasti piacevolmente stupiti di vedere come i dipendenti siano così consapevoli del contributo che ognuno di loro può dare nella tutela dei dati. La riservatezza delle informazioni può essere garantita solo da un lavoro di concerto tra aziende – che devono adottare tutte le misure necessarie – e dipendenti – che devono essere sempre più coscienti del loro ruolo e rispettare le direttive dell'IT".


Kingston Digital. Inc. ("KDI") è la società affiliata per il settore delle memorie Flash di Kingston Technology Inc., il più grande produttore indipendente di prodotti di memoria del mondo. Fondata nel 2008, KDI ha la propria sede a Fountain Valley, California, USA. 

Kingston e il logo Kingston sono marchi registrati di Kingston Technology Corporation. Tutti i diritti riservati. Tutti gli altri marchi sono di proprietà dei rispettivi detentori.



[1] Ricerca realizzata da One Poll nel mese di maggio 2017 su 1.000 rispondenti che lavorano in aziende basate in Italia

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI