Cerca nel blog

martedì 31 gennaio 2017

ANSYS Blog. TRASFERIMENTO DI ENERGIA SENZA FILI (WIRELESS POWER TRANSFER – WPT)


Il trasferimento wireless di energia è un tema molto dibattuto in ambito Internet of Things e in tutto il settore che riguarda veicoli elettrici e dispositivi elettronici mobile. 


La metodologia wireless è ben nota ma la progettazione di trasmettitori, la loro collocazione, la massimizzazione dell'efficienza e la validazione del comportamento dell'intero sistema rappresentano una sfida complessa che richiede competenze specifiche e l'uso di strumenti avanzati quali la simulazione numerica. 


La frontiera successiva è l'estensione di questa tecnologia ad un numero sempre maggiore di dispositivi differenti aumentando il range di efficienza della potenza trasmessa e assicurando che il design del sistema WPT rispetti le normative vigenti nei vari Paesi.


I metodi utilizzati dai più comuni sistemi WPT sono l'accoppiamento induttivo o la risonanza magnetica, ciascuno dei quali ha punti di forza e di debolezza. 


La tecnologia più nota e già in uso in alcuni oggetti domestici come spazzolini da denti o telefoni cordless impiega l'accoppiamento induttivo che non si adatta, però, ad applicazioni che comprendono trasferimenti di potenza significativi a lungo raggio. 


In quest'ultimo caso si applica la risonanza magnetica in due modi: la trasmissione di elevata potenza a una distanza inferiore a un metro oppure a distanze maggiori di quelle garantite dal metodo induttivo.



La simulazione di campo elettromagnetico

Progettare il trasferimento wireless di potenza in modo affidabile richiede un metodo in grado di calcolare le performance elettromagnetiche e termiche dell'antenna a bobina così come dei circuiti e di prevedere la logica che guida e controlla tutte le operazioni dell'intero sistema. 


A questo scopo i progettisti delle più avanzate soluzioni in tutto il mondo utilizzano strumenti di simulazione numerica per analizzare in bassa frequenza le bobine induttive impiegate nella metodologia dell'accoppiamento induttivo. 


I software di simulazione più avanzati consentono anche di estrarre l'equivalente R dipendente dalla frequenza, le caratteristiche L e C delle bobine per consentire al progettista un modello di circuito equivalente a un'antenna a bobina induttiva. 


Aggiungendo una capacità esterna può essere simulata anche la risonanza. 


Per i WPT a risonanza magnetica su larga distanza, le frequenze operative sono più alte e i software di simulazione elettromagnetica consentono di determinare il campo elettromagnetico trasmesso, riflesso e totale di un'antenna ricevente e trasmittente. 


I software ottimizzano anche il design delle bobine per il controllo completo di ogni fenomeno.

 

Analisi parametrica e ottimizzazione

I software di simulazione elettromagnetica più avanzati consentono di effettuare analisi parametriche per la variazione automatica della taglia della bobina, della posizione, del materiale per arrivare al progetto ottimale. 


Le analisi parametriche sono un ottimo strumento anche per valutare l'efficacia della schermatura. 


I materiali e i parametri geometrici come spessore e forma possono essere variabili all'interno della simulazione che fornisce ai progettisti delle informazioni importanti per il design della schermatura e per limitare la forza del campo elettromagnetico ad una determinata distanza.


Multifisica

Un altro importante aspetto dei sistemi WPT è l'analisi termica, in particolare nei sistemi ad alta potenza come le batterie per veicoli elettrici o i device elettronici inclusi in essi. 


La temperatura ha un impatto decisivo sull'efficienza dei trasformatori wireless in quanto delle proprietà elettromagnetiche come conduttività e permeabilità dipendono da essa. 


Un aumento di temperatura può portare a una diminuzione di conduttività e generare dissipazione di calore e perdita complessiva di efficienza. 


I materiali utilizzati in questi dispositivi possono perdere le loro caratteristiche magnetiche quando la temperatura supera i 150° C.


Le alte temperature impongono, inoltre, problemi di sicurezza. 


Diventa necessario conoscere la temperatura del campo prima di effettuare i calcoli dello stress termico. 


Inoltre, nel fare le simulazioni per il trasferimento di potenza wireless, è necessaria l'analisi di accoppiamento elettromagnetico e termico. 


La simulazione numerica consente di valutare come le correnti parassite e le perdite nel trasformatore generano calore e di creare una mappa per studiare tutte le variabili coinvolte.


La simulazione di un intero sistema di potenza wireless

Vi sono software per la simulazione grazie ai quali è possibile progettare un intero sistema wireless di potenza, agendo come simulatori sia del circuito sia del sistema. 


Può essere instaurato un collegamento dinamico bidirezionale tra i diversi software utiizzati per simulare l'intero sistema, inclusi gli inverter IGBT/MOSFET, i modelli di antenne a bobina dipendenti dalla frequenza e il circuito raddrizzatore fino addirittura al controllo embedded. 


Grazie alla capacità dinamica di questo collegamento si possono calcolare con precisione delle mappe, variando gli allineamenti geometrici e le caratteristiche elettriche al contempo. 


Questi dati possono essere impiegati per simulare il comportamento EMI e EMC per determinare se il sistema risponde alle normative.

 



--
www.CorrieredelWeb.it

Le Ferrovie Federali Svizzere scelgono Red Hat OpenShift Container Platform per modernizzare l’IT

Red Hat OpenShift Container Platform consente alle FFS di migliorare l'esperienza di viaggio degli utenti, accelerare la realizzazione di nuove applicazioni e ridurre i costi 


Milano, 31 gennaio 2017 – Red Hat, Inc. (NYSE: RHT), leader mondiale nella fornitura di soluzioni open source, annuncia che le Ferrovie Federali Svizzere (FFS), principale operatore ferroviario della Svizzera, hanno implementato Red Hat OpenShift Container Platform come elemento fondamentale del loro programma di modernizzazione dell'IT. Grazie a Red Hat OpenShift Container Platform, le FFS hanno creato una piattaforma scalabile e più agile per lo sviluppo applicativo, e sono in grado di erogare nuovi servizi, tra cui un'applicazione mobile aggiornata, per servire meglio i milioni di passeggeri che ogni anno scelgono di viaggiare con le FFS.

Fondate nel 1902, le FFS non sono solamente la principale azienda di viaggi e trasporti della Svizzera, ma anche uno dei principali datori del lavoro del Paese. Le attività delle FFS si articolano su quattro divisioni operative – viaggiatori, merci, infrastrutture e immobili. Nel corso del 2015, la rete delle FFS composta da quasi 10.500 treni ha trasportato oltre 50 milioni di tonnellate di merci e più di 440 milioni di passeggeri tra 794 stazioni.

Non solo le FFS offrono treni e prestazioni moderne, ma anche altri servizi e sistemi IT in grado di rispondere alle aspettative in continua evoluzione da parte dei clienti. Nonostante questo, i loro sistemi IT tradizionali stavano incontrando difficoltà nel sostenere il ritmo dell'innovazione nel settore, e limitavano le capacità delle FFS di lanciare e modificare nuovi servizi in modo tempestivo, sulla base delle necessità dei clienti. Per le FFS il potenziale dei servizi digitali e della mobilità era chiaro, come erano evidenti le aspettative di nuove applicazioni da parte dei passeggeri, cosa che ha spinto l'azienda ad avviare un progetto per migliorare lo sviluppo applicativo attraverso una piattaforma agile e moderna che non mettesse a rischio stabilità, velocità, flessibilità, performance, sostenibilità economica e capacità di innovazione del sistema – tutti fattori fondamentali per le FFS.

Quando le FFS hanno avviato il loro programma di modernizzazione dell'IT, intendevano implementare una piattaforma IT moderna e flessibile, che potesse mettere l'azienda nella posizione di beneficiare delle opportunità prospettate dalla digitalizzazione e aiutarla a rispondere meglio alle aspettative crescenti dei clienti in queste aree. L'esperienza passata delle FFS nell'utilizzo di soluzioni open source di livello enterprise ha portato alla convinzione che un'architettura open source e basata su container sarebbe stata in grado di soddisfare questi requisiti. Le architetture container-based offrono flessibilità superiore rispetto alle tradizionali infrastrutture monolitiche, perché le applicazioni sono collocate all'interno di container con le sole componenti di sistema operativo necessarie. Questo migliora flessibilità e portabilità all'interno delle architetture e consente anche una maggiore scalabilità man mano che le necessità di business evolvono. Riconoscendo i vantaggi che avrebbe offerto, le FFS hanno scelto Red Hat OpenShift Container Platform come base della loro moderna piattaforma IT.

Red Hat OpenShift Container Platform è la prima e unica soluzione hybrid cloud incentrata sui container, costruita a partire dai progetti upstream Docker, Kubernetes, Project Atomic e OpenShift Origin, e basata sul backbone affidabile della principale piattaforma Linux al mondo, Red Hat Enterprise Linux. Red Hat OpenShift Container Platform offre una piattaforma più stabile e sicura per implementazioni container-based, senza compromessi rispetto agli attuali investimenti IT, che consente la convivenza tra le tradizionali applicazioni mission-critical e le nuove applicazioni basate su container e cloud-native.

Dopo aver scelto Red Hat OpenShift Container Platform ad autunno 2015, le FFS hanno avviato un primo pilota articolato su 15 progetti a gennaio 2016. Dopo il loro avvio, la popolarità di Red Hat OpenShift Container Platform tra sviluppatori e project manager ha esteso la scala del pilota di oltre tre volte in un breve periodo di tempo. Oggi, sono circa 300 gli utilizzatori di Red Hat OpenShift Container Platform presso le FFS, con oltre 900 container già in servizio e circa 400 implementazioni ogni giorno. La Mobile App di FFS è stata scaricata oltre 7,5 milioni di volte da quando è stata resa disponibile nel 2008, e la sua versione più recente lanciata nel 2016 ha attratto oltre 3 milioni di utenti regolari. L'app, costruita su Red Hat OpenShift Container Platform, permette ai clienti di acquistare biglietti ed accedere a un orario in formato touch, accedere ad informazioni in tempo reale sugli orari di partenza e arrivo, ricevere notifiche e alert in modalità push.

Per le FFS, stabilità e fault tolerance sono tra i vantaggi fondamentali della nuova soluzione. Non solo la nuova piattaforma basata su container ha dato alle FFS la moderna piattaforma IT necessaria che creare nuove offerte digitali, ma ha anche portato benefici tangibili sul modo di lavorare degli sviluppatori in azienda. I team operations e di sviluppo di FFS sono ora in grado di operare in modo indipendente, permettendo all'azienda di acquisire ulteriore agilità e velocità nello sviluppo delle applicazioni. Con Red Hat OpenShift Container Platform, possono apportare modifiche ai singoli elementi del sistema in modalità live, senza nessun impatto sulla stabilità e funzionalità del sistema stesso.

"Abbiamo compreso che il rapido ritmo dell'innovazione nel settore ferroviario non poteva più essere gestito da una struttura IT tradizionale, ma richiedeva una piattaforma flessibile e scalabile, in grado di offrirci opzioni di sviluppo veloce senza dover interrompere l'attività dei sistemi", spiega Baltisar Oswald, software architect delle Ferrovie Federali Svizzere FFS. "Con la sua architettura basata su container, Red Hat OpenShift Container Platform ci ha messo a disposizione il potenziale di innovazione che ci serviva, oltre alla stabilità operative e a una maggiore efficienza sull'intera infrastruttura. Grazie all'implementazione di Red Hat OpenShift Container Platform, abbiamo ridotto i nostri costi operativi della metà circa."

"Il progetto realizzato da FFS è una conferma significativa delle alte prestazioni che Red Hat OpenShift Container Platform è in grado di offrire quando viene chiamata a sostituire vecchie piattaforme IT non più in grado di sostenere requisiti moderni", aggiunge Ashesh Badani, vice president and general manager OpenShift di Red Hat. "Con il ritmo incredibile di innovazione intrinseco nell'open source, l'implementazione di Red Hat OpenShift Container Platform offre agli utenti maggiore fiducia che le loro soluzioni possano rispondere alle necessità non solo attuali, ma anche in ottica futura. Ed è un piacere accompagnare FFS nel loro percorso verso questa nuova economia applicativa." 








Red Hat, Inc. 
Red Hat è il principale fornitore al mondo di soluzioni open source che si avvale di un approccio community-based per offrire tecnologie cloud, Linux, middleware, storage e di virtualizzazione affidabili e performanti. L'azienda offre anche servizi di supporto, formazione e consulenza ai suoi clienti in tutto il mondo. Come hub di connessione in una rete di aziende, partner e comunità open source, Red Hat aiuta a realizzare tecnologie innovative che liberano risorse per la crescita e preparano i clienti per il futuro dell'IT. Ulteriori informazioni sono disponibili su www.redhat.com.


--
www.CorrieredelWeb.it

Con gli Epson Moverio BT-300 ora si possono controllare i droni


Epson Moverio BT-300,
gli smartglass OLED con lenti trasparenti più leggeri al mondo, la scelta giusta per i droni

Gli appassionati di droni considerano questi dispositivi la scelta migliore per controllare il volo ed effettuare riprese aeree.

 

Cinisello Balsamo, 31 gennaio 2017 - Epson annuncia che i pluripremiati smartglass per la realtà aumentata Moverio BT-300 che sono ad oggi gli smartglass OLED con lenti trasparenti più leggeri al mondo, sono disponibili e pronti per essere utilizzati dagli appassionati di droni e per la realizzazione di riprese aeree.

 

I Moverio BT-300 sono compatibili con l'app DJI Go, fornendo agli appassionati di droni un maggior controllo sui loro dispositivi, dimostrandosi così particolarmente utili per riprese e fotografie aeree. Per il loro utilizzo è necessario acquistare due accessori aggiuntivi: due clip sviluppate ad hoc (disponibili qui) che permettono di fissare il controller dei Moverio a quello del drone, così che rimangano vicini e collegati tra loro da un cavo USB, e uno schermo oscurante aggiuntivo da fissare sulle lenti dei Moverio per assicurare la migliore esperienza di volo anche in ambienti soleggiati e molto luminosi.

 

"I Moverio BT-300 sono stati adattati per controllare il volo dei droni e per filmare in tutta sicurezza, aiutando i piloti a rispettare le normative vigenti," ha dichiarato Michael Perry, director of strategic partnerships, DJI. "Utilizzando l'applicazione DJI Go con gli occhiali Moverio, i piloti saranno in grado di vedere in prima persona (First Person Views - FPV) in modo chiaro e diretto, attraverso la telecamera, mantenendo al tempo stesso lo sguardo sul drone durante il volo. L'app è compatibile con i modelli della serie Phantom, Inspire e Mavic, nonché con gli stabilizzatori e la macchina fotografica Osmo."

 

Valerie Riffaud-Cangelosi, Epson's EMEA New Market Development Manager - Wearables & Connected Devices, afferma: "I BT-300 sono compatibili con la app DJI GO che può essere scaricata dal Moverio App Market. Gli accessori opzionali, come lo schermo oscurante aggiuntivo, sono stati sviluppati per aiutare i piloti a rimanere sempre in contatto visivo con il loro drone. È questo un fattore importante in termini di regolamentazione e di esperienza di pilotaggio, perché aiuta il pilota a concentrarsi sull'azione senza perdere di vista il drone in volo e a prendere decisioni in modo più rapido".

 

I Moverio BT-300 si basano sulla tecnologia OLED (organic light emitting diode) a base silicio. Per questo sono il dispositivo binoculare con lenti trasparenti più leggero al mondo: con un peso del 72% in meno rispetto alla prima versione lanciata nel 2011, i Moverio BT-300 stabiliscono un nuovo standard nel segmento degli occhiali per la Realtà Aumentata.

 

Dopo aver presentato la prima generazione di occhiali intelligenti nel 2011, Epson Moverio BT-300 rappresenta il device con visione stereoscopica e lenti trasparenti più leggero al mondo, dotato di display OLED. La combinazione innovativa di questa tecnologia a base di silicio e del sistema operativo Android 5.1 permette di vivere vere esperienze di realtà aumentata. 

Una panoramica completa del prodotto è disponibile qui

 

 

Gruppo Epson

Epson è leader mondiale nell'innovazione con soluzioni pensate per connettere persone, cose e informazioni con tecnologie proprietarie che garantiscono efficienza, affidabilità e precisione. Con una gamma di prodotti che comprende stampanti inkjet, sistemi di stampa digitale, videoproiettori 3LCD, così come robot industriali, visori e sensori, Epson ha come obiettivo primario promuovere l'innovazione e superare le aspettative dei clienti in settori, quali stampa inkjet, comunicazione visiva, tecnologia indossabile e robotica.

Con capogruppo Seiko Epson Corporation che ha sede in Giappone, il Gruppo Epson conta oltre 73.000 dipendenti in 91 società nel mondo ed è orgoglioso di contribuire alla salvaguardia dell'ambiente naturale globale e di sostenere le comunità locali nelle quali opera.


Epson Europe

Epson Europe B.V., con sede ad Amsterdam, è il quartier generale regionale del Gruppo per Europa, Medio Oriente, Russia e Africa. Con una forza lavoro di 1.700 dipendenti, le vendite di Epson Europa, per l'anno fiscale 2015, hanno raggiunto i 1.577 milioni di euro. 




--
www.CorrieredelWeb.it

giovedì 26 gennaio 2017

QNAP apre il 2017 con tantissime novità - stay tuned!


http://www.qnap.com/static/landing/2014/enews/images/qnap_logo.png

QNAP apre il nuovo anno con tantissime novità.
Prestissimo in Italia, seguiteci…

Milano, 26 gennaio 2017 – Si è conclusa recentemente l'edizione 2017 del CES di Las Vegas, un appuntamento internazionale imperdibile per scoprire le più recenti innovazioni in ambito tecnologico. In questa occasione, QNAP ha acceso i riflettori su diverse novità, che dimostrano la volontà di rompere qualsiasi barriera e offrire soluzioni avanzate per il mondo consumer, SMB e soprattutto Enterprise. L'offerta di QNAP nel segmento NAS continua quindi ad arricchirsi, assicurando sempre funzionalità, design e prestazioni di alto livello, frutto del costante lavoro di R&D.
Tra le protagoniste svelate in anteprima al CES e presto disponibili sul mercato italiano, le nuove macchine Thunderbolt™ 3 NAS con la rivoluzionaria tecnologia Thunderbolt-to-Ethernet (T2E), per convertire il Thunderbolt in 10G rame. Dedicata agli studi professionali di fotografia e video ed il mondo della post produzione, che necessitano di alta capacità, velocità e prestazioni elevate per supportare il backup e l'ingente flusso di contenuti multimediali in alta risoluzione, la soluzione QNAP ha già avuto un riscontro incredibile nel 2016.
L'evento è stato anche una vetrina per le soluzioni streaming/broadcasting live in 4K, ambito dalle grandi potenzialità sia per il mondo business sia per quello consumer. QNAP ha mostrato in anteprima una nuova piattaforma di trasmissione e live streaming basata su cloud privato, oltre a una soluzione NAS con tecnologia ottica Blu-Ray integrata, di prossima disponibilità sul mercato.
Prosegue, inoltre, lo sviluppo di soluzioni nel segmento IoT, per rispondere alle crescenti richieste delle organizzazioni che devono connettere e gestire dispositivi e applicazioni IoT in modo semplice e sicuro. Queste si affiancano alle recenti novità introdotte da QNAP: QIoT Container, per costruire una piattaforma cloud IoT privata e QIoT Suite, con moduli aggiuntivi per gli sviluppatori, per accelerare le attività di sviluppo e distribuzione di applicazioni e servizi.  
La presenza nel mondo Enterprise si afferma in maniera sempre più decisa: in questo settore infatti l'azienda Taiwanese ha recentemente lanciato, a fianco delle famiglie ES e TDS, la nuova gamma TES-x85U. Quest'ultima introduce un elemento rivoluzionario: la possibilità di installare, in base alle esigenze, uno dei due sistemi operativi a bordo, QTS (basato su app, molto funzionale- Linux) e QES (basato su ZFS per archiviazione di livello enterprise con deduplica e compressione inline). La gamma è stata ulteriormente ampliata con modelli che integrano CPU diverse, per soddisfare al meglio le necessità degli ambienti enterprise.

Il mondo QNAP, però, prosegue oltre lo sviluppo delle soluzioni. L'azienda, infatti, è impegnata nel costante rafforzamento dei servizi a valore per il cliente: "Ci impegniamo ogni giorno per migliorare le nostre soluzioni: questo significa non solo investire nella Ricerca, ma anche proporre servizi impeccabili come l'Advanced Replacement Service, l'estensione di garanzia e, per le soluzioni enterprise il supporto on-site, sia sulle macchine sia sui dischi." racconta Alvise Sinigaglia, Business & Development Manager QNAP Systems, Inc. "A questo proposito, abbiamo arricchito anche il programma di formazione per i nostri partner, con nuovi appuntamenti webinar, workshop e corsi di certificazione, tra cui anche il focus per il mondo Enterprise e Thunderbolt. Il Partner Program resta il fulcro nella relazione con il canale, il motore del nostro business. Ci aspetta un 2017 ricco di nuove opportunità, da sviluppare come sempre insieme ai nostri partner."
Per ulteriori informazioni e dettagli sulle altre soluzioni QNAP, visitare il sito www.qnap.com

Informazioni su QNAP
QNAP Systems, Inc., come suggerisce l'acronimo inglese ("Quality Network Appliance Provider", provider di applicazioni di rete di qualità), fornisce una gamma completa di soluzioni NAS (Network Attached Storage) e NVR (Network Video Recorder) all'avanguardia, caratterizzate da semplicità d'uso, robustezza, grande capacità di archiviazione e affidabilità. QNAP integra tecnologia e design per implementare prodotti di qualità che migliorano concretamente l'efficienza delle aziende nella condivisione dei file, nelle applicazioni di virtualizzazione, nella gestione dello storage e nella videosorveglianza, oltre ad arricchire l'esperienza di intrattenimento per gli utenti privati con soluzioni che offrono un vero e proprio centro multimediale. Con sede a Taipei, QNAP continua a sviluppare soluzioni nuove e all'avanguardia per il mercato globale.

www.CorrieredelWeb.it

martedì 24 gennaio 2017

A livello europeo Epson instaura nuove importanti partnership per i videoproiettori laser

Accordo strategico tra Epson e l'azienda austriaca AV Stumpfl.

Cinisello Balsamo, 24 gennaio 2017 - Epson Germania e AV Stumpfl, azienda austriaca leader in Europa nella progettazione, produzione e fornitura di schermi per videoproiezione e sistemi di controllo, hanno siglato una partnership strategica per la vendita, l'installazione e la manutenzione di alcuni videoproiettori da installazione della serie L di Epson.

Neil Colquhoun, Executive Director della divisione Professional Displays di Epson Europe, ha dichiarato: "La risposta del mercato in seguito all'introduzione dei nostri nuovi videoproiettori laser ha superato ogni aspettativa. Questo successo è dovuto all'esclusiva tecnologia Epson 3LCD, che soddisfa anche i requisiti più complessi nel settore delle apparecchiature audio-video professionali. La partnership strategica con AV Stumpfl segna l'inizio di un'altra importante collaborazione dopo gli accordi presi con aziende quali Lang AG in Germania e AED in Belgio, solo per citarne alcune. Come partner di riferimento in Austria per la vendita dei nostri innovativi videoproiettori, AV Stumpfl offre al settore dell'installazione esattamente ciò di cui ha bisogno, ovvero una tecnologia di videoproiezione altamente affidabile che richiede pochissima manutenzione."

Rudi Hradil, Director Projector per la distribuzione di AV Stumpfl, ha commentato: "Siamo lieti di poter offrire ai nostri clienti gli innovativi videoproiettori laser della serie L di Epson, i quali offrono il meglio in termini di efficienza e qualità. La serie L, inoltre, segna il grande ritorno della tecnologia LCD. Anche nel settore dell'installazione, per questi videoproiettori vale il motto "fit and forget": una volta installati, infatti, possiamo tranquillamente dimenticarcene."

[Webinar] Smart Manufacturing e Industry 4.0 per generare nuovi insight e intelligence operazionale - 26 gennaio 2017



 
Smart Manufacturing e Industry 4.0 per generare nuovi insight e intelligence operazionale

[Webinar] Manutenzione predittiva

Le aziende produttrici si affidano sempre più spesso a strumenti di analytics avanzati per comprendere i dati, anticipare e adottare misure proattive per evitare costosi tempi di fermo e migliorare l'efficienza operativa. La raccolta di dati da sensori e mashup in tempo reale mediante tecniche di Machine Learning consente di identificare informazioni nascoste nei potenziali errori delle apparecchiature e di scoprire discrepanze operative prima che possano accadere.

In questo live webinar Nicola Sandoli, Analytics Sales Manager di TIBCO Software, illustrerà come analytics e Machine Learning possono essere utili per scoprire le cause di complessi problemi di produzione e realizzare previsioni accurate su quando e come migliorare la manutenzione e l'efficienza della supply chain. Vedremo inoltre come Lo Streaming Analytic offre visibilità in tempo reale sull'intera azienda, permettendo di anticipare la domanda, ridurre i rischi legati alla supply chain e ottimizzare le attività produttive.

Sulla base di alcuni casi d'uso, saranno affrontate anche le seguenti tematiche:

  • Introduzione alla piattaforma TIBCO Event & Analytics
  • Machine learning e la sua recente evoluzione negli analytics avanzati
  • Streaming dei dati tramite regole/modelli

Non perdere tempo! Registrati subito!

 

Cordiali saluti,
TIBCO Software Inc.

Registrati subito


Dettagli webinar

Date

26/01/2017

Time

11.00 CET
Presentato da

 

Nicola Sandoli
Analytics Sales Manager
TIBCO Software
 
TIBCO Software Inc. | Via Laurentina 455, Roma 00142 Italy | Telefono: 02 00681263




--
www.CorrieredelWeb.it

C’è un tesoro nascosto nel tuo ERP!

Motivi di valore e percorsi di adozione di process mining e operational process monitoring.
f-t-logo
Tutti i primi giovedì del mese AUSED propone un tema di confronto tra CIO, sistema dell’offerta e mondo della ricerca. Sono incontri informali, senza microfoni, fotografi o scalette predefinite, per condividere esperienze e idee gustando insieme un buon aperitivo nella cornice dello Spazio Copernico, sede dallo scorso anno di AUSED.
Il prossimo 2 Febbraio, dalle ore 18:30 alle ore 20:30, ci sarà il primo di questi eventi che avrà luogo presso l’AUSED, in via Niccolò Copernico 38, Milano.
Tutti gli utenti di un sistema ERP ogni giorno non solo svolgono le proprie mansioni aziendali ma lasciano delle tracce digitali apparentemente frammentate, i log di sistema, che, opportunamente ricostruite ed analizzate, permettono di ricostruire l’effettiva sequenza delle attività, il processo realmente seguito. Perché questa informazione ha un valore? Perché di norma esiste una differenza sostanziale tra come i processi organizzativi vengono disegnati e come vengono effettivamente eseguiti.
Le moderne tecnologie di process mining e di operational process monitoring ricostruiscono l’effettivo andamento del processo in base alla catena di eventi che si sono susseguiti nel tempo. Diventa dunque possibile una terza via: il processo che si “descrive” in tempo reale e che diventa visibile, come un sentiero calpestato che attraversa un prato verde.
L’obiettivo dell’incontro è quello di condividere sulla base di esperienze concrete alcuni esempi di utilizzo di questi strumenti, i risultati ottenuti e i percorsi di introduzione e di adozione.
Relatore: Andrea Pagliari | Delivery Execution, Head of Solution Architects | SAP
Moderatore: Francesco Ciuccarelli | CIO | Gruppo Inpeco
Per un confronto produttivo il numero massimo degli ammessi è di 15 con priorità per i CIO Soci AUSED.
Chi volesse maggiori informazioni su questo evento, consultando anche l’agenda della giornata, o iscriversi gratuitamente può farlo dal link http://bit.ly/2j2eFvg oppure contattando la segreteria AUSED scrivendo ad aused@aused.org

lunedì 23 gennaio 2017

Webinar gratuito il 25 gennaio sul Digital Signage

LINDY in collaborazione con InfoComm International annuncia il primo dei numerosi webinar che saanno protagonisti di questo 2017.
Dopo il successo ottenuto nel 2016, che ha visto circa 5.000 registrazioni e oltre 2.700 partecipanti provenienti da vari paesi tra cui Italia, Inghilterra, Francia, Giappone e USA, Lindy e InfoComm International desiderano continuare a divulgare le proprie conoscenze anche nel 2017.
Il primo appuntamento di quest’anno è previsto per il 25 gennaio prossimo, dalle 14 alle 15, quando si terrà un corso online sulla gestione di molteplici segnali e dispositivi AV per soluzioni Digital Signage in contesti medio grandi.
Non sarà un webinar solo teorico, ma si terranno in considerazione le principali categorie AV e ci saranno approfondimenti sugli aspetti tecnici e applicativi per affrontare e risolvere le problematiche tipiche delle grandi installazioni AV.
Tra gli obiettivi principali dell’incontro: capire il corretto funzionamento e la flessibilità dei sistemi modulari, comprendere il corretto metodo di installazione e configurazione per una gestione efficiente dei segnali AV e infine determinare quali sono i contesti migliori in cu utilizzare le matrici modulari.
Per iscriversi basta collegarsi a QUESTO LINK entro domani 24 gennaio.

Consoft Sistemi interviene sulla Digital Transformation di MSC Crociere

La rinomata compagnia di crociere aggiorna i sistemi “core business” (booking, terra e bordo) per offrire alla propria clientela servizi sempre più completi ed efficienti.
fulvio-guglielmelli-lowConsoft Sistemi (www.consoft.it) ha individuato la piattaforma CA API Gateway per venire incontro alle esigenze di integrazione con il mondo esterno che permette a MSC Crociere di controllare le proprie business operations. MSC Crociere può ora soddisfare diverse esigenze, a partire dalla messa in sicurezza e dalla profilazione dinamica delle API (Application Programming Interface) per le prenotazioni provenienti dalle migliaia di agenzie sul territorio. Parallelamente, la piattaforma è stata utilizzata anche per implementare l’integrazione verso sistemi esterni, necessari per il completamento del nuovo processo di booking in fase di riprogettazione.
 “All’interno dei diversi settori produttivi, ma in particolar modo per le aziende con larga clientela retail – ha spiegato Fulvio Guglielmelli, Sales Manager di Consoft Sistemi – i confini dell’impresa tradizionale tendono a confondersi, con l’apertura delle proprie funzionalità di dati e app on-premise, a entità partner, al web, alle app mobile, ai device intelligenti e al cloud. Le API costituiscono le fondamenta di questa nuova open enterprise, consentendo alle imprese di riutilizzare le risorse informative esistenti al di là dei confini aziendali. Le API mettono le aziende in condizione di riutilizzare rapidamente i sistemi IT, aggiungere valore alle offerte esistenti e attivare nuovi flussi di ricavi. Non dovrebbe costituire una sorpresa, tuttavia, che l’esposizione dei sistemi on-premise tramite API crei anche una serie di nuove sfide a livello di sicurezza e di gestione. Per ‘API Management’ intendiamo un insieme di processi e di tecnologie emersi negli ultimi anni per supportare le aziende nel superamento di queste sfide. Le soluzioni di API Management mirano a rendere più semplice, anche per le aziende più attente alla sicurezza, l’apertura delle proprie risorse informative per l’utilizzo da parte di aziende partner, app mobile e servizi cloud, senza compromettere la sicurezza dei dati e la performance dei sistemi di backend”.
Relativamente a questo progetto specifico, nell’ambito del proprio piano di Digital Trasformation, MSC Crociere ha previsto l’aggiornamento dei sistemi “core business” della compagnia (booking, terra e bordo) per offrire alla clientela un servizio sempre più completo ed efficiente. Tra le necessità emerse, prima di individuare la soluzione proposta da Consoft Sistemi, i nuovi sistemi avrebbero dovuto integrare delle componenti e dei servizi forniti da operatori commerciali esposti attraverso API, inoltre MSC avrebbe dovuto a sua volta fornire delle API efficienti e sicure alle agenzie viaggi loro partner.
Consoft Sistemi ha proposto la piattaforma CA API Gateway come soluzione di integrazione e messa in sicurezza delle API applicative.
“CA Api GW – ha illustrato Fulvio Guglielmelli – è una piattaforma di Api Management leader di mercato per il Full Life Cycle API Management secondo il ‘Magic Quadrant’ di Gartner. Attraverso questa piattaforma, MSC Crociere può, con un’unica soluzione soddisfare diverse esigenze. Inizialmente si è concentrata nella messa in sicurezza e nella profilazione dinamica delle API per le prenotazioni provenienti dalle migliaia di agenzie sul territorio, gestendo in questo modo i picchi e le tipologie delle richieste. La piattaforma si è resa adatta anche per implementare l’integrazione verso sistemi esterni (Amadeus e Fed Servizi) necessari per il completamento del nuovo processo di booking in fase di riprogettazione, grazie alla flessibilità del gateway nella interconnessione di differenti protocolli di comunicazione”.
Il ruolo di Consoft Sistemi all’interno di questo progetto è quello di supportare MSC Crociere nell’installazione, nella progettazione e nell’implementazione delle policy all’interno della piattaforma scelta, individuando le modalità di integrazione più adeguate; la soluzione risulta estremamente scalabile, e potrà in maniera efficace supportare i volumi di business che la compagnia intende raggiungere.
“Alla nostra compagnia – ha sottolineato Daniele Buonaiuto, CIO di MSC Crociere –occorreva identificare una piattaforma in grado di potenziare le capacita di integrazione con i nostri partner. Consoft Sistemi, grazie all’adozione della piattaforma CA API Gateway ci ha consentito di ottenere rapidamente una esposizione sicura e controllata delle API rivolte alle agenzie viaggi. Con questa piattaforma risulterà sempre più semplice la gestione dei picchi di prenotazioni nei periodi di forte affluenza, nonché processi di booking rapidi e sicuri”.
____________________
Consoft Sistemi S.p.A.
Siamo presenti sul mercato dell’Information Technology dal 1986 con sedi a Torino, Milano, Roma, Genova e Tunisi. Consoft Sistemi S.p.A. consolida le attività di un gruppo di aziende che offrono un ampio ventaglio di soluzioni dalla Web e Digital Technology, ai Big Data, all’IoT fino alla teleassistenza. Dal 1986 il gruppo Consoft ha conosciuto una crescita continua in termini di personale, fatturato, portafoglio clienti e competenze, crescita più che mai in atto oggi. (www.consoft.it)
MSC Crociere
MSC Crociere è la compagnia di crociere leader del mercato nel Mediterraneo, in Sud Africa e in Brasile. MSC Crociere salpa durante tutto l’anno nel Mediterraneo e ai Caraibi, Cuba e Antille, oltre a offrire un’ampia scelta di itinerari stagionali in Nord Europa, nell’Oceano Atlantico, in Sud America, in Sud Africa e a Dubai, Abu Dhabi e Sir Bani Yas. MSC Crociere è un’azienda privata europea che conta 15.500 dipendenti in tutto il mondo ed è presente in 45 Paesi. (www.msccrociere.it)

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI