Cerca nel blog

mercoledì 31 agosto 2011

Privacy a rischio con le webcam. Dal controllo delle strade all'epoca dei cyber-ricatti

La privacy a rischio con le webcam. Dal controllo delle strade all'epoca dei cyber-ricatti

 

Sono sempre più piccole, i loro costi sono bassissimi e sono presenti su ogni pc, tablet, portatile di ultima generazione anche perché la diffusione di programmi di condivisione delle immagini tipo Skype che consentono di videochiamarsi in rete le rende pressoché indispensabili ai giorni d'oggi.

Sono utilissime, quindi, le webcam ossia quelle microscopiche videocamere che ormai rappresentano degli occhi che vigilano nelle nostre case, nei nostri uffici, ma anche nei luoghi più impensabili, tipo parchi, strade ed altri spazi pubblici.

Vi è da dire, però che la loro miniaturizzazione, ha consentito che gli ultimi ritrovati sono diventati degli "occhi"  pressoché completamente autonomi, in quanto si collegano direttamente alla rete attraverso un proprio indirizzo IP ed la cui unica finalità è inquadrare costantemente ed anche ventiquattrore su ventiquattro ciò che l'obiettivo sta inquadrando. Molto utili quindi per la videosorveglianza ma anche strumenti assai invasivi della privacy e della riservatezza delle persone se non utilizzate per i fini a cui dovrebbero essere legalmente demandate.

Tant'è che è sufficiente che le impostazioni di sicurezza della rete locale non vengano regolate correttamente, il mini-sito della webcam è infatti visibile da chiunque via Internet e basta digitare su qualsiasi motore di ricerca alcune particolari parole per trovarne di accessibili in ogni parte del mondo. Tra l'altro, molto spesso questo tipo di camere digitali sono anche comandabili a distanza per puntarle in varie direzioni e regolarne lo zoom.

V'è da dire però che l'utilizzo per la vigilanza pubblica in Inghilterra ha consentito una vera e propria caccia ai crimini sul web, attraverso la possibilità da parte di comuni cittadini di mettersi a controllare  sul  monitor di casa una serie di "occhi" elettronici pubblici puntati in determinate zone del paese. Si è scatenata così una vera e propria "caccia al ladro" in versione hi tech che ogni mese mette in palio premi fino a 1'000 sterline a chi guadagna più punti segnalando il maggior numero di atti criminali.

Per ovvie ragioni alcune associazioni che difendono i diritti civili e sulle quali concordiamo, hanno immediatamente condannato questo che è ormai divenuto un vero e proprio gioco soprannominato "Internet Eyes"  poiché da una parte evidentemente troppo invadente per la privacy e dall'altro perché potrebbe generare una pericolosa "caccia alle streghe" che non a nulla a che vedere con la lotta alla criminalità.

Se quindi, le webcam possono essere preziosamente utilizzate dalle forze di polizia cui riteniamo deve essere univocamente affidato il contro della sicurezza dei cittadini, dall'altra possono trasformarsi addirittura in un vile mezzo di ricatto.

Non è raro il caso di cibercriminali o hacker che carpiscono le immagini di ignari cittadini infiltrandosi nei loro pc e procedono alla registrazione o alla visione di quanto c'è dall'altra parte della telecamera. 

Sono segnalati, peraltro, in rete i casi di cronaca di spregiudicati soggetti che una volta acquisiti i video o le immagini le utilizzavano come arma di ricatto, minacciando i malcapitati e le malcapitate di renderle  pubbliche o di mandarle a parenti e amici.

Secondo Giovanni D'Agata, componente del Dipartimento Tematico Nazionale "Tutela del Consumatore" di Italia dei Valori e fondatore dello "Sportello dei Diritti" non resta che riferire un semplice suggerimento manuale a chi non vuole correre alcun rischio d'invasione della privacy  visto che la tecnologia fa passi da gigante e gli hacker sono sempre un passo avanti rispetto ai  rimedi tecnologici:  basta coprire la webcam con un pezzo di nastro adesivo quando non è in uso e staccare ogni microfono.

Lecce, 31 agosto 2011                                                                                       Giovanni D'AGATA

 




lunedì 29 agosto 2011

Mediaset Premium: offerta e prova gratis

Mediaset Premium: offerta e prova gratisMediaset Premium: offerta e prova gratis



Iniziamo col dire che l' offerta di Mediaset Premium attualmente attiva non prevede l’invio di una seconda tessera gratis, com’era invece per la precedente!



Ed in più, da oggi, Mediaset Premium ci regala 3 grandi novità riguardanti le combinazioni dei pacchetti:



Mediaset Premium Smart (anticipi, posticipi e Diretta Premium, Premium Cinema Energy, Joy, Premium Crime, Discovery World, e tutta la Moto Gp) al costo di 10,00 Euro al mese;



Mediaset Premium Family (calcio, cinema, documentari e serie Tv con i canali di Premium cinema, Premium Cinema HD, Premium Cinema Emotion, Moto GP, Anticipi e Postici Serie A, Joi, Mya, BBC, Disney Channel) al costo di 19,00 Euro al mese;



Mediaset Premium Family my team ( Moto GP, la vostra squadra del cuore, Premium cinema, Premium Cinema HD, Premium Cinema Emotion, Joi, Mya, BBC, Disney Channel) al costo di 19,00 euro al mese;



Mediaset Premium Super Cinema (cinema, documentari e serie Tv con i canali Premium cinema, Premium Cinema HD, Premium Cinema Emotion, Premium Cinema Energy, Premium Cinema Comedy, Studio Universal, Joi, Mya, Steel, Premium Crime, BBC, Discovery World, Disney Channel) ed il decoder premium on demand HD al costo di 19,00 Euro al mese.



Oltre ai classici pacchetti:



Cinema, Serie Tv e Documentari che comprende: Premium cinema, Premium Cinema HD, Premium Cinema Emotion, Premium Cinema Energy, Premium Cinema Comedy, Studio Universal, Joi, Mya, Steel, Premium Crime, BBC, Discovery World, Disney Channel al costo di 15,00 Euro al mese ed al quale potete aggiungere l’opzione bambini;



Calcio che comprende: Premium Calcio, Premium Calcio HD, Serie A, Champions League, Europa League, Mondiale per Club, Moto GP al costo di 19,00 Euro al mese ed al quale potete aggiungere l’opzione bambini;



Super premium che comprende: Premium cinema, Premium Cinema HD, Premium Cinema Emotion, Premium Cinema Energy, Premium Cinema Comedy, Studio Universal, Joi, Mya, Steel, Premium Crime, BBC, Discovery World, Disney Channel, Premium Calcio, Premium Calcio HD, Serie A, Champions League, Europa League, Mondiale per Club, Moto GP al costo di 34,00 Euro al mese al quale potete aggiungere l’opzione bambini e include il decoder premium on demand HD.



Senza dimenticare le opzioni Bambini (al costo di 4 Euro al mese) e Decoder Premium On Demand HD (al costo di 4 Euro al mese)!



Inoltre, scegliendo l'offerta Mediaset Premium del pacchetto Family, è possibile selezionare la propria squadra del cuore e seguirla per tutto il campionato; le squadre disponibili sono:





  • Milan;


  • Juventus;


  • Inter;


  • Roma;


  • Lazio;


  • Napoli;


  • Cagliari;


  • Palermo;


  • Bologna;


  • Fiorentina.



Per essere ancora più chiari, vi riportiamo con estrema precisione le condizioni dell’offerta (scadenza, durata, vincoli vari) come riportate sul sito Mediaset.it:



Offerta valida per i nuovi clienti che si abbonano in modalità Easy Pay sul digitale terrestre entro il 11 Settembre 2011 e non cumulabile con altre.



L'offerta Mediaset Premium consente la visione di Calcio e Cinema, Serie & Doc (escluso Disney Channel) fino al 01 Novembre 2011. Dal 02 Novembre 2011 verranno applicati i prezzi di listino.

Pagamento iniziale 39,00 Euro. Corrispettivo iniziale 59 euro. Sconto di benvenuto 20 euro.



Il costo di 39 euro della tessera Easy Pay verrà riaccreditato in fattura. In parziale e tempporanea deroga agli art. 4.2, 4.4, 7.2, 7.3 e 8.4 delle Condizioni Generali di Fornitura del Servizio Easy Pay, in caso di recesso entro il 30 Novembre 2011 non verrà applicato il costo dell’operatore di 8,34 Euro nè l’addebito degli sconti promozionali fruiti e potrai inoltre comunicare la volontà di recederee dall’Abbonamento anche solo chiamando il Servizio Clienti.



Dal 1 Dicembre 2011 torneranno ad essere applicabili integralmente le Condizioni Generali di Fornitura del Ser vizio Easy Pay e quindi entro il 1° anno dall’attivazione, in caso di recesso, sarà pprevisto un costo di 8,34 Euro, oltre al recupero di tutti gli sconti promozionali fruiti (canoni mensili pacchetto scelto + sconto di benvenuto). la tua fatturazione potrà non rispettare la cadenza bimestrale anticipata.



Verificare sul sito mediasetpremium.it la copertura del segnale nel tuo comune prima di acquistare. Che altro aggiungere se non…buona visione!



Mediaset Premium: offerta e prova gratis

Mediaset Premium: offerta

Interoute SpA: continua il trend di crescita di fatturato e utile

Interoute SpA, divisione italiana dell'operatore pan-Europeo di telecomunicazioni presente in 29 paesi, conferma per i primi sei mesi del 2011 il trend di crescita del fatturato del 2010, che si è chiuso con un utile ante imposte di 1,45 milioni di euro - valore più che raddoppiato rispetto ai risultati del 2009. Un momento di crescita aziendale che si riflette anche nei dati dichiarati dalla casa madre, Interoute Communications Ltd, il cui margine operativo lordo (EBITDA) nei primi sei mesi del 2011 è salito a 29.4 milioni di euro, registrando anche un incremento del fatturato del 20% rispetto allo stesso periodo del 2010, arrivando così a quota 167 milioni di euro. Un aumento complessivo dovuto alla capacità di rispondere alla crescente domanda di servizi a banda larga delle grandi imprese internazionali.

"La crescita di Interoute Spa nel 2011 deriva da un’ormai consolidata espansione strategica della rete verso i mercati e le economie emergenti che hanno facilitato la chiusura di importanti accordi commerciali, – afferma Simone bonannini, AD della società – tra cui quelli recentemente conclusi con Gulf Bridge International (GBI), uno dei principali operatori privati del Medio Oriente. Questi accordi ci vedono impegnati nella realizzazione di una delle più significative e avanzate infrastrutture nel mondo delle comunicazioni fra Europa, Medio Oriente e Africa. In questo scenario l'Italia ha un ruolo fondamentale, simile a quello giocato nella geografia politica degli anni '70. Se in quel periodo fungevamo da “cerniera” e da raccordo tra “blocchi” diversi, oggi siamo certamente il crocevia delle vie di comunicazioni fra i 3 continenti. Questo è un elemento molto importante per la crescita dell'economia italiana che nell'epoca della globalizzazione deve rivolgersi ai mercati esteri e in particolare a quelli dell'economia cosiddetta emergente. Siamo da sempre convinti che non si possa perdere il ruolo strategico che la nostra posizione geografica ci offre naturalmente e ci stiamo impegnando concretamente in questo senso."

“Oggi più che mai le tlc sono la portante dello sviluppo economico del futuro – prosegue Bonannini – e Interoute continua ad investire capitali e risorse proprie nell'ampliamento di una rete di nuova generazione che mette a disposizione delle aziende e degli altri operatori che non hanno infrastrutture equivalenti. Nonostante la crisi e l’assenza di serie politiche economiche volte a favorire crescita ed investimenti, abbiamo raddoppiato i nostri utili, esteso la rete, assunto nuove persone, allargato il portafoglio dei servizi sia all’estero che in Italia. Siamo una realtà efficiente che produce utile e crea opportunità contando sulle proprie forze, sulla visione di un management giovane e motivato (noi non abbiamo bisogno di ricambi generazionali, l’età media della filiale italiana e inferiore ai 40 anni) che guarda oltre i confini nazionali per creare opportunità in Italia".

" In questo contesto - chiosa Bonannini - la possibile estensione della Robin Tax al nostro settore minerebbe la crescita delle aziende che producono risultati positivi, anche in termini di ritorno di imposte, e reinvestono gli utili nella creazione di infrastrutture e posti di lavoro. Introdurre nuove tasse oggi ad un settore determinante per la crescita del paese significherebbe non solo danneggiare delle aziende, ma ridurre ancora il potenziale di crescita del sistema paese e la competitività di cui tanto si parla, ma per la quale ben poco il Governo italiano sta facendo".

Nel contesto del mercato odierno, penalizzato da una crisi economico-finanziaria generale in cui la ripresa si deve realizzare investendo in ricerca, innovazione e flessibilità, Interoute gioca un ruolo fondamentale nel supporto allo sviluppo dell'infrastruttura informatica e delle telecomunicazioni messe al servizio di una sempre maggiore competitività delle imprese. Servizi IT gestiti "as a service", videoconferenza e telepresence, VPN e sicurezza basate su un’infrastruttura all’avanguardia sono gli elementi che permettono a Interoute di essere il partner adeguato per le imprese impegnate nella sfida della globalizzazione.

Ecolamp. Le lampade esauste si raccolgono presso gli store Media World e Saturn

 

 

La raccolta differenziata delle lampade a basso consumo esauste

si fa nei punti vendita della grande distribuzione

 

Al via, dal 1° settembre, il progetto pilota "Small Collection" del Consorzio Ecolamp presso gli store selezionati di Media World e Saturn in Piemonte e Liguria

 

 

 

Milano, 29 agosto 2011Ecolamp, il consorzio nazionale per il recupero e il trattamento di apparecchiature di illuminazione, in collaborazione con le catene Media World e Saturn  delle Regioni Piemonte e Liguria, lancia a partire dal 1° settembre, il progetto sperimentale "Small Collection" volto a promuovere e migliorare la raccolta differenziata delle lampade a basso consumo esauste restituite dai cittadini presso i punti vendita attraverso il ritiro 1 contro 1.

 

Il servizio "Small Collection" è l'ultimo dei canali volontari offerti da Ecolamp per incrementare il tasso di raccolta delle sorgenti luminose esauste. Gli altri tre servizi sono dedicati ai professionisti del mondo dell'illuminotecnica: Extralamp, Collection Point ed Ecopoint.

 

"Small Collection" è la prima iniziativa italiana rivolta ai consumatori finali che ha l'obiettivo di agevolare il mondo della distribuzione a ottemperare agli adempimenti previsti dal DM 65 dell'8 marzo 2010. La normativa entrata in vigore lo scorso 18 giugno 2010, infatti, impone l'obbligo a tutti i distributori-rivenditori di apparecchiature elettriche ed elettroniche (AEE) di assicurare il ritiro gratuito dell'apparecchio fuori uso al momento dell'acquisto di un nuovo e analogo prodotto, provvedendo inoltre al trasporto dei rifiuti (RAEE) presso i centri di raccolta comunali.

 

Attraverso il progetto "Small Collection" Ecolamp offrirà ai punti vendita un servizio "all inclusive" gratuito: presso i rivenditori saranno disposti appositi contenitori per il conferimento delle lampade compatte e dei tubi fluorescenti, oltre a materiali informativi sulla corretta gestione delle sorgenti luminose esauste. Inoltre i trasportatori incaricati dal Consorzio serviranno direttamente i Luoghi di Raggruppamento dei punti vendita, trasportando loro stessi le lampade alle isole ecologiche dei Comuni, semplificando così ulteriormente il processo di raccolta e stimolando i distributori a compierla in maniera più responsabile.

 

"Attraverso questo nuovo progetto Ecolamp vuole dare un segnale tangibile affinché l'1 contro 1 diventi una concreta modalità per facilitare la raccolta differenziata delle lampade fluorescenti esauste da parte dei consumatori" - dichiara Fabrizio D'Amico, Direttore Generale del Consorzio Ecolamp – "Facilitando i distributori, inoltre, il Consorzio punta ad abbattere le difficoltà che essi a oggi incontrano nel trovare le isole ecologiche dei Comuni effettivamente aperte al conferimento dei rifiuti da parte della GDO. Dobbiamo dare merito - ha concluso D'Amico – a Media World e Saturn, che si sono distinte come le prime catene ad aderire all'iniziativa, così come all'associazione di riferimento AIRES che ha fornito grande collaborazione, grazie alla quale ci auguriamo di estendere il nostro servizio anche ad altre importanti insegne della distribuzione".

 

Il progetto "Small Collection", denominato così perché dedicato ai piccoli conferimenti dei cittadini, partirà dal 1° settembre in via sperimentale nei punti vendita Media World e Saturn di Piemonte e Liguria, per poi, in base ai risultati, potenzialmente estendersi in tutta Italia.

 

I punti vendita coinvolti:

Saturn Torino 1 (Lingotto): c.comm. 8 Gallery, via Nizza 262, Torino; Saturn Torino 2 (Beinasco): c.comm. Le Fornaci, Strada Torino 31, Beinasco (To); MW Torino 1: c.comm. Le Gru, via Crea 10, Grugliasco (To); MW Torino 2, Corso Giulio Cesare 202, Torino; MW Torino 3: Corso Savona 67, Moncalieri (TO); MW Alessandria: via Città di Boves, 2/H, Alessandria; MW Asti: c.comm. Il Borgo, c.so Casale, 319, Asti; MW Genova: c.comm. Fiumara, via Operai snc, Loc. Fiumara, Genova; Saturn Genova: via Dino Col 2, Genova.


 

Area Stampa (disponibili foto e filmati in alta risoluzione): www.ecolamp.it/comunicazione

 

Ufficio Stampa Ecolamp: Conca Delachi – Desirée Ferrari Tel. 02/48193458 dferrari@concadelachi.com

Marketing & Comunicazione Ecolamp:

Martina Cammareri, Tel. 02/37052936-7 cammareri@ecolamp.it

Andrea Pietrarota, Cell. 348/5988469 pietrarota@ecolamp.it

 

 

 

http://informatica.comunicati-stampa.com/2011/08/evento-ausedmip-school-of-management.html


L’Osservatorio ICT Governance di Aused, in collaborazione con il MIP – School of Management del Politecnico di Milano organizzano il prossimo 5 ottobre 2011 presso l’Assolombarda (via Pantano, 9, Milano) un evento congiunto con associazioni e community.
Il tema dell’incontro è “Le Direzioni HR e IT nei processi di cambiamento”, e prevede l’analisi e l’approfondimento delle opportunità di collaborazione tra le Direzioni ICT e HR nei processi di innovazione e cambiamento.
All’evento, che avrà inizio alle ore 15.00, parteciperanno, oltre ad Aused e al MIP, anche il ClubTi e le Community ICT dell’ICT Accademy del MIP e HR Innovation Pratice.

Le aziende stanno attraversando un processo di profonda trasformazione dei propri modelli organizzativi per rispondere alle continue evoluzioni del business. In questo quadro i nuovi strumenti dell’ICT assumono una sempre maggiore importanza in quanto, permettendo di supportare nuove logiche organizzative e forme di collaborazione e condivisione del know how, consentono di ridisegnare processi e relazioni interne ed esterne all’organizzazione.

La Direzione HR può trovare un valido alleato nella Direzione IT per innovare i propri modelli di servizio, abilitare e guidare il cambiamento secondo un framework strategico che unisca coerentemente la dimensione organizzativa e tecnologica dell’innovazione.

Di questo argomento se ne discuterà ampiamente insieme agli Associati, alle Community ICT & HR e ai Professori del Politecnico, analizzando le “case history” di Fiera Milano, Italtel e SEA con i loro rappresentanti aziendali (COO-CIO/CTO-CHRO/HRM).

Di seguito segnaliamo anticipatamente alcuni degli argomenti che verranno trattati:
- Come HR e ICT possono collaborare nei processi di cambiamento e trasformazione del business
- Come HR e ICT moltiplicano l’efficacia nelle operazioni di sviluppo dell’innovazione
- Dinamiche di relazione, best practices e criticità
- Nuovi ruoli nella Direzione ICTM (Demand Manager, … )
- Nuovi modelli organizzativi in seguito alle ristrutturazioni
- Gestione e sviluppo del capitale umano per effetto dei nuovi modelli organizzativi e delle nuove tecnologie ICM.

La manifestazione viene organizzata grazie alla collaborazione e il contributo di:
Beppe Ingletti, Coordinatore dell’Osservatorio ICT Governance di AUSED
Roberto Luongo, Coordinatore dell’Osservatorio ICT Governance di ClubTI
Mariano Corso, Responsabile degli Osservatori e dell’ ICT Executive Academy
della School of Management del Politecnico di Milano
Emanuele Madini, Animatore dell’ HR Innovation Practice e Coordinatore della Community HR
della School of Management del Politecnico di Milano
Per maggiori informazioni, o per aderire all’incontro, si prega di contattare:

Segreteria AUSED
Viale Umbria, 49
20135 Milano
Telefono: 02 5464747
Fax. 02-55185875
e-mail: aused@aused.org
sito: www.aused.org (compilando l’apposito form)

giovedì 25 agosto 2011

Sky: calcio in offerta a 29 euro al mese

Sky: calcio in offerta a 29 euro al meseSky: calcio in offerta a 29 euro al mese


Sky, in questa estate 2011 ha pensato ad un grande regalo da fare agli amanti del calcio, ha creato infatti un nuova super offerta, per poter vedere il grande calcio italiano ed estero ad un prezzo speciale, solo 29 euro/mese anziche’ 69 euro/mese.

L’offerta Sky prevede per il calcio (Sky Pack) un abbonamento ad € 29,00 mensili comprendente anche 2 Channel Pack, ossia una serie di canali tematici divisi per categoria di intrattenimento (News, LyfeStyle e documentari, Serie TV Intrattenimento, Bambini e Musica), con cui si arriva a 70 canali totali più i vari canali non a pagamento sintonizzabili con la parabola.


Lo Sky pack Calcio comprende tutta la Serie A in HD (evidenzio TUTTA) più alcune partite dei principali campionati stranieri (Liga spagnola, Premier League e Bundesliga).
Attenzione perchè non comprende le partite di Champions League per le quali bisogna aggiungere lo Sky Pack SPORT andando ad un totale di 39,00 euro al mese (in offerta rispetto al prezzo di listino di 49,00 euro). Aggiungendo il canale Sport si ha inoltre diritto ad un terzo Channel Pack gratuitamente.
I costi di attivazione sono: 29,00 euro con decoder HD e 59,00 euro per il decoder MySkyHD (consigliatissimo: è un evoluzione che sicuramente poi farete in seguito e pagherete minimo 99 euro). Se non avete ancora la parabola un tecnico Sky la monterà per soli 9 euro aggiuntivi.

In aggiunta per tutti i nuovi abbonati la Sky digital Key per vedere e registrare con il MySky i programmi del digitale terrestre (quelli sintonizzabili in zona) che costa di listino 19,00 euro e se si acquista l’abbonamento online un regalo aggiuntivo che cambia tutte le settimane (nel momento in cui scrivo una fotocamera digitale samsung da 12Mpx).

Vedi

Offerte Sky

Sky: calcio in offerta a 29 euro al mese

venerdì 12 agosto 2011

Buongiorno: applicazione iPhone Winga Bingo disponibile su iTunes




Buongiorno lancia l'applicazione iPhone Winga Bingo disponibile su iTunes

Winga Bingo permette di giocare in mobilità direttamente dal proprio iPhone


Milano, 12 agosto 2011 – Buongiorno, (FTSE Italia STAR: BNG) multinazionale leader nell'offerta di servizi e soluzioni per la mobile connected life , porta il Bingo su iPhone. La grande novità è la disponibilità dell'applicazione su Apple Store: una volta installato Winga Bingo è possibile giocare dal proprio smartphone, non solo in modalità "for fun" ma anche "for money".
Accedendo alle 4 sale virtuali già presenti su Winga.it (Rubino, Diamante, Zaffiro e Smeraldo) i giocatori con la nuova app potranno ora partecipare alle estrazioni acquistando in maniera semplice e intuitiva le cartelle dal proprio iPhone e controllando l'andamento del gioco.
Per poter giocare con la app di Winga Bingo è necessario aprire un proprio conto gioco dal sito www.winga.it  (accessibile anche da mobile) o direttamente dal proprio iPhone scaricando l'app e cliccando sul link "Registrati". Per il lancio, Winga Bingo ha previsto un bonus speciale per i primi iscritti provenienti dall'app.
Winga Bingo per iPhone è disponibile gratuitamente sull'App Store al link http://itunes.apple.com/it/app/bingo-winga/id422294998?mt=8 .
Con il lancio di Winga Bingo per iPhone, Buongiorno conferma il proprio obiettivo di diventare l'operatore di riferimento del mobile gaming nei principali mercati regolamentati, perseguendo un naturale completamento della propria strategia B2C basata su un'offerta unica e distintiva di mobile e digital entertainment.
"A poche settimane dal lancio di Winga TV, del Poker Cash e dei Casino Games, siamo orgogliosi di aver arricchito la nostra offerta italiana con il Bingo per iPhone – commenta Assen Diakovski, Global Head of eGaming di Buongiorno - Questo è un altro importante passo nell'attuazione della nostra strategia che facendo leva sulla decennale esperienza del Gruppo Buongiorno nel mobile content mira a fare di Winga la piattaforma di riferimento per chi vuole giocare da dispositivi mobili".

E anche per la nuova Bingo app, sicurezza e gioco responsabile restano una priorità, per far sì che il gioco sia sempre un'esperienza di intrattenimento piacevole e positiva; ecco perché Winga anche all'interno di tutti i nuovi servizi promuove con grande attenzione regolamenti e condizioni, insieme alle raccomandazioni per vivere il Gioco a Distanza in modo responsabile e consapevole (per maggiori informazioni: https://www.winga.it/gioco-responsabile ).


Informazioni su Buongiorno SpA
Buongiorno (FTSE Italia STAR: BNG) è una multinazionale leader nell'offerta di servizi e soluzioni per la mobile connected life. Grazie a 10 anni di leadership nell'ecosistema mobile, con un team di 1.000 professionisti, rapporti diretti con più di 130 operatori telefonici in 57 Paesi, Buongiorno è il partner di riferimento per telco, aziende e hardware manufacturer di cellulari e connected device, nell'offerta di soluzioni personalizzate legate alla fruizione in mobilità di dati e contenuti. Buongiorno ha un accesso potenziale a oltre 2 miliardi di consumatori e un ampio portfolio di servizi e contenuti che vanno dai servizi a valore aggiunto (VAS) per cellulare, alle soluzioni innovative che arricchiscono l'esperienza mobile e risiedono o sono veicolateattraverso i cellulari o i digital store degli OEM, ai programmi di mobile loyalty e mobile advertising e alle campagne di mobile marketing con i brand B!Digital e B!Mobile. Nel 2011, Buongiorno ha lanciato Cashlog, la soluzione di mobile payment per i merchant e gli utenti, che permette di facilitare la vendita e l'acquisto di beni e servizi digitali usando il credito telefonico: www.cashlog.com. Buongiorno ha recentemente acquisito Dada.net, consolidando la proprialeadership globale nel mercato mobile. Buongiorno ha sede a Milano ed è quotata nel settore STAR della Borsa Italiana.



Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI