CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Ultime news di Information & Communication Technology

Cerca nel blog

martedì 19 giugno 2018

Dimension Data e Britehouse sono tra i vincitori dei Microsoft Partner of the Year Awards 2018

Dimension Data e Britehouse sono tra i vincitori dei Microsoft Partner of the Year Awards 2018

 

 

Milano, 19 giugno 2018Dimension Data ha annunciato di essere stata premiata con il Microsoft Modern Workplace Transformation Partner of the Year Award 2018, mentre Britehouse, una divisione di Dimension Data, ha vinto il South Africa Partner of the Year. Le due aziende vengono così riconosciute tra i principali partner globali di Microsoft a dimostrazione della propria eccellenza nell'innovazione e nell'implementazione di soluzioni per i clienti, basate sulla tecnologia Microsoft.

 

Steve Joubert, Group Executive for Partner Alliances di Dimension Data ha commentato, "Siamo estremamente onorati di aver ricevuto ben due premi Microsoft Partner of the Year nel 2018. Per Dimension Data, questo è uno straordinario risultato che attesta la nostra leadership in un ambito come la trasformazione e la produttività, e, al contempo convalida il ruolo di Britehouse quale driver chiave dell'offerta Microsoft Cloud in Sud Africa. In qualità di Microsoft Gold Certified Partner in 21 paesi, abbiamo collaborato per accelerare le ambizioni di business e guidato la trasformazione dei nostri clienti. Attraverso questa partnership, vogliamo continuare ad aiutare le aziende a sfruttare il pieno potenziale della trasformazione digitale negli ambienti lavorativi moderni."

 

Suddivisi per diverse categorie, gli award vengono conferiti ai vincitori scelti tra più di 2.600 partecipanti, provenienti da 115 paesi di tutto il mondo. Dimension Data si è distinta per la straordinaria offerta di soluzioni e servizi per la Modern Workplace Transformation, e Britehouse per il raggiungimento di risultati eccezionali nella regione sudafricana.

 

Il Modern Workplace Transformation Partner of the Year Award premia i partner che hanno registrato una crescita sostanziale e sostenibile nell'aiutare i clienti a trasformare il proprio posto di lavoro attraverso Microsoft 365 (Office 365, Windows 10 ed Enterprise Security + Mobility) o implementando l'intera serie di offerte direttamente o con altri partner. L'assegnazione del riconoscimento convalida le qualità del partner vincitore per quel che concerne innovazione, competitività e vantaggi per il cliente, che si traducono in una maggiore efficienza, crescita o redditività, grazie al valore offerto dalla soluzione Microsoft 365.

 

Inoltre, il Microsoft South Africa Partner of the Year Award 2018 riconosce i partner dei diversi paesi che si sono distinti per la crescita della propria base clienti e/o del proprio fatturato, guidando l'impatto e la soddisfazione del cliente con l'offerta Microsoft Cloud. I vincitori devono dimostrare l'effettivo impegno e coinvolgimento con le rispettive sedi Microsoft locali e le proprie capacità in innovazione, competitività e valore per il cliente, che si traduce in un'attività redditizia che mostra i vantaggi derivanti dall'utilizzo dei servizi Microsoft Cloud.

 

"Il nostro ecosistema di partner è cruciale per fornire soluzioni di trasformazione e i vincitori di quest'anno hanno saputo dar prova di essere tra i migliori dei loro pari," ha aggiunto Gavriella Schuster Corporate Vice President, One Commercial Partner, di Microsoft Corp. "Siamo lieti di riconoscere Dimension Data quale vincitore del Microsoft Modern Workplace Transformation Partner of the Year Award 2018, e Britehouse quale Microsoft Country Partner of the Year in Sud Africa."

 

 

Dimension Data

Fondata nel 1983, oggi Dimension Data è un leader globale da 8 miliardi di dollari nella progettazione, gestione e ottimizzazione degli attuali ambienti tecnologici mutevoli per consentire ai propri clienti di sfruttare i dati dell'era digitale, trasformarli in informazioni e ottenere una visione chiara.

Con sede a Johannesburg e 28.000 dipendenti in 46 paesi, Dimension Data riunisce la migliore tecnologia al mondo offerta dai leader di mercato e dagli innovatori di nicchia – dai servizi di consulenza, tecnologici e di supporto fino a servizi completamente gestiti.

Dimension Data è un membro di NTT Group.



Redazione del CorrieredelWeb.it


sabato 16 giugno 2018

Internet of Things e Telecomunicazioni. Le innovative soluzioni Acotel all'evento Vodafone IoT di Roma





Le innovative soluzioni Acotel all'evento Vodafone IoT di Roma

Il 13 giugno, Acotel ha preso parte all'evento di Vodafone IoT, presso le Officine Farneto di Roma.

Acotel, che con Vodafone ha siglato un accordo di partnership per proporre al mercato soluzioni IoT in ambito Energy & Building Management, ha partecipato all'evento presentando le innovative soluzioni, rivolte al mercato B2B e B2B2C, nei segmenti SOHO, SME e Corporate, per il monitoraggio, il controllo e la gestione ottimizzata delle risorse energetiche utilizzate e dei relativi costi.
 
L'appuntamento di ieri è stato dedicato ai più importanti clienti di Acotel e di Vodafone, anche della Pubblica Amministrazione, ed ha avuto l'obiettivo di approfondire le funzionalità del servizio all'interno di uno scenario di mercato in continua evoluzione.

Su Acotel
Acotel, attiva nel mercato IoT, offre servizi sull'efficientamento energetico, in particolare sull'energy management e lo smart metering, attraverso il monitoraggio e la conseguente gestione e ottimizzazione dei costi dati da un uso più consapevole delle risorse energetiche disponibili. I servizi erogati sono completamente integrati, dalla rilevazione alla trasmissione dei dati alla piattaforma cloud, con accesso web e app, con suite personalizzabile in grado di interagire attraverso la Rete mobile.
 
Su Vodafone
Vodafone Italia fa parte del Gruppo Vodafone, uno dei maggiori gruppi di telecomunicazioni al mondo, con 529,1 milioni di clienti di rete mobile e 19,3 milioni di rete fissa. Il Gruppo opera nel mercato della rete mobile in 25 paesi, è presente con accordi di partnership in altri 47 ed è attivo in 18 mercati con i propri servizi di rete fissa. Vodafone Italia ha circa 7.000 dipendenti, di cui 2.500 operano nel mondo dell'assistenza ai clienti in 8 Competence Center su tutto il territorio nazionale.



--
www.CorrieredelWeb.it

Telecomunicazioni. Un secolo di Ericsson in Italia: al via oggi le celebrazioni

Ericsson: al via oggi le celebrazioni dei 100 anni di attività in Italia

 

Ieri, venerdì 15 giugno 2018, Ericsson ha dato il via alle celebrazioni dei primi 100 anni di attività in Italia con un evento riservato agli oltre 3000 dipendenti in Italia e organizzato nel campus di Roma, sede centrale dell'azienda nel nostro paese. La manifestazione è stata arricchita dalla partecipazione di 100 ex dipendenti Ericsson-Fatme, persone che hanno contribuito al successo di Ericsson negli ultimi 5 decenni. Alla giornata hanno partecipato Robert Rydberg, Ambasciatore di Svezia in Italia, Cesare Avenia, manager che ha ricoperto diverse cariche nazionali e internazionali in Ericsson, compresa quella di amministratore delegato, e attuale Presidente della Fondazione Lars Magnus Ericsson, Franco Grimaldi, top manager di lungo corso nel campo delle telecomunicazioni in Italia, e con esperienze in posizioni di vertice in SIP, Omnitel, Wind e Tiscali, Gianluigi Tosato, ex Presidente di Ericsson Italia, Marino Marin, giornalista e scrittore autore del libro sulla storia dell'azienda "La memoria e l'immagine", Alessandro Francolini, direttore generale di Ericsson in Italia e Laura Nocerino, direttore HR di Ericsson in Italia.

 

Era il lontano 1918, quando Ericsson entrò in affari con la FATME (Fabbrica Apparecchi Telefonici e Materiale Elettrico) che aveva iniziato la sua attività nella periferia di Roma, rilevando un piccolo stabilimento di materiale telefonico creato nel 1912. In Italia vi era 1 telefono ogni 500 abitanti. Da allora l'Italia ha rivestito per Ericsson un ruolo strategico quale centro propulsivo alla guida dell'innovazione per l'intero Gruppo a livello mondiale. È grazie alla passione e alle competenze dei professionisti italiani di Ericsson – e di tutte le società che hanno caratterizzato la presenza del Gruppo in Italia, come FATME, SEI, SET, Sielte, Setemer – che in Italia si sono affermate tecnologie e prodotti fondamentali che hanno fatto e fanno comunicare miliardi di persone. Ricordiamo tra gli altri i telefoni da tavolo in bachelite, le centrali telefoniche automatiche e semiautomatiche, i cavi coassiali, la teleselezione su scala nazionale, le centrali urbane e interurbane crossbar, le centrali a programma registrato AKE, le centrali telefoniche digitali AXE, la prima rete TACS durante i mondiali di calcio del 1990, il GSM, la scheda prepagata ricaricabile, l'UMTS nel 2003 fino ad arrivare ai giorni d'oggi con il 4G. La prossima sfida dell'azienda in Italia e nel mondo si chiama 5G e proprio a fine 2017, grazie ad Ericsson, a Torino è avvenuta la prima dimostrazione pubblica della nuova tecnologia che consetirà di mettere in comunicazione non solo le persone ma anche gli oggetti, abilitando quello che viene definito Internet industriale.

 

Oggi Ericsson è presente in Italia con sedi a Roma, Milano, Napoli e i tre centri di Ricerca e Sviluppo di Genova, Pagani e Pisa, autori di oltre 600 brevetti negli ultimi 20 anni. Nel nostro Paese Ericsson fornisce tecnologie e servizi ai principali operatori di telecomunicazioni e industrie e collabora con alcune delle più prestigiose università italiane.



--
www.CorrieredelWeb.it

martedì 12 giugno 2018

La security convergence va “live” nell’Executive Briefing Center di Axitea



Inaugurata a Milano la struttura per favorire attività di testing e simulazioni delle tecnologie

Milano, 12 giugno 2018Axitea, azienda leader nell’integrazione tra sicurezza fisica e cyber, ha recentemente inaugurato il proprio Executive Briefing Center (EBC), un’innovativa struttura situata nella sede di Milano, dedicata a partner, clienti e prospect per far “toccare con mano” le tecnologie di sicurezza convergente a portfolio.

La situazione italiana attuale legata alla sicurezza è molto preoccupante. Fenomeni come degrado, risse, rapine, episodi di violenze, furti nelle aziende e negli esercizi commerciali, sono purtroppo all’ordine del giorno ed è quindi sempre più importante dotarsi di sistemi e tecnologie efficaci per la salvaguardia di persone e luoghi. 

Tutte le aziende stanno affrontando rischi olistici in cui gli hacker sfruttano indipendentemente e simultaneamente punti di debolezza e vulnerabilità di sistemi di protezione fisici e informatici, di reti e applicazioni e di device fissi e mobili, approfittando anche del fattore umano e degli errori compiuti in modo inconsapevole. Inoltre le imprese sono ancora organizzate con modelli a silos per la gestione della sicurezza fisica e logica e della protezione del capitale umano e sono basate su sistemi tecnologici chiusi e proprietari, che si sono rivelati ormai obsoleti nella difesa dalle moderne e sofisticate tecniche di attacco.

Uno dei principali obiettivi che ha portato Axitea alla creazione dell’Executive Briefing Center è di consentire una conoscenza “live” ancora più approfondita delle proprie soluzioni, offrendo la possibilità a clienti, prospect e partner di partecipare a sessioni demo e test, per verificare funzionalità e vantaggi delle tecnologie proposte sul mercato. 

L’offerta di Axitea è basata sulla convergenza e sul deployment di una piattaforma di servizio unificata, interoperabile e in grado di correlare e gestire eventi integrati, in cui l’uso trasversale del video, supportato da reti di sensori IoT e tecnologie basate sull’intelligenza artificiale per la gestione delle fonti sonore, rappresenta uno dei principali fattori di successo per aumentare il livello di protezione degli asset fisico-logico dei clienti.

All’interno dell’EBC sono installate soluzioni di sicurezza integrata, progettate con la combinazione di tecnologie innovative e servizi avanzati. I visitatori potranno assistere a prove e simulazioni realizzate con le ultime soluzioni di videosorveglianza, sistemi VoiP e di controllo accessi. Per Axitea è importante infatti evidenziare come la videosorveglianza evoluta realizzata con sistemi di Video Management, algoritmi di Video Analisi e Telecamere multi-tecnologia (Ottica, Termica, FishEye, 4K, PTZ, multi-ottica) possa aumentare l’efficacia nella prevenzione, nell’analisi forense e nella deterrenza e - integrandosi con PSIM e SIEM -  abilitare la convergenza verso un sistema unico di prevenzione e gestione degli eventi.

Nello specifico, sono rappresentati tre sistemi di Video Management con diverse caratteristiche che indirizzano la lettura targa, il riconoscimento facciale, il conteggio delle persone e altri algoritmi per l’analisi del comportamento; l’integrazione con il POS per la protezione da furti, frodi ed ammanchi inventariali; la gestione e il riconoscimento dell’audio.

L’integrazione con sistemi cyber per la gestione degli incidenti, il monitoraggio perimetrale, la protezione anti APT e strumenti di intelligence per la valutazione del rischio delle aziende completano l’end-to-end con il Security Operation Center integrato. All’interno dell’EBC sono presenti inoltre tre corner tecnologici dedicati al controllo accessi e al riconoscimento biometrico; all’utilizzo di dispositivi IoT come “seconda” rete di security; alla protezione satellitare dei veicoli da furti, frodi e rapine.

“Le persone hanno la necessità di sentirsi al sicuro, sia nell’ambito urbano che in quello professionale ed è sempre più importante sensibilizzare clienti e partner sulle tecnologie di sicurezza a disposizione per la loro protezione,” sottolinea Marco Bavazzano, Amministratore Delegato di Axitea. “Con l’Executive Briefing Center desideriamo coinvolgere maggiormente i clienti e il nostro ecosistema di vendita, per creare dimostrazioni ad hoc al fine di rispondere a esigenze specifiche. In questo modo gli utenti potranno comprendere funzionalità, prestazioni e benefici delle diverse soluzioni, con witness test realmente dedicati.”  

Per ulteriori informazioni www.axitea.it.  

Axitea
Axitea S.p.A., società controllata dal fondo di private equity Stirling Square Capital Partners, opera come Global Security Provider nel virtuoso incrocio tra tecnologie innovative, servizi di vigilanza avanzati e sistemi di protezione fisica e cyber all’interno di un mercato in forte trasformazione, anche per la convergenza tra informatica, telecomunicazioni, controlli, automazione ed Internet of Things. Forte di conoscenze, competenze ed esperienze sviluppate in ambito Vigilanza e Sicurezza nel tempo, Axitea offre una vasta gamma di servizi, che vanno alle attività di presidio del territorio e di gestione proattiva degli allarmi e degli interventi, allo sviluppo di competenze specialistiche nella progettazione, realizzazione, integrazione, manutenzione e gestione di piattaforme e soluzioni tecnologiche dedicate alla sicurezza fisica, al controllo accessi, alla videosorveglianza, al monitoraggio satellitare e alla protezione di infrastrutture ICT.

The Open Brand Project. La fine dell’inizio



L’Open Brand Project rappresenta uno sforzo collaborativo di evoluzione dei nostri brand e logo. 

Un team di designer interni, in collaborazione con Pentagram, nota società internazionale di consulenza di design, sono all’opera per semplificate e modernizzare il nostro look.

Lanciato a fine 2017, il progetto Open Brand è giunto a uno spartiacque. Stiamo infatti chiudendo la prima fase in cui abbiamo invitato il pubblico a partecipare e a fornire idee e commenti, e in cui abbiamo realizzato alcuni prototipi sulla base delle indicazioni ricevute. I nostri designer hanno disegnato centinaia di cappelli e le loro scrivanie assomigliano molto allo studio di un cappellaio pazzo per i Fedora. Da qui parte la fase di scelta, test e ritocco dei diversi progetti. Ma c’è ancora molto da fare.

Sono almeno tre gli approcci per cambiare un logo. Si possono apportare modifiche minime, quasi impercettibili, per ottimizzare un logo che funziona già bene. Si può evolvere, con modifiche sostanziali, ma mantenendo la personalità e il carattere del logo originale, rendendolo riconoscibile ma rinnovato. Oppure partire da zero.

In Red Hat abbiamo optato per il percorso intermedio, quello dell’evoluzione.

Un’evoluzione di successo spesso richiede la condivisione degli obiettivi e dei problemi che ci proponiamo di risolvere. E’ importante capire ciò che facciamo e perché. Per indirizzare il lavoro abbiamo aperto un dibattito al nostro interno, e coinvolto con un sondaggio partner, clienti e tutti coloro che hanno un interesse nella nostra identità.

Dei partecipanti, il 67% ha indicato il cappello come elemento più importante del logo, mentre il 18% ha scelto il colore rosso come più emblematico. L’81% ha dichiarato che il Fedora è il cappello che meglio rappresenta Red Hat. Nient’altro ci è arrivato vicino. E, soprattutto, il 40% ritiene che ‘l’apertura’ sia la qualità principale da associare a Red Hat, seguita dalla ‘fiducia’ al 16%.

Da questi dati sono emerse alcune direzioni molto chiare.

Il nuovo logo conterrà un Fedora rosso. E il nome verrà rivisto per riflettere in modo più accurato il nome dell’azienda: due parole con la maiuscola ‘Red Hat’, invece di redhat.

E per quanto riguarda la questione ‘open’? Come gestiamo il fatto che l’ombra sotto l’attuale Fedora non comunica apertura o trasparenza molto bene? Comunica fiducia? In Red Hat noi lo chiamiamo Shadowman ed è un simbolo importante. Decidere del suo futuro è stata una sfida notevole. Forse è arrivato il momento che la figura che indossa il Fedora rifletta meglio le diverse comunità che serviamo. O è il caso che si tolga il Fedora e vada in pensione?
Per valutare tutte le possibilità, il design team ha intrapreso tre direzioni: un Fedora rosso indossato da una figura di qualche genere, un Fedora rosso da solo, e un disegno in cui l’icona del Fedora rosso fungesse da lettera o formasse parte della parola.

Il cappello da solo è interessante perché è semplice e indirizza le questioni legate a genere, razza e l’aria sinistra del nostro Shadowman. Ma il cappello con un viso più astratto o universale rappresenterebbe un cambiamento più graduale che mantiene vivo lo spirito di Shadowman. Un simbolo azzeccato potrebbe essere avvincente, ma non è facile farlo funzionare. Non sono molte le lettere che assomigliano a un cappello e se non lo azzecchiamo, non tutti lo capiranno.

Queste tre direzioni hanno generato centinaia di prototipi in molteplici stili. Alla fine sono emersi 12 progetti che sono stati condivisi con gli executive Red Hat, un esteso gruppo di influencer interni e con tutta l’azienda in due town hall globali. In questo modo abbiamo ridotto i 12 design a 4. Questi 4 design sono stati condivisi con clienti, partner e altri partecipanti al Red Hat Summit a inizio maggio per sondarne le reazioni.

Adesso siamo alla fase due. Stiamo rivedendo le quattro proposte per arrivare a due design finali, ritoccando i cappelli e identificando il giusto tipo di trattamento e lettering del nuovo logo. Poi dobbiamo sottoporre ogni proposta a uno stress-test realizzando sistemi di branding completi per vedere se funzionano nelle applicazioni pratiche – dalle insegne negli uffici alle magliette, fino alle tazze e agli avatar di Twitter.

Nelle prossime settimane avremo altre novità da condividere e l’estate sarà sicuramente un momento ‘caldo’ per il nostro Open Brand Project design team.
Se volete saperne di più visitate la pagina Open Brand Project.

giovedì 31 maggio 2018

Cogito fra le principali piattaforme di analisi del testo basata su intelligenza artificiale nel report “Now Tech: Social Listening Platforms”



.

Cogito tra le principali piattaforme al mondo per il social listening 

 

Modena, 31 maggio 2018

Expert System, società leader nel mercato dell'Artificial Intelligence, è stata selezionata da Forrester Research, una delle realtà di analisi e ricerca indipendente fra le principali al mondo nell'ambito dell'innovazione e delle tecnologie, per il nuovo report "Now Tech: Social Listening Platforms, Q2 2018". Obiettivo del report è aiutare le organizzazioni a comprendere valore e vantaggi delle attività di monitoraggio, analisi e ideazione di strategie orientate all'ascolto delle fonti web (social listening) e fornire un pratico supporto per la valutazione dei fornitori in base alle funzionalità offerte.


Le piattaforme di social listening offrono alle aziende dati preziosi che, combinati con altri flussi di informazioni (come il monitoraggio della cosiddetta Voice of the Customer, ricerche di mercato e analisi della concorrenza), possono contribuire allo sviluppo e all'arricchimento dei profili degli utenti, per renderli ancora più completi e dettagliati. Il problema è che servono soluzioni più evolute per acquisire queste conoscenze, soprattutto perché il semplice monitoraggio dei canali social non è più sufficiente per coprire l'ampio spettro di dati oggi a disposizione non solo sui social network ma anche su blog, forum, siti di recensioni, ecc.


La piattaforma Cogito di Expert System combina l'accuratezza della comprensione semantica e dell'elaborazione del linguaggio naturale con i vantaggi di altre tecnologie di Artificial Intelligence, come il machine learning, per consentire alle organizzazioni di estrarre e analizzare in tempo reale informazioni strategiche da fonti diverse. Cogito può essere integrato nelle piattaforme di business intelligence per massimizzarne le capacità, aggiungendo quell'intelligenza necessaria per trattare in modo più preciso le informazioni rilevanti e offrire dunque più efficienza, qualità e velocità.


"Monitorare il sentiment e mitigare i rischi, comprendere le conversazioni in atto sul web per identificare trend, migliorare il servizio ai clienti e supportare l'innovazione dei prodotti: sono questi oggi gli obiettivi principali del social listening" ha dichiarato Marco Varone, Presidente e CTO di Expert System. "Cogito sfrutta l'intelligenza artificiale per offrire diverse funzionalità utili al raggiungimento di questi obiettivi a partire dalle attività di identificazione, estrazione e analisi completa e accurata di qualsiasi contenuto non strutturato."
 

Expert System
Leader nel mercato del cognitive computing e della text analytics, Expert System offre le più innovative soluzioni di intelligenza artificiale per l'automazione dei processi e la gestione delle informazioni. Attraverso la tecnologia Cogito®, basata sulla combinazione di comprensione semantica e machine learning, assicuriamo a partner e clienti l'acquisizione delle conoscenze strategiche per accelerare i processi decisionali e massimizzare il ROI: dal customer care alla compliance, dalla gestione dei profili di rischio alla security e all'intelligence. Fra i principali clienti del Gruppo, con sedi in Italia, Francia, Spagna, Germania, UK, USA e Canada, aziende e organizzazioni governative: Zurich Group, Lloyd's of London, Intesa Sanpaolo, Chevron, Gruppo Eni, Dipartimento dell'Agricoltura e Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, Ministero dell'Interno e Ministero dell'Economia e delle Finanze francesi, Wolters Kluwer, Ely Lilly, Sanofi, ecc. La società è quotata sul mercato AIM di Borsa Italiana dal 2014 (EXSY:MIL).





--
www.CorrieredelWeb.it

mercoledì 30 maggio 2018

Software AG. La piattaforma Cumulocity IoT aiuta Trackerando nel rilevamento di persone, animali e cose

La piattaforma Cumulocity IoT di Software AG aiuta Trackerando semplificando il rilevamento di persone, animali e cose

 

Darmstadt, Germania, 30 Maggio 2018Software AG (Frankfurt TecDAX: SOW) annuncia che la sua piattaforma Cumulocity IoT è stata scelta da Trakerando, azienda fornitrice di soluzioni di rilevamento GPS all'avanguardia, per migliorare i suoi servizi.

 

Trackerando possiede un ampio portfolio di soluzioni di rilevamento GPS per una vasta gamma di applicazioni, tra cui la gestione delle flotte, la localizzazione di auto, il tracciamento di persone, il monitoraggio di pazienti anziani e il ritrovamento di animali. Come garanzia di successo, Trackerando ha deciso di far affidamento su una soluzione IoT solida, sicura e di alta qualità – ossia la piattaforma Cumulocity IoT di Software AG – capace di tracciare veicoli, persone e risorse.

 

Bodo Erken, Chief Executive Officer di Trackerando, afferma: "Abbiamo impiegato solo sei settimane per iniziare e finalizzare una soluzione IoT completamente personalizzata utilizzando Cumulocity IoT di Software AG. Essa ci permette di connettere, monitorare e tracciare veicoli, persone e risorse in tempo reale nonché di acquisire insight significativi sulla posizione di migliaia di dispositivi con differenti utenti. Inoltre, Trackerando permette ai suoi clienti di recuperare auto smarrite, monitorare la posizione dei propri figli, ritrovare animali e, a livello industriale, di ottimizzare la gestione delle flotte e migliorare l'allocazione delle risorse".

 

La soluzione IoT di Trackerando fornisce ai suoi clienti la possibilità di configurare rapidamente applicazioni facili da utilizzare con funzionalità di monitoraggio e rilevamento in tempo reale. I dispositivi vengono registrati automaticamente sulla piattaforma Cumulocity IoT e sono completamente integrati con i sistemi di registrazione e pagamento online di Trackerando.

 

Una volta registrati, i clienti di Trackerando – come ospedali e case di cura per anziani – possono utilizzare un insieme di regole intelligenti per abilitare funzioni di geo-fencing, regole di prossimità e allarmi multimodali. Trackerando ha creato applicazioni per smartphone iOS e Android – che Cumulocity IoT supporta in modo continuo – così da offrire ai propri clienti un'esperienza mobile completa.

 

Bodo Erken sottolinea come l'esigenza di monitorare le persone anziane stia acquistando un'importanza crescente. "Grazie alla disposizione di sensori intorno a una casa e all'utilizzo di dispositivi wearable, lo stato di salute e la sicurezza di anziani che vivono soli possono essere monitorati da remoto attraverso movimenti, posizione, interazioni e segnali vitali degli stessi. Le situazioni anomale possono innescare degli allarmi indirizzati a chi si prende cura di loro o ai familiari. Allo stesso modo, una persona anziana può inviare un segnale premendo un pulsante sul suo dispositivo per chiedere aiuto immediato".

 

La soluzione di rilevamento di Trackerando basata su Cumulocity IoT presenta diverse features interessanti tra cui: strumenti di mappatura grafica user-friendly con funzioni di geo-fencing, regole basate sulla prossimità e allarmi multimodali; integrazione continua con i sistemi di pagamento per ordini e contabilizzazioni semplici; e compatibilità con la tecnologia mobile di Apple iOS e Google Android.

 

Cumulocity IoT di Software AG, piattaforma che opera in cloud, on-premise e edge, fornisce alle aziende libertà di scelta completa in termini di progettazione, creazione, esecuzione e sviluppo di implementazioni IoT distribuite.

 

Bernd Gross, Senior Vice President, IoT and Cloud, di Software AG dichiara: "Il focus sulle esigenze dei propri clienti assicura a Trackerando di mantenere una posizione di primo piano in un mercato competitivo come quello del tracking. Basare la propria soluzione IoT su Cumulocity IoT di Software AG garantisce a Trackerando di poter mantenere il proprio focus e di sfruttare, simultaneamente, la continua evoluzione della piattaforma IoT carrier-grade leader del mercato".

 

Cumulocity IoT di Software AG comprende una gamma di soluzioni preconfezionate quali Condition Monitoring, Predictive Maintenance e Track & Trace, e permette, al tempo stesso, la gestione semplice e veloce di dispositivi e sensori, favorendo il connubio tra il mondo dell'IT e quello della tecnologia operativa (OT).

 

Bernd Gross continua: "Estendendo queste funzionalità IoT, i clienti che utilizzano Cumulocity possono sfruttare a pieno la Digital Business Platform di Software AG per sviluppare competenze di prim'ordine in termini di integrazione, gestione dei processi di business, analytics avanzate e machine learning".

 

Cumulocity IoT è unica nel suo genere per la sua capacità di fornire una soluzione "IoT-as-a-Service" che include opzioni avanzate di high availability e multi-cluster deployment. Inoltre, Cumulocity IoT comprende diverse funzionalità carrier-grade, tra cui l'integrazione senza codice dei dispositivi a supporto delle tecnologie Low Power WAN (LPWAN) utilizzate per il monitoraggio da remoto a ridotta lunghezza di banda nel lungo periodo, comprese le tecnologie Narrowband IoT (NB-IoT), Lightweight M2M (LWM2M) e Long Range (LoRa).



--
www.CorrieredelWeb.it

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *