CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Ultime news di Information & Communication Technology

Cerca nel blog

martedì 18 luglio 2017

Intelligenza artificiale e analytics: gli acceleratori della trasformazione degli ambienti lavorativi



Milano, 18 luglio 2017 – Una nuova ricerca, che ha esaminato l'evoluzione in atto delle organizzazioni dagli uffici tradizionali agli ambienti di lavoro moderni, rivela che il raggiungimento di vantaggi competitivi e il miglioramento dei processi di business sono tra i principali obiettivi delle strategie di trasformazione digitale aziendali. Questo secondo il 40% delle 800 organizzazioni, di 15 paesi, in cinque continenti, intervistate per il Digital Workplace Report: Transforming Your Business di Dimension Data, pubblicato oggi.

Un altro dato evidenziato dal Report è rappresentato dal fatto che la trasformazione digitale non riguarda più solo l'adozione delle tecnologie esistenti: il 62% dei partecipanti si aspetta di accedere a soluzioni tecnologice quali "virtual advisor" entro i prossimi due anni. Inoltre, il 58% si aspetta di cominciare a investire attivamente in tecnologie in grado di consentire l'implementazione di soluzioni di virtual advisor nei prossimi due anni. 

Oggi, i digital workplace non sono più costituiti solo da manager e dipendenti ma da collaboratori che cooperano tra di loro nella conduzione di un progetto e dipendenti che interagiscono con clienti e partner. Sono sempre di più popolati da "dipendenti virtuali" che non esistono in senso fisico ma tuttavia svolgono un ruolo importante all'interno delle organizzazioni.

Anche se l'Intelligenza Artificiale (AI) è ancora in una fase iniziale, è sufficientemente avanzata per essere introdotta nelle aziende sotto forma di assistenti virtuali e, per certi settori come quello bancario, come virtual teller e consulenti virtuali. Sotto forma di bot integrati in applicazioni specifiche, gli assistenti virtuali attingono dal motore di AI e dalle tecnologie di machine learning per rispondere a richieste semplici.

"Non è più sufficiente implementare semplicemente queste tecnologie," commenta Krista Brown, Group End-user Computing SVP di Dimension Data. "Le organizzazioni devono aumentare l'uso degli analytics per comprendere come queste tecnologie impattano sulle prestazioni di business: il 64% ricorre agli analytics per migliorare i servizi ai clienti e il 58% come metro di valutazione per le tecnologie di workplace."

Contemporaneamente, circa il 30% delle aziende afferma di essere avanti nelle proprie strategie di trasformazione digitale e di cominciare a beneficiarne, mentre il rimanente si trova ancora in una fase preliminare di sviluppo di un piano.

Brown sostiene che una delle ragioni che potrebbe trattenere le aziende dall'implementare un ambiente di lavoro digitale risieda nella propria cultura aziendale. Spesso la tecnologia e la cultura aziendale inibiscono – anziché incoraggiare – il cambiamento nel modello di lavoro. Tuttavia, l'impedimento principale al successo nell'adozione di nuovi stili lavorativi è costituito dalle problematiche IT. I partecipanti alla ricerca hanno citato le problematiche organizzative come ulteriore elemento di freno.

"La complessità delle infrastrutture IT esistenti può costituire un ostacolo importante all'implementazione di nuovi strumenti di collaborazione e produttività per supportare gli stili di lavoro flessibili. Le implementazioni di successo vengono raggiunte nel momento in cui l'IT lavora a stretto contatto con i responsabili delle linee di business," afferma Brown e aggiunge che queste trasformazioni stanno supportando nuove modalità per fare business o i clienti stessi.

Ai responsabili IT è stato chiesto di classificare le tecnologie più importanti per le proprie strategie a supporto di ambienti di lavoro digitali. 

Robert Allman, Group Senior Vice President, Customer Experience and Collaboration crede che la mobility sia l'elemento cardine per i moderni spazi di lavoro. "I responsabili di business e i CIO sono consapevoli dell'importanza della mobility negli ambienti di lavoro digitale come dimostrato da diverse aziende che supportano sia i dispositivi aziendali che di proprietà dei dipendenti all'interno del proprio ambiente lavorativo."

Le aziende si stanno indirizzando verso le tecnologie di workplace per guidare un numero sempre più ampio di servizi ai clienti, con il 45% degli intervistati che dichiara una maggiore soddisfazione dei clienti come conseguenza dell'utilizzo delle tecnologie di workspace digitali.


Dimension Data
Dimension Data sfrutta le potenzialità di trasformazione della tecnologia per aiutare le organizzazioni a cogliere le migliori opportunità dell'era digitale. Come uno dei membri del NTT Group, acceleriamo le ambizioni dei nostri clienti attraverso l'infrastruttura digitale, il cloud ibrido, il workspaces for tomorrow, la cybersecurity, e la rete come piattaforma. Con un fatturato di 7,5 miliardi di dollari, sedi in 58 paesi e 31.000 dipendenti, offriamo servizi ai clienti di tutto il mondo, in qualsiasi fase del loro percorso tecnologico evolutivo. Siamo orgogliosi di essere il Partner Tecnologico Ufficiale di Amaury Sport Organisation, organizzatore del Tour de France, e sponsor della squadra ciclistica Team Dimension Data for Qhubeka.



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter, e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della Conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.