Cerca nel blog

giovedì 29 settembre 2016

Data center europei: Il supporto ibrido ai servizi cloud e tradizionali sarà fondamentale

L'integrazione di nuovi ambienti IT con i data center on-premise e altre installazioni è necessaria per garantire operazioni IT senza soluzione di continuità, secondo il team di Digital Transformation di Frost & Sullivan

MILANO – 29 settembre 2016 – La graduale migrazione dei data center dai servizi on-premise verso i servizi in hosting come co-locazione, hosting gestito e cloud è un passaggio importante per l'infrastruttura IT delle aziende, che porta i fornitori di servizi di data center a espandere la propria offerta per supportare ambienti ibridi

Poiché l'infrastruttura IT delle aziende è attualmente un mix di servizi tradizionali e cloud, i fornitori di servizi devono adattare le proprie soluzioni per offrire un aiuto tecnico e gestionale per le configurazioni complesse.

European Data Centre Services Market è una nuova analisi parte del programma IT Services & Applications Growth Partnership Service, che comprende anche argomenti come: trasformazione dell'infrastruttura aziendale, software di backup da supporto fisico a virtuale, servizi di sicurezza gestiti, gestione dei dispositivi mobili, networking definito dal software e cloud computing.

Per accedere gratuitamente ad una preview della ricerca, si prega di vistare questo link: http://corpcom.frost.com/forms/EU_PR_AZanchi_MBE6_27Sep16

Diversi fornitori di servizi stanno seguendo diverse strategie. Ad esempio, i fornitori di servizi di co-locazione indipendenti dal carrier daranno grande importanza alle interconnessioni. Allo stesso tempo, i fornitori di hosting tradizionale stanno incorporando capacità di tipo cloud, da soli o in collaborazione con fornitori di servizi cloud, per rendere possibili diversi ambienti IT aziendali attraverso i servizi gestiti.

"Già ora, i fornitori di co-locazione stanno stringendo alleanze con i fornitori di servizi cloud per rispondere all'esigenza delle aziende di interconnessioni cloud", afferma Shuba Ramkumar, analista del gruppo Digital Transformation di Frost & Sullivan. "I fornitori di servizi di co-locazione stanno costruendo ecosistemi cloud per consentire alle aziende di operare in ambienti IT ibridi. C'è una maggiore attenzione ai modelli di networking privato per offrire un accesso più diretto e aumentare la sicurezza dei servizi di data center."

Anche se l'Europa occidentale è il polo di maggior crescita per la co-locazione e l'hosting gestito in Europa, l'Europa orientale sta recuperando velocemente terreno con le tendenze relative al cloud e alle tecnologie di hosting. Si prevede che il mercato europeo, guidato dall'esigenza delle aziende di esternalizzare la gestione dell'infrastruttura IT, crescerà da 5,65 miliardi di dollari nel 2015 fino a quota 10,13 miliardi di dollari nel 2020, con un tasso di crescita annuale composto del 12,3%.

Anche il mercato dei servizi di data center continuerà a beneficiare della convenienza di esternalizzare la gestione dell'infrastruttura IT e della carenza di risorse IT interne alle aziende. L'aumento delle applicazioni ricche di contenuti e l'attenzione agli strumenti di analisi di dati e alla distribuzione delle applicazioni porterà le aziende ad esternalizzare la gestione dell'infrastruttura. Inoltre, la crescente rilevanza di Internet delle cose richiede robusti strumenti di elaborazione di back-office, che possono essere ottenuti attraverso i servizi di data center.

"Il mercato dell'hosting gestito è ancora il preferito delle aziende per applicazioni con un utilizzo prevedibile e che hanno bisogno di server dedicati per garantire prestazioni ottimali", osserva Ramkumar. "Allo stesso tempo, la tecnologia di virtualizzazione dei server sta guadagnando terreno, ora che i clienti dei servizi di hosting gestito investono in server virtualizzati gestiti invece che in server fisici dedicati nel modello di hosting tradizionale."

--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI